Andrea Finocchiaro Aprile

politico italiano
Andrea Finocchiaro Aprile
Andreaaprilefinocchiaro.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Misto
Collegio XXX (Palermo)
Incarichi parlamentari
Membro della Commissione per la Costituzione e della Seconda Sottocommissione
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXIV, XXV, XXVI.
Gruppo
parlamentare
gruppo demosociale
Collegio (Palermo)
Incarichi parlamentari

Dati generali
Partito politico Movimento per l'Indipendenza della Sicilia
Titolo di studio dottore in giurisprudenza
Professione avvocato

Andrea Finocchiaro Aprile (Lercara Friddi, 26 giugno 1878Palermo, 15 gennaio 1964) è stato un politico italiano, leader del Movimento per l'Indipendenza della Sicilia (MIS).

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Camillo Finocchiaro Aprile, fu politico liberale e più volte ministro e in particolare fu Ministro di grazia e giustizia del governo Fortis. Proveniva da una famiglia della borghesia palermitana. Il padre, anch'egli avvocato, fu uno dei padri del Risorgimento siciliano ed entrò a Palermo con Garibaldi, La madre era la nobildonna siciliana Giovanna Sartorio

Andrea Finocchiaro Aprile era fratello dell'On. Emanuele, ingegnere palermitano.

Fu anche docente di "storia del diritto" all'università di Ferrara e dal 1912 a Siena.

La politica prima del fascismoModifica

Iniziò la propria attività politica con l'elezione a deputato alla Camera nel 1913 come liberale, seguendo le orme paterne. Rieletto nel 1919 alla Camera con la lista demosociale, fu nominato sottosegretario alla Guerra nel governo Nitti I fino al 1920 e alle Finanze nel governo Nitti II. Rieletto nel 1921, si oppose da massone al nascente regime fascista, e nel 1924 preferì candidarsi si presentò nelle liste dell'Unione nazionale di Giovanni Amendola, piuttosto che nel listone fascista e non fu rieletto[1]. Si ritirò nel 1925 dalla politica attiva e tornò all'avvocatura, esercitando a Roma[2].

Nel 1936 manifestò il proprio consenso alla guerra d'Etiopia e all'unione dell'Albania all'Italia. La sua figura in questo periodo appare controversa. Probabilmente l'episodio più oscuro della sua carriera fu quando, negli anni trenta, avrebbe denunziato, nel tentativo di far assegnare a sé l'incarico di direttore del Banco di Sicilia, l'allora dirigente Giuseppe dell'Oro perché ebreo. La denunzia non ebbe però gli effetti sperati. In realtà Andrea Finocchiaro Aprile non lo aveva contrastato in quanto ebreo, ma perché, come altre persone non ebree che denunciò all'epoca, praticava l'usura[senza fonte]

L'indipendentismo sicilianoModifica

Nell'inverno 1942 prese contatti con esponenti della politica siciliana prefascista. Ritornò ufficialmente in politica nel giugno 1943, pochi giorni prima dello sbarco degli alleati in Sicilia, lanciando a Palermo un appello con un Comitato d'Azione alla resistenza passiva contro l'Italia fascista, comitato che diventerà il nucleo originario del Movimento Indipendentista Siciliano. Mantenne anche stretti contatti con i servizi segreti sia inglesi sia americani, ufficialmente per cercare l'appoggio di queste nazioni per creare una confederazione di stati italiani, europei e mediterranei. Autorizzò la nascita dell'Esercito Volontario per l'Indipendenza della Sicilia (EVIS). Nel 1944 scampò ad un attentato nel corso di una manifestazione organizzata dal Movimento Indipendentista Siciliano a Regalbuto (EN) ma, nello stesso anno, fu arrestato per ordine del governo Bonomi. Il MIS nel 1944 arrivò a contare quasi mezzo milione d'iscritti. Ritornò libero nel 1945 ma, nell'ottobre dello stesso anno, fu nuovamente arrestato insieme al suo braccio destro Antonino Varvaro ed inviato al confino politico a Ponza dove rimase sino al marzo del 1946[3].

Nel 1946 fu eletto deputato all'Assemblea Costituente nelle liste del Movimento per l'Indipendenza della Sicilia. Nel 1947 il sodalizio con Varvaro si dissolse per gravi divergenze sulla concezione del MIS. Il segretario voleva che il movimento assumesse una posizione politica ben precisa, nella fattispecie a sinistra, mentre Finocchiaro Aprile lo considerava trasversale a qualsiasi ideologia. Nel III congresso nazionale di Taormina, Varvaro fu espulso dal MIS[4] anche a causa delle pressioni della frangia di "destra" (Tasca-Carcaci)[5].

Nel maggio 1947 fu eletto deputato all'Assemblea regionale siciliana[6], ma si dimise nel 1948, per affrontare nuovamente le urne per le prime elezioni del Parlamento Repubblicano, ma non risultò eletto; decise pertanto di lasciare il MIS che - dopo aver perso ogni rappresentanza parlamentare nazionale - nel 1951 si sciolse.

Ultime esperienze politicheModifica

Sfaldatosi il MIS, si ritirò dalla politica attiva. Un effimero ritorno si verificò nel 1953, quando accettò, senza peraltro risultare eletto, di essere il capolista alle politiche dell'Alleanza Democratica Nazionale, la cui lista, animata da esponenti liberali e centristi, svolse la funzione di "antidoto" alla legge elettorale maggioritaria.

Successivamente, sarà nominato giudice dell'Alta Corte per la Regione Siciliana.

NoteModifica

  1. ^ Andrea Finocchiaro Aprile in Dizionario Biografico – Treccani
  2. ^ Antonello Battaglia, La fine del conflitto e la parabola del separatismo siciliano (1945-1951) in L'Italia 1945-1955, la ricostruzione del paese e le Forze Armate, Ministero della Difesa, Roma, 2014., in p. 427.
  3. ^ Cfr. lo scontro Finocchiaro-Parri alla Costituente del 25-26 febbraio 1947 (Intervento di F. A., Replica di Parri)
  4. ^ Antonello Battaglia, Sicilia contesa. Separatismo, guerra, mafia, Roma, Salerno, 2014.
  5. ^ Antonello Battaglia, Separatismo siciliano. I documenti militari, Roma, Nuova Cultura, 2015.
  6. ^ Assemblea Regionale Siciliana - Profilo Deputato Finocchiaro Aprile Andrea

BibliografiaModifica

  • G. C. Marino. Storia del separatismo siciliano 1943-1947. Roma, Editori Riuniti, 1979
  • A. Finocchiaro Aprile (a cura di Massimo Ganci). Il Movimento Indipendentista Siciliano. Palermo, Libri Siciliani, 1966
  • S. Musumeci. Tra Separatismo ed Autonomia - il Movimento per l'Indipendenza della Sicilia. Messina, Armando Siciliano Editore, 2005
  • Il Movimento per l'indipendenza della Sicilia - Memorie del Duca di Càrcaci S.F. Flaccovio Editore, Palermo 1977
  • Antonello Battaglia, Sicilia contesa. Separatismo, guerra e mafia, Salerno Editore, Roma, 2014
  • Antonello Battaglia, Il separatismo siciliano nei documenti dello SME e del SIM, in Le operazioni interforze e multinazionali nella storia militare, Ministero della Difesa, Roma, 2014
  • Antonello Battaglia, La fine del conflitto e la parabola del separatismo siciliano (1945-1951) in L'Italia 1945-1955, la ricostruzione del paese e le Forze Armate, Ministero della Difesa, Roma, 2014
  • Antonello Battaglia, Separatismo siciliano. I documenti militari, Nuova Cultura, Roma, 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autorità VIAF: (EN69031197 · BNF: (FRcb124805512 (data)