Apri il menu principale
Andrea Giorgis
Andrea Giorgis daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Piemonte 1
Collegio XVIII:
1 (Torino-Centro)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Torino
Professione Professore Ordinario di Diritto Costituzionale

Andrea Giorgis (Torino, 12 aprile 1965) è un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Torino nel 1965, Andrea Giorgis è professore ordinario di diritto costituzionale presso l'Università degli Studi di Torino.

È autore di numerosi scritti in tema di diritti fondamentali, di forma di governo e di giustizia costituzionale. Fino all'assunzione della carica di deputato è stato uno dei coordinatori del comitato scientifico di Biennale Democrazia.

Nel 1991 ha aderito al PDS e quindi ai DS.

Consigliere comunale della Città di Torino dal 1997 al 2011, durante l'amministrazione Chiamparino è stato capogruppo del gruppo consiliare dell'Ulivo e poi del PD.

Dal novembre 2009 al febbraio 2014 ha ricoperto la carica di presidente dell'Assemblea regionale del PD Piemonte.

Nel febbraio del 2013 è stato eletto deputato al Parlamento italiano, diventando componente della I commissione (affari costituzionali), del comitato per la legislazione e della giunta per il regolamento.

Elezione a deputato e referendum costituzionale del 2016Modifica

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Piemonte 1 per il PD, diventandone il segretario del gruppo alla Camera.

Nel referendum confermativo del 2016 sul progetto di riforma costituzionale Renzi-Boschi, in disaccordo con l'allora maggioranza del suo partito, si è schierato per il NO.[1]

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato nel collegio uninominale di Torino-Centro.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN42119593 · ISNI (EN0000 0000 6152 8096 · SBN IT\ICCU\BVEV\014079 · LCCN (ENn93045588 · BNF (FRcb15016827r (data) · BAV ADV11770664 · WorldCat Identities (ENn93-045588