Apri il menu principale
Andrea Doria
Italian battleship Andrea Doria (1885).jpg
La corazzata Andrea Doria nel 1899
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tiponave da battaglia pre-dreadnought
ClasseRuggiero di Lauria
In servizio conFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
CantiereArsenale di La Spezia
Impostazione7 gennaio 1882
Varo21 novembre 1885
Completamento16 maggio 1891
Entrata in servizio1891
Caratteristiche generali
Dislocamentostandard: 11.204 t
a pieno carico: 11.726 t
Lunghezza105,9 m
Larghezza19,8 m
Pescaggio8,7 m
Propulsionevapore:
Velocità16 nodi (30 km/h)
Autonomia4.500 miglia a 10 nodi
Equipaggio506
Armamento
Artiglieria4 cannoni da 431/29 mm,
2 cannoni da 152 mm,
4 cannoni da 120 mm,
2 cannoni da 75 mm,
10 cannoni da 57 mm,
17 cannoni da 37 mm
Siluri5 tubi lanciasiluri da 450 mm
Corazzaturaverticale: 450 mm
orizzontale: 75 mm
torri: 25 mm
barbette: 360 mm
torrione: 250 mm

dati tratti da[1]

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

L'Andrea Doria fu una nave da battaglia pre-dreadnought della Regia Marina della classe Ruggiero di Lauria, entrata in servizio nel 1891 e andata in disarmo nel 1911.

Indice

StoriaModifica

La sua costruzione avvenne presso l'Arsenale di La Spezia, dove lo scafo venne impostato sugli scali il 7 gennaio 1882. La nave venne varata il 21 novembre 1885 con il nome Andrea Doria in onore dell'omonimo ammiraglio e uomo di stato genovese; completata il 16 maggio 1891 prese il mare sotto il comando del contrammiraglio De Liguori.

A causa del progetto poco innovativo della sua classe, la'Andrea Doria nacque già obsoleta, inferiore come capacità alle unità coeve.[1] Nel 1895 fece parte insieme all'unità gemella Ruggiero di Lauria, della formazione navale italiana inviata a presenziare alle cerimonie per l'apertura del canale di Kiel.

Nell’ottobre del 1896 venne inviata nel Levante ove rimase sino al 20 giugno del 1897.

Nel 1907 venne stanziata a Venezia ed utilizzata come sede dipartimentale e nave scuola per fuochisti artificieri. Trasferita a Taranto nell’aprile del 1911 l'Andrea Doria venne posta in disarmo in data 1 maggio 1911 e quindi radiata con regio decreto del 25 maggio 1911. Successivamente alla radiazione il suo scafo venne impiegato come nave caserma fino al febbraio 1915 quando venne trasformata in batteria galleggiante ed iscritta nuovamente nel quadro del naviglio militare come nave ausiliaria di prima classe e trasferita a Brindisi in data 7 aprile 1915 e adibita a difesa costiera venne classificata, con foglio d’Ordini n. 255 del 12 settembre 1915 come “pontone Andrea Doria” e successivamente denominata pontone GR 104 all'entrata in servizio della nuova corazzata battezzata con lo stesso nome,[2]

Dopo avere svolto nel corso della prima guerra mondiale il servizio di difesa fissa della piazza militare sino al 1918, nel 1919 venne definitivamente radiata e demolita nel 1929.

NomeModifica

il nome Andrea Doria è abbastanza ricorrente nella storia navale italiana.

La successiva Andrea Doria costruita anche questa, all'Arsenale di La Spezia, ereditò oltre al nome bandiera di combattimento e il cofano che vennero consegnati il 14 agosto 1915[3] mentre la nave era in allestimento, entrado in servizio il 30 marzo 1916 e prendendo parte sia al primo che al secondo conflitto mondiale dopo essere stata ricostruita tra il 1937 e il 1940; nel dopoguerra fu una delle due navi da battaglia, con la gemella Caio Duilio concesse all'Italia dalle condizioni del trattato di pace, svolgendo, nella nuova Marina Militare Italiana, principalmente compiti di addestramento e di rappresentanza e ospitando a bordo il Comando in capo delle forze navali,[4] alternandosi nel compito di ammiraglia della flotta proprio con la gemella Caio Duilio, andando in disarmo il 1º novembre 1956.

Successivamente il nome Andrea Doria è stato dato ad un incrociatore lanciamissili entrato in servizio nel 1964 ed andato in disarmo nel 1992. A questa unità, in un ideale passaggio di consegne, il 10 giugno 1964, venne consegnata la bandiera di combattimento a nome dell'equipaggio del precedente Andrea Doria.

Attualmente un'altra unità con il nome Andrea Doria della classe Orizzonte è in servizio nella Marina Militare italiana. Costruita nel cantiere di Riva Trigoso, lo stesso dove era stato costruito l'incrociatore degli anni sessanta, è stata varata il 15 ottobre 2005 e dopo essere stata trasferita nel gennaio 2006 negli stabilimenti Fincantieri di Muggiano per l'allestimento finale è stata consegnata alla Marina Militare italianaa Genova il 22 dicembre 2007[5] col l'alzata sul pennone dell'unità della bandiera della Marina; dopo aver proseguito i collaudi riguardanti i sistemi di comando, controllo e comunicazione, ed aver conseguito la piena operatività nel giugno 2009[6] la nave ha ricevuto la bandiera di combattimento nel porto di Genova il 13 ottobre 2010.[7]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Andrea Doria - Corazzata, su marina.difesa.it. URL consultato il 4 settembre 2016.
  2. ^ LA REGIA MARINA AL 24 MAGGIO 1915
  3. ^ LE CORAZZATE CLASSE «DUILIO»
  4. ^ Il nuovo comandante della flotta italiana - L'ammiraglio Massimo Girosi assume l'incarico di comandante in capo della squadra navale subentrando all'ammiraglio Oliva.
  5. ^ Consegnato alla Marina Militare il cacciatorpediniere Andrea Doria, su marina.difesa.it. URL consultato il 4-2-2008.
  6. ^ TG1 20 giugno 2009 ore 13:30.
  7. ^ Genova – Il cacciatorpediniere Andrea Doria riceve la bandiera di combattimento.

Altri progettiModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina