Andrianampoinimerina

re malgascio
Andrianampoinimerina
Andrianampoinimerina.jpg
Andrianampoinimerina
Re del popolo Merina
Stemma
In carica 1787 –
1810
Predecessore Andrianjafy
Successore Radama I
Nome completo Imboasalama Andrianampoinimerina
Altri titoli Principe Ramboasalamarazaka
Nascita Ambohimanga, 1754
Morte Antananarivo, 1810
(64-65 anni)
Sepoltura Ambohimanga
Dinastia Merina
Padre Andriamiaramanjaka
Madre Principessa Ranavalonandriambelomasina
Consorte Principessa Rambolamasoandro e altre avute per scopi politici
Figli Radama I
Religione Credenze tradizionali
Motto ny ranomasina no valapariako

Andrianampoinimerina (1754 circa – Tananarive, 1810) fu un re del popolo Merina del Madagascar.

BiografiaModifica

Salì al trono nel 1787, come successore di suo zio materno, Andrianjafy, e a partire dagli anni 1790 iniziò a unificare sotto la propria corona i popoli dell'altopiano centrale dell'isola.[1] In alcuni casi ottenne questo scopo con matrimoni politici (i Merina erano poligami), in altri casi con l'uso della forza militare (per esempio contro i Betsileo e i Bara).

Fu un grande riformatore della società Merina; istituì il primo esempio di codice civile e penale del Madagascar, ridistribuì il terreno, regolò il commercio, incoraggiò la costruzione di dighe e canali per creare nuove aree coltivabili, e introdusse l'uso della vanga di metallo presso i contadini.

Andrianampoinimerina pose la propria capitale ad Antananarivo. Dichiarò spesso la propria ambizione di conquistare tutto il Madagascar (è celebre la sua affermazione ny ranomasina no valapariako, "il confine della mia risaia è il mare"), ma non arrivò a sottomettere i popoli della costa; il primo unificatore del Madagascar fu suo figlio Radama I, che continuò anche l'opera di riforme del padre in direzione filo-europea.

NoteModifica

  1. ^ imerina9, su www.royalark.net. URL consultato il 6 luglio 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN18113768 · ISNI (EN0000 0000 2432 4801 · CERL cnp00571403 · LCCN (ENn84026271 · GND (DE122759656 · WorldCat Identities (ENlccn-n84026271