Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nacque a Roccacontrada, oggi Arcevia, in località Palazzo, il 29 novembre 1743. Figlio di Arcangelo, stimato architetto ed autore di varie fabbriche nelle Marche, e di Angela Fattorini, a 14 anni fu mandato a Perugia per continuare gli studi e frequentare il corso del pittore Appiani. A 17 anni si recò a Roma presso la scuola di Stefano Pozzi; ma presto abbandonò la pittura per l'architettura, apprendendo il disegno presso Carlo Murena, che dirigeva lo studio di Luigi Vanvitelli, all'epoca già a Napoli.

Tornato nel 1765 a Palazzo in seguito alla morte del padre, operò nei dintorni sino a che, nel 1779, fu richiamato a Napoli da Luigi Vanvitelli, perché collaborasse ai disegni della Reggia di Caserta. Morto Vanvitelli, ricusò l'offerta del figlio di questi, essendo assai impegnato in molte fabbriche che aveva nelle Marche ed in altri prestigiosi incarichi, tra cui l'ideazione e realizzazione del canale Pio della celebre Cascata delle Marmore, che aveva la funzione di liberare la Valnerina da periodiche e disastrose inondazioni.

In seguito al successo di tale impresa, fu nominato Primo Ingegnere della Congregazione delle Acque, cui si aggiunsero poi quello di Architetto della Rev.ma Fabbrica di San Pietro e molte altre onorificenze. Rinunciò peraltro alla carica di Segretario dell'Accademia di Belle Arti di Milano ed alla Cattedra di Architettura a Mantova.

Nel 1785 venne eletto membro dell'Accademia di S. Luca, e, dopo esserne stato Segretario, ne fu anche Principe; in seguito, variato il sistema, ne divenne Presidente dopo il Marchese Antonio Canova, di cui era intimo amico. Unitamente a questi, fu compilatore dello Statuto accademico del 1812.

Il 10 settembre 1817, per male cardiaco, morì in Roma all'età di 74 anni non ancora compiuti e fu sepolto a S. Maria in Vallicella. Dalla moglie Teresa Storace ebbe molti figli, ma la casata avrebbe avuto termine con lui, se la figlia Barbara Vici, sposata in prime nozze a Giulio Cesare Busiri, ed in seconde all'Architetto Clemente Folchi, non avesse imposto anche il proprio cognome ai figli, dando vita così alle famiglie dei Busiri Vici e Folchi Vici.

Percorso artisticoModifica

L'invasione dello Stato Pontificio (1796) e poi di Roma (1799) da parte dei Francesi, favorì apporti preziosi sul piano artistico, portando Andrea, che a Roma lavorò in quel periodo attivamente, a contatto con le tematiche di Ledoux e Boullèe, da Kaufmann definiti gli “architetti della rivoluzione”. Le opere di tali utopisti, caratterizzate in senso simbolico e frutto di un'irrealtà ragionata, si riallacciavano all'Illuminismo, movimento essenziale per i futuri sviluppi dell'architettura, che si basava sulla superiorità razionale dell'intelligenza, escludendo il trascendente come ispiratore dell'espressione artistica; parimenti ci fu una rivalutazione dell'arte classica, considerata la migliore di tutte proprio perché espressione di un'epoca in cui si era raggiunto il miglior equilibrio possibile tra uomo e società e tra società e natura. Ed è in questo aspetto più autenticamente “rivoluzionario” ed “etico” del Neoclassicismo, che si colloca l'opera di Andrea Vici, che, dipartitasi dal barocchismo di Arcangelo, suo padre, e dal pre-neoclassicismo di Luigi Vanvitelli, suo maestro, si evolve verso un Neoclassicismo compiuto, culminante nella realizzazione della Cattedrale di Treia del 1814 e nella Villa Votalarca del 1815, le cui forme limpide ed essenziali bene collimano con le direttive di Francesco Milizia, critico verso tutto ciò che in campo progettuale non è utile e rispondente ad una precisa funzione: “L'architettura è figlia di necessità; il bello dunque deve apparire necessario perché creato per il bisogno......”

Opere principaliModifica

LazioModifica

  • Roma: Restauro della chiesa di Campo Santo, di S. Anna, del monastero delle Salesiane, di San Lorenzo in Lucina, Palazzo Balestra ai SS. XII Apostoli, Progetto per la Sagrestia Vaticana (concorso);
  • Velletri: Chiesa di Ariano;
  • Viterbo: Villa della Palanzana, Palazzo Vescovile di Toscanella;
  • Sora: Palazzo del principe di Piombino, Palazzo di Arpino;
  • Trevignano Romano: Casale del marchese Santori Naslini;
  • Anzio: Fortino e Lanterna.

CampaniaModifica

MarcheModifica

 
Progetto di sistemazione del Busto di Pio VI
 
Piazza del Comune di Treia con Busto di Pio VI

UmbriaModifica

  • Foligno: Chiesa dei Conventuali, Reclusorio, Palazzo Lepri di Bevagna;
  • Terni: Nuovo canale Pio alle Marmore;
  • Narni: Conservatorio dei Projetti;
  • Perugia: Acquedotto della fontana monumentale, restauri di chiese e palazzi;
  • Gubbio: Palazzo dei conti Porta;
  • Città della Pieve: Convento S. Agostino, Casa Salvatori, Chiesa abbaziale di S. Giovanni dell'Eremo;
  • Panicale: Casino Venuti di Cortona.
  • Todi: Opere di bonifica nella zona della Piana tra cui il Muro Vici, rimasto incompiuto.

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Maria Luisa Polichetti (a cura di), Andrea Vici, Architetto e Ingegnere Idraulico - Atlante delle opere, Silvana Editoriale, Milano, 2009.
  • Andrea Busiri Vici, Giubileo della felicità, della sventura e dell'arte, Roma, 1891.
  • Arch. Andrea Busiri Vici, Il Neoclassico ed altri movimenti dell'800 nelle Marche, Roma, 1965.
  • Arch. Andrea Busiri Vici, Opere neoclassiche di Andrea Vici a Treia, Macerata, 1974.
  • Arch. Andrea Busiri Vici, Un divertente monumento "en plein air" a Papa Braschi, Fratelli Palombi, 1971.
  • Arch. Andrea Busiri Vici, Una lettera del Ministro plenipotenziario napoleonico(....) al Principe dell'Accademia di S.Luca Andrea Vici di Arcevia, Fratelli Palombi, 1970.
  • Arch. Andrea Busiri Vici, Un'interessante elezione del 1804 nell'Accademia dell'Arcadia, Staderini editore, 1971.
  • Ing. Jole Anna Folchi Vici d'Arcevia, Un santo frate, nobili famiglie, famosi Architetti - storia della Villa Valcerasa, Macerata, 2005.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89455932 · ISNI (EN0000 0001 1683 4841 · LCCN (ENn2001006481 · GND (DE123145708 · BNF (FRcb16245346h (data) · ULAN (EN500021044 · BAV ADV11206386 · CERL cnp00573611 · WorldCat Identities (ENn2001-006481
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie