Apri il menu principale
Andreas Lutz
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 84 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Difensore/Attaccante
Tiro Destro
Squadra Ritten-Renon
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
2002-2005 Merano 63 79 57 121
Squadre di club0
2002-2005 Merano 60 10 9 19
2005-2006 Ritten-Renon 52 2 11 13
2006-2011 Pontebba 199 45 65 110
2009 Cortina 10 0 2 2
2011-2015 Milano Rossoblu 189 51 116 167
2015-2017 Asiago 114 32 44 76
2017- Ritten-Renon 101 26 49 75
Nazionale
2003-2004 Italia Italia U-18 10 0 3 3
2004-2006 Italia Italia U-20 15 3 6 9
2005-2012 Italia Italia 39 2 4 6
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 marzo 2019

Andreas Lutz (Merano, 30 marzo 1986) è un hockeista su ghiaccio italiano, milita come difensore nel Ritten Sport, squadra della Alps Hockey League.

CarrieraModifica

ClubModifica

Lutz giocò nelle giovanili dell'HC Merano ed esordì in prima squadra, in massima serie, durante la stagione 2002-03. Mise assieme altre 14 presenze nella stagione successiva, al termine della quale il Merano, a causa di problemi economici, decise di iscriversi in Serie A2. In seconda serie divenne titolare, e le buone prove lo misero tanto in luce da interessare anche delle squadre nordamericane.[1] Si accasò tuttavia in Italia, al Ritten Sport, e con la squadra di Collalbo giunse in finale di campionato.

Nella successiva stagione si accasò al neopromosso SG Pontebba in prestito dal Merano, che ancora ne deteneva il cartellino. Nell'agosto 2007 i friulani lo acquistarono a titolo definitivo,[2] e con loro si aggiudicò il primo trofeo personale, la Coppa Italia 2008. Nel 2009, in seguito allo scarso utilizzo da parte dell'allenatore, Lutz fu girato per alcune partite in prestito al Cortina, ma tornò ai friulani per la stagione successiva.[3] Nel 2011 venne acquistato dall'Hockey Milano Rossoblu, formazione con la quale conquistò la promozione in Serie A per poi essere confermato nelle stagioni successive.[4]

Nell'estate del 2015 lasciò Milano a seguito dell'autoretrocessione decisa dal team meneghino per trasferirsi all'Asiago Hockey, formazione campione d'Italia in carica.[5]

Rimase ad Asiago per due stagioni: nell'estate del 2017 fece ritorno al Renon,[6] con cui vinse la Supercoppa italiana nel successivo mese di ottobre,[7] ed il titolo italiano al termine della stagione.

NazionaleModifica

Lutz entrò nel giro della Nazionale dal 2005. Nel 2006 fu riserva ai XX Giochi olimpici invernali, ma il suo primo torneo ufficiale furono i Mondiali 2008, chiusi con la retrocessione dell'Italia in Seconda divisione.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Renon: 2017-2018, 2018-2019
Pontebba: 2007-2008
Asiago: 2015
Renon: 2017, 2018
Milano Rossoblu: 2011-2012

GiovaniliModifica

  • Campionato italiano U19: 1
Merano: 2003-2004

NazionaleModifica

Ungheria 2011

IndividualeModifica

  • Giocatore con più minuti di penalità della Serie A: 1
2016-2017 (10 minuti)
  • Maggior numero di assist per un difensore della Serie A: 1
2018-2019 (2 assist)
2017-2018 (+32)

NoteModifica

  1. ^ Italian prospects - Andreas Lutz, hockeytime.net. URL consultato il 18 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2007).
  2. ^ Serie A1: Andreas Lutz è del Pontebba [collegamento interrotto], su lihg.it, 1º agosto 2007. URL consultato il 18 maggio 2008.
  3. ^ Andreas Lutz alla fine rinnova col Pontebba, hockeytime.net, 16 agosto 2009. URL consultato il 10 aprile 2010.
  4. ^ La tanto attesa rossoblu è servita: Andreas Lutz al Milano, hockeytime.net, 5 settembre 2011. URL consultato il 28 agosto 2013.
  5. ^ L'Asiago consolida la difesa con Lutz, asiagohockey.it, 26 agosto 2015. URL consultato il 26 agosto 2015.
  6. ^ (DE) Andreas Lutz kehrt auf den Ritten zurück, su rittnerbuam.com, 7 luglio 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  7. ^ Il Renon vince la Supercoppa 2017, su altoadige.gelocal.it, 14 ottobre 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2017).

Collegamenti esterniModifica