Andrea Purgatori

giornalista, sceneggiatore, saggista e attore italiano (1953-2023)

Andrea Purgatori (Roma, 1º febbraio 1953Roma, 19 luglio 2023[1]) è stato un giornalista, sceneggiatore, saggista e attore italiano.

Andrea Purgatori nel 2002

Biografia modifica

 
Andrea Purgatori durante la conduzione della plenaria, nell'evento "veDrò - L'Italia al futuro"

Giornalista professionista dal 1974, conseguì il Master of Science in Journalism della Columbia University a New York nel 1980.[2] Inviato del Corriere della Sera dal 1976 al 2000, divenne noto per le inchieste e i reportage su casi scottanti del terrorismo internazionale e italiano negli "anni di piombo" e sullo stragismo, come il caso Moro e la strage di Ustica.[3] Raccontò numerosi delitti di mafia dal 1982, fino alla cattura di Totò Riina. Realizzò reportage su molti conflitti, come la guerra in Libano del 1982, la guerra tra Iran e Iraq degli anni ottanta, la guerra del Golfo del 1991, l'Intifada e le rivolte in Tunisia e Algeria.[4] Scrisse anche per l'Unità, Vanity Fair, The Huffington Post e Le Monde diplomatique.[5] Da ultimo collaborò con il Corriere della Sera e Style Magazine.[6]

Fu autore e conduttore di Uno di notte (Rai 1, 1999).[3] Realizzò servizi televisivi per Dossier, Spazio Sette, Focus (Rai 2 1978/1988); in video condusse anche Confini (Rai 3, 1996).[3]

Per la saggistica pubblicò A un passo dalla guerra (1995), Il bello della rabbia (1997) e I segreti di Abu Omar (2008). Nel 2019 diede alle stampe il suo primo romanzo: Quattro piccole ostriche (HarperCollins).[7]

Scrisse molti film e fiction per la TV.[2] Per il cinema scrisse tra l'altro Il muro di gomma (1991), dedicato alla sua inchiesta sulla strage di Ustica, Il giudice ragazzino (1994) e L'industriale (2011).[2][4] Ottenne tra gli altri il Nastro d'argento 1992 per il miglior soggetto con Il muro di gomma,[3] il Premio Hemingway di giornalismo nel 1992,[8] il Premio Crocodile - Altiero Spinelli per il giornalismo nel 1992,[9] il Globo d'oro 1994 per la miglior sceneggiatura con Il giudice ragazzino[6] e nel 2009, con Marco Risi e Jim Carrington, si aggiudicò il premio Sergio Amidei per la miglior sceneggiatura internazionale con il film Fortapàsc.[10]

Nel 1987, oltre a partecipare al soggetto e alla sceneggiatura del film Spettri, vi apparve come attore. Amico di Corrado Guzzanti e suo coautore, nel 2002 partecipò al programma televisivo Il caso Scafroglia (Rai Tre), interpretando la voce fuori campo che dialoga con il conduttore,[11] mentre nel 2006 prese parte al film Fascisti su Marte nel ruolo del camerata Fecchia[4] e, sempre con Guzzanti, nel 2011 e nel 2012 realizzò le due edizioni di Aniene (Sky Uno).[12] Fu coautore del programma televisivo di Antonio Albanese Non c'è problema (Rai Tre, 2002).[13] Apparve come attore in più episodi della serie televisiva Boris,[4] nei film di Carlo Verdone Posti in piedi in paradiso (2012) e L'abbiamo fatta grossa (2016)[4], nei film di Alessandro Aronadio Due vite per caso (2010)[13] e Orecchie (2016)[4] e nella serie televisiva 1993 (2017).[4]

Nel 2003 scrisse insieme a Francesco Nicolini i sei monologhi di Marco Paolini per Teatro Civile (Rai Tre).[14] Nel 2010 collaborò alla scrittura del film Vallanzasca - Gli angeli del male di Michele Placido, ma poi, insieme ad Angelo Pasquini, ritirò la firma dalla sceneggiatura, contrariato dal risultato qualitativo[15][16]. Dal 12 maggio 2014 al 15 giugno 2020 fu presidente di Greenpeace Italia.[17][18] Fu membro dell'Accademia del Cinema Italiano e dell'Accademia europea del cinema, presidente delle Giornate degli Autori e, dal 4 marzo 2015, membro del Consiglio di Gestione della Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE).[19] Dalla stagione televisiva 2017-2018 condusse su LA7 Atlantide, per il quale ricevette il Premio Flaiano 2019 come miglior programma culturale.[2] Nell'autunno del 2022 fu protagonista della docu-serie Netflix Vatican Girl: la scomparsa di Emanuela Orlandi.[20]

Morte modifica

Purgatori è morto in un ospedale romano il 19 luglio 2023 all'età di 70 anni[21] dopo due mesi dalla diagnosi di una grave forma tumorale.[22][23] Il giorno seguente la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine per omicidio colposo dopo una denuncia della famiglia del giornalista per appurare la correttezza delle cure prestate: ciò ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati dei due medici che prescrissero la radioterapia a Purgatori.[22]

La camera ardente è stata aperta il 27 luglio al Campidoglio nella sala della Protomoteca; il giorno seguente il funerale nella basilica di Santa Maria in Montesanto a piazza del Popolo a Roma.

Nel settembre dello stesso anno la Procura ha accertato con l'autopsia l'assenza di metastasi al cervello nel momento della sua morte.[24]

Vita privata modifica

Si sposò nel 1992 presso Coira, in Svizzera, con Nicola Schmitz, una storica dell'arte di origine tedesca da cui poi si separò: da lei ebbe tre figli, l'attore Edoardo, Ludovico e Victoria.[25] Si considerava credente ma non praticante.[26]

Opere modifica

Saggistica modifica

Romanzi modifica

Sceneggiature e teatro modifica

Altro modifica

Filmografia modifica

Attore modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

  • Boris – serie TV, 4 episodi (2008, 2022)
  • 1993 – serie TV, 3 episodi (2017)
  • The Bad Guy – serie TV, episodio 1x01 (2022)

Sceneggiatore modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

Riconoscimenti modifica

Altri premi modifica

  • 1992 – Premio "Crocodile" Altiero Spinelli
  • 1992 – Premio Hemingway
  • 1993 – Premio Cinema per la pace per Il muro di gomma
  • 1993 – Premio Cinema e società per Il muro di gomma e Nel continente nero
  • 1999 – Premio Rocco Chinnici
  • 2001 – Premio Colombe d'Oro per la pace
  • 2009 – Premio Elsa Morante Cinema per Fortapàsc
  • 2009 – Premio Internazionale Sergio Amidei alla migliore sceneggiatura per Fortapàsc
  • 2010 – Fipa d'or alla migliore sceneggiatura per Lo scandalo della Banca Romana
  • 2014 – Premio Mediterraneo
  • 2019 – Premio Flaiano al programma culturale per Atlantide - Storie di uomini e di mondi
  • 2020 – Premio Morrione – Baffo d'Oro alla carriera
  • 2020 – Premio Giustolisi per il giornalismo d'inchiesta
  • 2021 – Premio Internazionale Carlo Pisacane – Sapri
  • 2023 – Premio Pietro Calabrese
  • 2023 - Premio Giornalistico Nazionale "Lamberti Sorrentino - Cronisti di guerra"

Note modifica

  1. ^ Andrea Purgatori morto, due indagati per omicidio colposo., su ilfattoquotidiano.it, 21 luglio 2023. URL consultato il 21 luglio 2023.
  2. ^ a b c d Andrea Purgatori, vita e carriera del giornalista d'inchiesta che si dedicò alla strage di Ustica, in Sky TG24.
  3. ^ a b c d È morto Andrea Purgatori, in AGI.
  4. ^ a b c d e f g Storia di Andrea Purgatori, che ha vissuto sette vite (giornalismo compreso), su professionereporter.eu.
  5. ^ Andrea Purgatori - Fondazione Palazzo Ducale, su palazzoducale.genova.it.
  6. ^ a b Andrea Purgatori è morto a 70 anni: vita, carriera, il ricordo di Style, in Style Magazine.
  7. ^ Addio ad Andrea Purgatori, su illibraio.it.
  8. ^ Albo d'oro Premio Hemingway, su premiohemingway.it.
  9. ^ Congedi. Andrea Purgatori (1.2.1953-19.7.2023), su stefanorolando.it.
  10. ^ Marco Risi e il giornalista e sceneggiatore Andrea Purgatori ospiti All'Amidei a Gorizia, su connessomagazine.it.
  11. ^ Il caso Scafroglia, su raiplay.it.
  12. ^ Corrado Guzzanti torna su Sky: «Monti? Salvato dalla parrucca» (PDF), in l'Unità.
  13. ^ a b Racconti dal carcere - Gli scrittori tutor - Andrea Purgatori, su raccontidalcarcere.it.
  14. ^ U-238 - Jolefilm, su jolefilm.com.
  15. ^ Gloria Satta, Placido risponde alle critiche sul film: «Il male ha sempre affascinato gli artisti», in Il Messaggero, 7 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2016).
  16. ^ Giro: "La commissione boccerà il film su Vallanzasca, niente soldi", in Adnkronos, 7 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2011).
  17. ^ In ricordo di Andrea Purgatori, ex-presidente di Greenpeace Italia, su greenpeace.org.
  18. ^ Quando Purgatori fu eletto presidente di Greenpeace e invitò l'allora premier Renzi su una loro nave, su lastampa.it.
  19. ^ Consiglio di Gestione (in carica fino al 3 ottobre 2022), su siae.it. URL consultato il 20 luglio 2023.
  20. ^ Andrea Purgatori: «Emanuela Orlandi? Le molestie plausibili con la pista più probabile, quella dei soldi», su vanityfair.it.
  21. ^ Morto Andrea Purgatori, il giornalista che voleva la verità su Ustica, in laRepubblica, 19 luglio 2023.
  22. ^ a b La Procura di Roma apre un'inchiesta sulla morte di Purgatori - Notizie - Ansa.it, su Agenzia ANSA, 20 luglio 2023. URL consultato il 20 luglio 2023.
  23. ^ Andrea Purgatori, aperta una inchiesta per omicidio colposo. La famiglia: “Cure sbagliate”, su msn.com, 20 luglio 2023.
  24. ^ Morte Purgatori, dagli esami non emergono metastasi a cervello, in ANSA, 28 settembre 2023. URL consultato il 28 settembre 2023.
  25. ^ Edoardo, Ludovico e Victoria: il dolore e il riserbo dei figli di Andrea Purgatori alla camera ardente, in Il Corriere della Sera.
  26. ^ Lucio Giordano, Cerco Dio andando nei ritiri spirituali ma dentro di me ho sempre molti dubbi, in Dipiù, n. 14, 8 aprile 2022, pp. 86-89.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN101866503 · ISNI (EN0000 0003 8581 745X · SBN RAVV048083 · LCCN (ENnr96031212 · GND (DE1013197488 · BNE (ESXX1342907 (data) · BNF (FRcb136297124 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr96031212