Apri il menu principale
Ritratto di Anacarsi in un'incisione italiana del XVIII secolo.

Anacarsi (in greco antico: Ἀνάχαρσις, Anácharsis; Scizia, VI secolo a.C.Scizia, VI secolo a.C.) è stato un filosofo scita, noto per essere uno dei sette savi della Grecia antica.

Indice

BiografiaModifica

Originario della Scizia, secondo Erodoto Anacarsi visse all'inizio del VI secolo a.C. e “viaggiò per molte terre, dando prova ovunque di grande saggezza”[1]. Sarebbe stato un principe scita, ma di madre greca e, giunto ad Atene, divenne amico e confidente di Solone[2]. Tornato in Scizia, avrebbe tentato di riformarne le istituzioni secondo il modello greco, ma sarebbe stato ucciso: egli infatti tentò di introdurre il culto di Demetra, madre degli dei e per questo accusato di empietà e ucciso dal suo stesso fratello, il re degli sciti Saulio[3][4].

OpereModifica

Gli si attribuiscono un poemetto Sulla costituzione degli Sciti[5], una serie di detti o apoftegmi e dieci lettere apocrife, di cui nove redatte probabilmente nel III secolo a.C. e appartenenti al genere delle epistole ciniche (vedi Cinismo). In molti tra gli apoftegmi e nelle lettere Anacarsi critica la civiltà dei Greci e loda la vita semplice, “secondo natura”, dei barbari Sciti[6]. Nel 1788, Jean-Jacques Barthélemy (1716-1795) pubblicò il Viaggio del giovane Anacarsi in Grecia (Voyage du jeune Anacharsis en Grèce). In esso un immaginario giovane discendente del saggio Anacarsi visita la Grecia del IV secolo a.C., offrendo così lo spunto per minuziose descrizioni di luoghi, usi e costumi dei Greci. L'opera ebbe grande fortuna alla fine del XVIII secolo e nel XIX secolo; è citata anche da Flaubert in Madame Bovary.

NoteModifica

  1. ^ Erodoto IV, 76; cfr. anche Diogene Laerzio I, 101.
  2. ^ Diogene Laerzio I, 101-102.
  3. ^ Michel Rouche, II- Le nebulose tribali, 2.Gli Sciti, in Attila, I protagonisti della storia, traduzione di Marianna Matullo, vol. 14, Pioltello (MI), Salerno Editrice, 2019, p. 28, ISSN 2531-5609 (WC · ACNP).
  4. ^ Erodoto, IV 76.
  5. ^ In 800 versi, perduto, citato da Diogene Laerzio, I, 101.
  6. ^ Anacarsi Scita, Lettere, a cura di G. Cremonini, Palermo 1991.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Anacarsi, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 30 giugno 2015.
Controllo di autoritàVIAF (EN282823182 · ISNI (EN0000 0001 0349 610X · LCCN (ENn82082915 · GND (DE118649000 · BNF (FRcb12361920j (data) · CERL cnp00397346