Apri il menu principale
Andezeno
comune
Andezeno – Stemma
Andezeno – Veduta
Panorama del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoFranco Gai (lista civica Tutti per Andezeno) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°02′N 7°52′E / 45.033333°N 7.866667°E45.033333; 7.866667 (Andezeno)Coordinate: 45°02′N 7°52′E / 45.033333°N 7.866667°E45.033333; 7.866667 (Andezeno)
Altitudine306 m s.l.m.
Superficie7,49 km²
Abitanti2 026[1] (30-11-2017)
Densità270,49 ab./km²
Comuni confinantiArignano, Chieri, Marentino, Montaldo Torinese
Altre informazioni
Cod. postale10020
Prefisso011
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001009
Cod. catastaleA275
TargaTO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 813 GG[2]
Nome abitantiandezenesi
PatronoSan Giorgio, Santa Giustina
Giorno festivo25 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Andezeno
Andezeno
Andezeno – Mappa
Localizzazione del Comune di Andezeno nella Città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Andezeno (pronuncia /anded'ʣeno/[3]; Andzen in piemontese) è un comune italiano di 2 026 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte, situato a circa 20 chilometri a est dal capoluogo. Sorge su un'altura a nord-ovest del Monferrato e a nord-est della pianura di Chieri.

Indice

Il territorio e il toponimoModifica

Piccolo centro di 7,8 km² (2036 abitanti), sulle pendici della collina torinese, dista 20 chilometri da Torino, sulla strada Provinciale Chieri-Castelnuovo D. Bosco in direzione del Monferrato e Asti.

Il toponimo di origine celtica, secondo Dante Olivieri, deriva dal gallo-latino Andicus, da cui sarebbero derivati i borghi di Andico e di Andicello da cui Andsèn, che rimanda a un derivato in -ellus, poi italianizzato in Andezeno. Una più recente considerazione sull'origine toponomastica è stata proposta nel derivato da "Andes", nome di tribù celtica (vedi: Giulio Cesare, De bello Gallico) attestata nel centro della Francia e nella pianura padana, nei pressi di Mantova, da cui "Andi-Andio", collina a nord di Andezeno, trasformatosi poi nel diminutivo sulla collina più a valle, di Andes-ellus, Andezeno.

StoriaModifica

Andezeno (Andzèn) è un'antica località di origine celtico-latina. In età romana per la sua vicinanza (due miglia) appartiene all'agro del Municipium di Carreum (o Carream) Potentia, l'attuale Chieri. La sua prima citazione scritta risale all'anno 992 in un documento dell'imperatore Ottone III, di conferma di beni al monastero benedettino di Breme già della Novalesa. Il luogo si forma con l'unione di più proprietà (curtem e celle monasteriali) del territorio. Citato nel 992 il "Monastero di Breme", nel 1034 il "Monastero di Nonantola" e la nobile famiglia Pombia-Biandrate con le curtem di Cesole e di Andego, nel 1047 le curtem di Andio e Andego, dei Monaci di S. Salvatore e di S. Solutore del Vescovo di Torino; nel 1064 citato il "Monastero di S. Benigno di Fruttuaria nel Canavese", nel 1159 la Curtem de Calliano mentre, più tardi, nel 1211, ma riconducibile al secolo precedente per la sua vetustà, è documentata la proprietà dell'Abazia di S. Mauro di Pulcherada.

La "Curtem/Cella Monastero" Benedettina in "Andesellus" è il luogo di maggior sviluppo, in età medioevale fortificato con castello e mura, appartenente ai Monaci del Monastero di Breme/Novalesa, successivamente feudo diretto dell'Imperatore di cui ne sono "commendatari" (amministratori) nel 1026-1027 il Vescovo di Como, per amicizia personale con il medesimo Imperatore Corrado, nel 1048 il Vescovo di Pavia, dal 1065 il Vescovo di Como, nel 1152 il Papa Eugenio III conferma a Rainaldo, abate di S. Pietro di Breme, tutti i suoi possessi. Con la pace in Andezeno del 1260 nella lotta fra il libero Comune di Chieri e la nobile famiglia dei Pombia-Biandrate alleata del Marchese del Monferrato viene diviso il territorio del vicino villaggio e castello di Cesole fra Chieri e Andezeno. I Biandrate, influenti su gran parte del territorio Chierese e proprietari di un'altra "curtem" in Andego (nel territorio di Andesellum) a loro volta assegnano la proprietà di Cesole alla sorella e al cognato nobile Pietro De Castello ed è assai probabile (pur mancando la documentazione) che, al fine di non perdere la loro maggior influenza su Chieri, acquistino dal Monastero di Breme i diritti su Andezeno, come risulta dalla successiva vendita della proprietà (per duemila lire astesi) fatta del luogo con i suoi abitanti al Comune di Chieri nel dicembre del 1290. Da tale data Andezeno è unito a Chieri pur mantenendo autonomia amministrativa con un suo podestà prima di nomina chierese ed in seguito del luogo.

Il luogo segue le vicissitudini del Comune di Chieri che, nel 1339, è assoggettato al re Roberto d'Angiò, e nel 1347 ad Amedeo VI di Savoia. Nel 1396 Facino Cane devasta il Chierese e brucia alcune case anche in Andezeno. Di questo secolo è la notizia di una "Comunità Catara" affiliata a quella di Moncalieri ed è risolta la lite per la Parrocchia a favore del Vescovo di Torino contro il Monastero di Breme. Nel XV secolo, dopo una lunga lite per il pagamento del tasso viene diviso il territorio con i Comuni confinanti. Nel 1510 a seguito della elezione di Papa Giuliano della Rovere (Giulio II), commensale e parente dell'abate commendatario, Breme si impossessa nuovamente della Parrocchia e ne nomina un suo parroco. Nella successiva guerra tra Francia e Spagna, Breme perde ogni diritto sulla Parrocchia per l'occupazione e distruzione del Monastero stesso. Nei primi giorni del dicembre 1543, Andezeno è occupato dalle truppe Francesi e pochi giorni dopo viene distrutto da quelle Spagnole alleate dei Savoia al fine di rioccupare il luogo ed allontanare la minaccia degli Imperiali su Chieri. Considerati traditori per essersi arresi ai francesi gli andezenesi sono allontanati dal luogo e solo nell'aprile del 1545 ottengono la grazia dal Re Carlo di Savoia, alla rioccupazione e ricostruzione del luogo e sono infeudati delle loro proprietà. Nel 1619 Andezeno è infeudato, con signoria, al Chierese Giovanni Battista Gabaleone, Intendente di Casa Savoia e, dal 1649, è elevato al titolo di Contado di Andezeno, Baldicchieri e Salmour. Il 15 giugno 1728 il Conte Francesco Giacinto con approvazione del Senato emana i "Bandi Campestri" da osservarsi nel luogo e territorio. Imparentati con la nobile famiglia del luogo dei Balbiano, gestiscono alternativamente con i loro eredi il feudo e la riscossione del tasso. L'ultimo conte, discendente della sua stirpe, è il Conte Roggero, già deputato al Parlamento, Ministro a Napoli e Senatore del Regno.

Nel 1719, dopo tre giorni di missione dei Padri Gesuiti, Andezeno aderisce e sorge l'"Associazione di Carità" contro l'accattonaggio ed in soccorso dei poveri. Nel 1753, denominata "la filatura", è attivo un setificio, proprietà della più prospera delle famiglia Villa, commercianti a Torino. Nello stesso anno la Comunità appronta una fornace per i laterizzi da utilizzare nella costruzione della nuova Chiesa Parrocchiale. Ceduta nel 1819 alla famiglia Pasquina, cessa l'attività nel 1939. Con l'occupazione napoleonica del Piemonte, Andezeno è incluso nel cantone del Po, distretto di Riva presso Chieri. Nel 1834 tramite il Conte Giulio Cesare Balbiano d'Aramengo il Comune ricorre, senza esito, al fine di erigersi a Distretto indipendente. Il 25 novembre dello stesso anno, ha inizio, finanziata dal medesimo Conte Balbiano, la prima scuola, laboratorio femminile, asilo infantile e piccola infermeria, presso la Parrocchia, gestita da due suore Vincenzine di S. Giuseppe Benedetto Cottolengo. Il 5 marzo 1885 è costituita la "Società Cooperativa Agricola di Andezeno" con trentacinque soci. Nel 1907 nasce la Società Cooperativa in n.c. Coppo, Gaschino e C., Cassa Rurale di prestiti S. Giorgio con ventuno soci, in seguito affiliata a quella di Bagnolo Piemonte, rovinosamente fallita nel 1926.

A causa dell'emigrazione verso la città e le industrie, la popolazione si riduce a poco più di 900 abitanti, per aumentare nuovamente dopo la 2ª guerra mondiale con l'immigrazione prima dal Veneto e poi dal sud Italia. Nella seconda metà degli anni 1950 tramite il sindacalista Luigi Macario, Andezeno e riconosciuto "area depressa" con i relativi benefici per nuovi insediamenti produttivi e nel 1959 alla presenza del Ministro del Governo On. Giuseppe Pella è inaugurato lo stabilimento industriale "Plaximetal". Dalla vicina Chieri si trasferiscono nuove industrie tessili che con altri nuovi stabilimenti produttivi, nel tempo, costituiscono l'area industriale e la conseguente trasformazione territoriale da area prevalentemente agricola ad area produttiva.

Il centro storicoModifica

Andezeno fu quasi totalmente distrutta nel 1543. Vi sono scarse testimonianze dell'originale tessuto urbano medioevale, che con alcune piccole viuzze forma oggi il centro storico in cima alla collina, bastionata con mura risalenti al XVIII secolo; l'ex asilo infantile, ora casa privata; un edificio risalente al XV secolo con una pregevole facciata in mattoni a vista con quattro finestre ad arco acuto; la Parrocchiale di San Pietro, Giorgio e Giustina del 1753; la Chiesa dei "Batu" del 1596; la torre campanaria risalente al XII secolo, in origine torre di difesa del castello; l'antico Palazzo dei nobili, conti Balbiano del XVI secolo; Palazzo degli "Ormea"; e dai più moderni Palazzo-residenza della famiglia Villa (Villa S. Carlo) del XVIII secolo; dalla casa "Angelino" del XIX secolo; dalla "vigna" settecentesca della famiglia Valimberti-Varrone, ora Condio. Casa "Richeto, Richetto" del XVII sec. residenza (nel XIX sec.) del comandante della Guardia Civile di Chieri, Francesco Piovano, ora Villa Balbiano. La Villa-Castello "Simeon" costruito tra 1825-30. Sul territorio gli antichi nuclei agrari (ex curtensi), con Cappella, di "Cesole" con il mulino ad acqua del XV sec. e di "Fruttera", dal 1818 proprietà del Ministro savoiardo e Filosofo Francese Joseph de Maistre, ove nel 1857 soggiornò Don Bosco con i suoi ragazzi ospiti della Contessa Ottavia, deceduta in concetto di Santità. La Cascina "Tario", in parte trasformata in residenza civile e in parte, in comodato d'uso, sede della Comunità "Cascina Tario" di Don Luigi Ciotti.

Il castelloModifica

L'ultima notizia del castello medioevale di Andezeno è fornita dall'antico catasto del 1533, in cui risulta occupato dalla famiglia dei tre fratelli "Pozzo". Il nucleo originario del castello, di cui restano poche tracce, risale al XII secolo. Fu gravemente danneggiato e poi distrutto nel XVI secolo dall'esercito spagnolo e da quel momento non se ne hanno più notizie. Esso è stato in parte incorporato nella costruzione della nuova residenza della famiglia Ormea e Berta nel secolo XVII e della famiglia Villa all'inizio del XVIII secolo, con la totale trasformazione della collina sul lato sud-ovest verso Chieri.

La parrocchiale di San Pietro, Giorgio e GiustinaModifica

Dedicata al patrono del paese, è opera dell'architetto Giovan Battista Casasopra. Fu costruita fra il 1753 ed il 1759 e consacrata nel 1764, dopo anni di discussioni sull'opportunità o meno di abbattere la vecchia chiesa Parrocchiale medievale, di San Pietro (di proprietà dei Monaci del Monastero di Breme già della Novalesa), troppo piccola e fatiscente. La chiesa è a navata unica rettangolare con sei cappelle, tre per lato, comunicanti. Il soffitto è a botte e affrescato dai fratelli Morgari. Sotto l'altare maggiore è presente un'urna riccamente cesellata in cui è conservato il corpo di Santa Giustina martire, protettrice dei frutti della terra, festeggiata ogni anno nell'ultima domenica di ottobre.

La chiesa dei BatuModifica

La confraternita di San Marco, conosciuta con il nome di chiesa dei Batu, ha svolto un ruolo significativo nella storia del paese. Essa era proprietà dell'antica Compagnia dei Disciplinanti, o Battuti, movimento religioso che si rifà alla predicazione di San Vincenzo Ferreri ma che ha le sue origini più lontane nei movimenti pauperistici dell'XI secolo. I lavori per la costruzione iniziarono nel 1596 e si conclusero con la consacrazione nel 1604 da parte dell'arcivescovo Carlo Broglia che per l'occasione ricevette il dono di un baldacchino in damasco. In una relazione del tempo si legge «...si andava a gara tra confratelli e sorelle, di arricchir di arredi la nuova chiesa...», tanto che diventò uno specchio per la nobiltà locale, che poteva confrontarsi nelle iniziative devozionali. Il risultato fu la creazione di un ricco e fastoso arredo di cui ora non ci rimane altro che la descrizione. Ristrutturata nel 1844 e nuovamente alla fine del secolo per rimediare a una situazione dissestata da interventi provvisori. La decadenza iniziò ai primi del Novecento quando le peggiorate condizioni della popolazione locale non permisero più di elargire doni come in passato.

La chiesa di San Giorgio e Grato al Cimitero (nella visita pastorale del 1584 di Monsignor Peruzzi denominata di "San Gregorio")Modifica

Sorge alla sommità dell'omonima collina a nord poco distante dal paese, nell'antico cimitero. Costruita in stile romanico-lombardo e stata restaurata più volte nei secoli. I lavori di restauro del 1959 hanno evidenziato la natura più antica della chiesa, la facciata e la parete est, sono state totalmente rifatte; la parete sud meglio conservata è costruita con materiale litico di recupero di epoca romana, in parte a esca si pesce, l'abside, risale al XII secolo. È il più antico monumento storico del paese e funzionò anche come Parrocchiale.

EconomiaModifica

Paese prevalentemente agricolo sino al secondo dopoguerra, dai primi anni Sessanta ha subito una forte industrializzazione. Ai primi anni Ottanta risale la costruzione di un'area artigianale-industriale situata a sud-ovest rispetto all'abitato. Oggi Andezeno vanta numerose piccole e medie aziende nei settori alimentare (Monviso S.r.l, Kraft Foods Italia S.p.A.), meccanico, tessile, grafico-cartotecnico, stampaggio materie plastiche, industria molitoria, produzione di mangimi animali (Morando S.p.A.) e pitture speciali per l'edilizia. Tra i prodotti tipici locali spiccano il grissino Rubatà, il rinomato vino Freisa, le cipolle "piatline", i cardi, protagonisti della sagra del cardo e della Bagna càuda, manifestazione che ha luogo ogni anno la seconda domenica di ottobre.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

 


Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti ad Andezeno sono 188[5], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[6]:

  1. Romania, 136

AmministrazioneModifica

 
Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Emanuelita Nosengo lista civica Sindaco
2009 2014 Emanuelita Nosengo lista civica Sindaco II mandato
2014 in carica Franco Gai lista civica Tutti per Andezeno[7] Sindaco

NoteModifica

  1. ^ Bilancio demografico Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Cioè con la -z- sonora e l'-e- chiusa. Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Andezeno", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dato Istat al 31/12/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 27 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).
  6. ^ Dati superiori alle 20 unità
  7. ^ Comune di Andezeno - Liste e risultati, La Repubblica,www.repubblica.it Archiviato il 30 maggio 2014 in Internet Archive. (consultato nel giugno 2014)

BibliografiaModifica

  • Il Piemonte paese per paese, Ed. Bonechi, 1993, pp. 69 – 71 .
  • Andezeno "Mille anni di storia" Territorio, popolamento e potere nei secoli medioevali - Ed. Comune di Andezeno, 1992
  • Andezeno "Mille anni di storia" Produzione sacra, strategie devozionali e tutela, sec. XVII-XIX - Ed. Comune di Andezeno, 1992.
  • Archivio di Stato, Torino e Milano.
  • L.C. Bollea "Cartario dell'Abazia di Breme".
  • Anonimo, "Cronicom Monasterii Novalicensis".
  • P.D. Luigi Tatti, "Degli annali Sacri della città di Como"
  • Archivio storico Città di Chieri, "Libro Rosso".
  • Archivio storico "Comune di Andezeno".
  • Archivio "Parrocchia S. Pietro, Giorgio, Giustina, di Andezeno"

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN245413192 · GND (DE4615273-8
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte