Anett Kontaveit

Tennista estone
Anett Kontaveit
Kontaveit RG21 (10) (51376391953).jpg
Anett Kontaveit nel 2021
Nazionalità Estonia Estonia
Altezza 174 cm
Peso 65 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 357 – 179 (66.6%)
Titoli vinti 5 WTA, 11 ITF
Miglior ranking 7ª (22 novembre 2021)
Ranking attuale 7ª (22 novembre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2020)
Francia Roland Garros 4T (2018)
Regno Unito Wimbledon 3T (2017, 2018, 2019)
Stati Uniti US Open 4T (2015, 2020)
Altri tornei
WTA logo 2010.svg Tour Finals F (2021)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2021)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 53 – 40 (56.99%)
Titoli vinti 0 WTA, 5 ITF
Miglior ranking 95ª (2 marzo 2020)
Ranking attuale 214ª (1º novembre 2021)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2019, 2020)
Francia Roland Garros 3T (2019)
Regno Unito Wimbledon 2T (2017)
Stati Uniti US Open 2T (2019, 2021)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 17 novembre 2021

Anett Kontaveit (Tallinn, 24 dicembre 1995) è una tennista estone, numero 7 della classifica WTA.

In carriera si è aggiudicata cinque titoli WTA in singolare su dodici finali disputate; nei tornei del Grande Slam vanta come migliore risultato i quarti di finale all'Australian Open 2020, prima tennista estone a esservi giunta e seconda in assoluto dopo Kaia Kanepi a essersi spinta così avanti in un Major. Con il raggiungimento della 7ª posizione nel singolare il 22 novembre 2021 è diventata anche la tennista estone con il miglior piazzamento di sempre nel ranking mondiale e l'unica ad essersi insidiata tra le prime dieci, qualificandosi contestualmente per le WTA Finals da cui ne esce finalista.

BiografiaModifica

Anett Kontaveit è nata a Tallinn, capitale dell'Estonia, il 24 dicembre 1995 da Andrus, un manager portuale di stanza a Tallinn, e Ulle, un'allenatrice di tennis. Anett ha anche una sorellastra che lavora nel settore della moda.

La madre, che l'ha introdotta al mondo del tennis all'età dei sei anni, è stata anche il suo primo coach; seguita in passato da Glenn Schaap e successivamente da Nigel Sears è Ain Suurthal, è attualmente allenata dall'ex tennista russo Dmitrij Tursunov. Le superfici nelle quali ama maggiormente competere sono l'erba e il cemento, mentre la sua tennista di riferimento è Marija Šarapova.

CarrieraModifica

A livello juniores ottiene ottimi risultati[1]: nel 2011 raggiunge i quarti di finale al Roland Garros (sconfitta da Irina Chromačëva) e vince l'Orange Bowl a fine anno su Julija Putinceva. Nel 2012 viene sconfitta nella semifinale del Roland Garros da Annika Beck, futura vincitrice, e anche a Wimbledon si arrende in semifinale alla futura campionessa, Eugenie Bouchard. Agli US Open 2012 raggiunge la prima finale Slam, ma viene sconfitta in due set da Samantha Crawford. Nella classifica giovanile raggiunge la quarta posizione durante il 2012 come miglior risultato.

Professionista dal 2010, nel corso della sua carriera ha conquistato cinque titoli ITF in singolare e uno in doppio. In Fed Cup ha giocato un totale di venti match nel singolare con la squadra estone, vincendone quattordici.[2]

I primi anniModifica

 
Anett nel 2015

Il 27 maggio 2013 ottiene il suo primo torneo ITF di 25.000$ a Mosca battendo nettamente in finale Çağla Büyükakçay per 6-1, 6-1. A livello Slam, nel 2014, a Wimbledon raggiunge per la prima volta il tebellone principale superando le qualificazioni battendo Zheng Saisai, Sesil Karatančeva e Ashleigh Barty. Al primo turno perde però contro Casey Dellacqua, dopo che Anett aveva ottenuto il primo parziale. Nel 2015 ottiene una wild-card per il tabellone principale dei Championship ma, ancora una volta, non supera il primo turno, perdendo nettamente contro Viktoryja Azaranka. A fine anno ottiene il pass per gli US Open 2015. Durante le qualificazioni batte Stephanie Vogt, María Teresa Torró Flor e Naomi Broady. Nel torneo centra la prima vittoria della carriera in uno slam contro Casey Dellacqua (7-5 6-2). Al secondo turno batte a sorpresa la russa Anastasija Pavljučenkova, numero 31 del seeding, con lo score di 7-5 6-4. Al terzo elimina l'americana Madison Brengle per 6-2 3-6 6-0 e la sua favola prosegue fino al quarto turno, dove se la vede contro Venus Williams, testa di serie numero 23. Il match è a senso unico e l'americana si impone agevolmente per 6-2 6-1. Grazie a questo exploit la tennista di Tallinn entra per la prima volta in carriera nella top-100 mondiale, alla posizione numero 98.

2016Modifica

 
Anett nel 2016

Anett comincia l'anno partecipando al WTA di Shenzhen, dove si mette in mostra battendo Jaroslava Švedova (6-4 7-6(5)) e Zheng Saisai, fermandosi ai quarti dove cede a Alison Riske. Per la prima volta in carriera partecipa all'Australian Open, dove esce di scena subito contro Garbiñe Muguruza (numero 3 del seeding), sconfitta per 6-0 6-4. Dopo un primo turno a Acapulco l'estone giunge alla prima semifinale WTA della carriera a Monterrey: nel torneo messicano elimina Dominika Cibulková (doppio 6-4), Sara Errani (testa di serie numero uno, per 6-1 6-3) e Nicole Gibbs per 6-1 6-4. Nel penultimo atto si arrende a Kirsten Flipkens in due set. Grazie a questo risultato raggiunge il best-ranking di numero 73 del mondo. Non passa le qualificazioni né a Indian Wells né a Miami, mentre entra nel main-draw del Roland Garros, perdendo subito contro Venus Williams. A Nottingham riesce a centrare i quarti di finale dopo avere battuto Lauren Davis e Caroline Wozniacki. Nella circostanza si arrende a Alison Riske, poi finalista. Partecipa all'AEGON International di Eastbourne, nel quale si ferma al secondo turno di qualificazione. Viene ripescata come lucky loser, tuttavia viene sconfitta da Ana Lena Friedsam per 6(3)-7 6-4 6-4. A Wimbledon vince il primo set su Barbora Strýcová, prima di venire eliminata con un doppio 6-4. A Gstaad, dopo avere eliminato Maria Sakkarī per 7-5 6-1, cede alla sorprendente Rebeka Masarova, che si impone in tre set. Dopo due primi turni a Båstad e a Cincinnati si qualifica per il tabellone principale di New Haven. Al primo turno estromette Kiki Bertens, mentre al secondo si ritira contro Elena Vesnina. Fa male agli US Open e a Tokyo, dove non coglie nemmeno una vittoria, mentre a Guangzhou batte in serie Kateřina Siniaková (doppio 6-1), Zhu Lin (6-1 3-6 6-0) e Viktorija Golubic (6-4 4-6 6-3), prima di perdere in semifinale per mano dell'ucraina Tsurenko (6-4 6-2). Dopo un secondo turno a Linz e un primo turno a Lussemburgo partecipa al torneo ITF di Poitiers, nel quale estromette Sorana Cîrstea e Fiona Ferro prima di essere piegata da Alison Van Uytvanck in due set.

2017: primo titolo WTA e Top 30Modifica

 
Anett nel 2017

Inizia l'anno partecipando all'Australian Open grazie a una wildcard, ma non va oltre il primo turno venendo sconfitta da Maria Sakkarī per 0-6 4-6. Raggiunge la finale ITF in Francia, dove supera Ivana Jorović per 6-4 7-6, aggiudicandosi il torneo. Superate le qualificazioni del torneo ungherese viene rimontata nel primo turno da Julia Görges per 7-6 3-6 4-6. Agli Indian Wells si impone su Misaki Doi per 7-5 6-4, per poi venire sconfitta con un doppio 4-6 da Anastasija Pavljučenkova; a Miami raggiunge il terzo turno, dove incontra Simona Halep, la quale si impone per 3-6 0-6. Nel torneo di Vienna raggiunge la finale senza riuscire a vincerla, dovendo cedere a Markéta Vondroušová per 4-6 6-7. Superate le qualificazioni a Stoccarda, estromette Ana Konjuh per 7-6 6-4 e a sorpresa la numero cinque del mondo, Garbiñe Muguruza, per 2-6 7-6 6-1; viene poi sconfitta da Marija Šarapova per 3-6 4-6. A Madrid viene sconfitta nel primo turno da Coco Vandeweghe per 4-6 6-7. Negli Internazionali d'Italia raggiunge i quarti di finale partendo dalle qualificazioni. Nel corso del torneo elimina Andrea Petković per 6-3 6-4, Angelique Kerber, numero uno del mondo, per 6-4 6-0 e Mirjana Lučić-Baroni con un doppio 6-1. Incontra nuovamente la Halep, la quale si impone con un punteggio meno netto (2-6 4-6). Nell'Open di Francia supera Monica Niculescu per 7-5 6-1, per poi venire sconfitta in rimonta da Garbiñe Muguruza, che si riscatta vincendo per 7-6 4-6 6-2.

Il 18 giugno, nel Ricoh Open, vince il suo primo torneo WTA imponendosi in finale su Natal'ja Vichljanceva per 6-2 6-3. Nella corsa al titolo estromette Kristýna Plíšková per 6-7 6-3 6-1, Kirsten Flipkens per 3-6 6-1 6-2, Carina Witthöft per 6-3 6-1 e Lesja Curenko per 6-3 6-7 6-2. A Wimbledon elimina Lara Arruabarrena per 6-2 6-4 e Dar'ja Kasatkina per 6-3 6-2, prima di venire rimontata da Caroline Wozniacki con il punteggio di 3-6 7-6 6-2. A Lugano raggiunge la terza finale stagionale dove, dopo avere superato Martina Trevisan per 6-1 6-3, Anna Kalinskaja per 6-4 4-6 6-4, Carina Witthöft per 6-2 6-4 e Tereza Martincová per 6-4 6-1, viene sconfitta da Kiki Bertens per 4-6 6-3 1-6.

L'ultima parte della stagione è caratterizzata da risultati negativi. Nel torneo di Cincinnati viene sconfitta in rimonta da Petra Kvitová con il punteggio di 6-1 6-7 3-6. In Connecticut non fa meglio, in quanto viene sconfitta in tre set da Mirjana Lučić-Baroni (4-6 7-6 3-6). Agli US Open viene nuovamente sconfitta nel primo turno in rimonta, stavolta per mano di Lucie Šafářová. Nel torneo di Guangzhou, dopo avere sconfitto nettamente Jasmine Paolini lasciandole solo due game, viene estromessa nel secondo turno da Lizette Cabrera per 0-6 5-7. Nel torneo di Wuhan non va oltre il primo turno, venendo eliminata da Magda Linette per 5-7 4-6. A Pechino Dar'ja Gavrilova le infligge un doppio 5-7. Esce di scena nel primo turno a Linz per mano di Mihaela Buzărnescu per 6-7 3-6. Nel torneo di Lussemburgo viene sconfitta da Heather Watson con un doppio 6-4 nel secondo turno.

2018: prima finale in un Premier 5 e a ridosso della Top 20Modifica

Inaugura la nuova stagione con una netta vittoria contro Heather Watson nel torneo di Brisbane, prima di perdere contro Aljaksandra Sasnovič per 6-1 6-7 6-3. All'Australian Open raggiunge per la prima volta gli ottavi di finale, dove viene sconfitta da Carla Suárez Navarro per 6-4 4-6 6-8. Precedentemente si era imposta su Aleksandra Krunić per 6-4 7-5, Mona Barthel per 6-3 4-6 6-3 e Jeļena Ostapenko, numero sette del mondo, per 6-3 1-6 6-3. Nel torneo di Doha viene sconfitta nettamente da Alizé Cornet per 2-6 1-6, mentre a Dubai supera in rimonta Samantha Stosur per 1-6 6-2 6-4 prima di venire sconfitta da Naomi Ōsaka con il punteggio di 2-6 6-7. A Indian Wells e Miami delude le aspettative, venendo sconfitta nuovamente dalla Sasnovič e da Maria Sakkarī per 4-6 1-6.

Nel torneo di Lugano viene sconfitta in rimonta da Vera Lapko per 6-3 4-6 3-6. Tuttavia raggiunge la semifinale nel torneo di Stoccarda. Prima di venire sconfitta da Karolína Plíšková per 4-6 2-6 si era imposta su Kristina Mladenovic per 5-7 7-63 7-65, Angelique Kerber per 6-0 2-0 (a causa del ritiro della tedesca) e Anastasija Pavljučenkova per 7-5 66-7 6-4. A Madrid supera per 3-6 6-3 6-2 Venus Williams, testa di serie numero 10, e Aljaksandra Sasnovič per 6-2 4-6 6-2, prima di perdere in rimonta contro la futura campionessa Petra Kvitová per 7-64 3-6 3-6. Sorprendentemente raggiunge la semifinale agli Internazionali d'Italia, dove viene sconfitta dalla futura vincitrice Elina Svitolina. Precedentemente aveva sconfitto tra le altre Venus Williams e Caroline Wozniacki, rispettivamente ottava e seconda testa di serie. A Parigi centra gli ottavi di finale vendicandosi su Petra Kvitová, ottava tennista del mondo, in due tie-break; viene comunque sconfitta dalla futura finalista, Sloane Stephens, per 2-6 0-6.

Nel torneo di 's-Hertogenbosch è chiamata a difendere il titolo, ma viene sconfitta a sorpresa da Veronika Kudermetova per 4-6 64-7. A Maiorca non fa meglio, venendo sconfitta da Tatjana Maria con il punteggio di 6-3 4-6 3-6. A Wimbledon si impone su Denisa Allertová con un doppio 6-2 e Jennifer Brady per 6-2 7-64, prima di perdere contro Alison Van Uytvanck per 2-6 3-6. Nel torneo di Montréal supera in tre set Ekaterina Makarova, per poi arrendersi contro Petra Kvitová, la quale vince per 3-6 4-6. Nei tornei di Cincinnati e New Haven viene sconfitta rispettivamente da Kiki Bertens e Mónica Puig nel terzo turno con il punteggio di 3-6 6-2 3-6 e 4-6 3-6. Allo US Open esce di scena nel primo turno per mano di Kateřina Siniaková per 7-63 3-6 5-7.

Avvia la trasferta asiatica a Tokyo, dove si impone su Kristina Mladenovic per 6-3 7-65, prima di perdere contro Barbora Strýcová per 5-7 nel terzo set. La settimana seguente centra la prima finale stagionale nel prestigioso Premier 5 di Wuhan, dove viene sconfitta da Aryna Sabalenka, la quale le infligge un doppio 3-6. Nel corso del torneo aveva superato nell'ordine Sloane Stephens, numero nove del mondo, per 4-6 7-5 6-4; Donna Vekić per 6-2 6-4; Zhang Shuai per 6-4 4-6 6-1; Kateřina Siniaková con un doppio 6-4; e Wang Qiang per 6-2 2-1, a causa del ritiro della cinese. Grazie ai punti ottenuti si spinge fino alla 21ª posizione, perfezionando così il suo best ranking. A Pechino rimonta Laura Siegemund con il punteggio di 2-6 6-3 6-2, per poi perdere contro la futura campionessa, Caroline Wozniacki, per 5-7 4-6. Nel torneo di Mosca si impone nuovamente in rimonta su Anastasija Potapova, elimina Kristina Mladenovic per 6-2 7-6(3), per poi venire sconfitta a sorpresa da Ons Jabeur per 5-7 1-6.

2019: prima semifinale in un Premier Mandatory e Top 15Modifica

 
Anett Kontaveit nel 2019

Inizia la stagione giocando a Brisbane dove, dopo avere eliminato Carla Suárez Navarro per 6-0 6-3 e Petra Kvitová per 7-5 7-61, viene sconfitta da Lesja Curenko per 5-7 3-6. Successivamente, a Sydney, recupera il primo parziale contro Mónica Puig vincendo poi il match (2-6 7-5 6-1), ma viene liquidata da Elise Mertens in due set. Agli Australian Open si impone su Sara Sorribes Tormo con il punteggio di 6-3 6-2, per poi cedere contro Aljaksandra Sasnovič, che la elimina in due parziali. In Qatar elimina Zhu Lin per 7-63 6-3, mentre viene fermata da Angelique Kerber con il punteggio di 1-6 63-7. Nel torneo di Dubai esce di scena all'esordio per mano di Zhang Shuai (63-7 3-6). Sul suolo americano ottiene ottimi risultati, centrando un terzo turno a Indian Wells ma soprattutto la semifinale a Miami. Nel primo estromette nuovamente Mónica Puig per 6-3 7-64 e approfitta del ritiro di Anastasija Sevastova sul punteggio di 5-0 in favore della estone; in seguito viene sconfitta da Karolína Plíšková con il punteggio di 60-7 6-4 2-6. In Florida elimina Amanda Anisimova per 6-3 1-6 6-4, Ajla Tomljanović per 7-63 2-6 7-64, usufruisce del ritiro di Bianca Andreescu sul punteggio di 6-1 2-0 in favore della Kontaveit, e Hsieh Su-wei per 3-6 6-2 7-5, dopo essere stata in svantaggio di 0-4 nel terzo set. Nel penultimo atto cede in due set a Ashleigh Barty, futura campionessa, che la sconfigge in due netti set. Grazie a questo ottimo risultato si spinge fino alla quattordicesima posizione del ranking, migliorando il suo best ranking e diventando la tennista estone con il miglior piazzamento di sempre.

Continua il periodo di forma ad aprile, quando raggiunge la sua prima finale in un torneo WTA Premier e quinta in assoluto a Stoccarda, persa poi contro Petra Kvitová per 6-3 7-62. Dopodiché viene eliminata nel primo turno a Madrid da Aljaksandra Sasnovič (6-0 3-6 2-6), mentre a Roma batte in un incredibile match al primo turno Mona Barthel con il punteggio di 4-6 6-4 6-4, per poi perdere contro Maria Sakkarī al turno successivo per 6-2 6-3. Delude le aspettative al Roland Garros, dal momento che perde in rimonta all'esordio per mano della giovane ceca Karolína Muchová.

La stagione sull'erba è priva di successi per l'estone. A Birmingham cede al primo turno per 6-4 6-2 alla padrona di casa Johanna Konta, mentre a Eastbourne perde a sorpresa al secondo turno contro Anna-Lena Friedsam (3-6 4-6). Nello Slam londinese si impone su Shelby Rogers per 6-0 3-6 6-4 e su Heather Watson per 7-5 6-1, prima di venire sconfitta nuovamente dalla Muchová, questa volta in due set. Nel torneo di Toronto raggiunge il terzo turno, eliminando in rimonta Marija Šarapova (4-6 6-3 6-4) e usufruendo del ritiro di Carla Suárez Navarro sul punteggio di 7-5 3-1 in favore della Kontaveit; viene fermata solo dalla numero tre del ranking, Karolína Plíšková. Non fa meglio nemmeno a Cincinnati dove, in seguito alle vittorie su Angelique Kerber e Iga Świątek, cede alla numero due del mondo, Ashleigh Barty, che ha la meglio per 4-6 7-5 7-5. Si presenta agli US Open accreditata della ventunesima testa di serie. Qui lascia solamente due giochi a Sara Sorribes Tormo ed estromette in rimonta Ajla Tomljanović per 4-6 7-5 6-2; successivamente è costretta a ritirarsi per un'infezione virale acuta senza scendere in campo nel match di terzo turno che l'avrebbe vista opposta a Belinda Bencic.[3] A causa di una complicazione dovuta all'infezione è stata costretta a saltare tutta la trasferta asiatica, motivo per il quale, non potendo difendere la finale centrata a Wuhan l'anno precedente, perde punti preziosi e chiude la stagione alla 26ª posizione del ranking.

2020: quarti di finale agli Australian Open e trecento vittorie in carrieraModifica

Anett inaugura la stagione 2020 con la partecipazione ai tornei di Brisbane e Adelaide. Nel primo caso si sbarazza di Hsieh Su-wei per poi cedere in tre set alla sesta testa di serie Kiki Bertens, mentre nel secondo viene sorpresa all'esordio da Anastasija Pavljučenkova. Approda dunque all'Australian Open, primo Slam della stagione. In questo caso disputa un ottimo torneo raggiungendo per la prima volta in carriera i quarti di finale in uno Slam, seconda tennista estone dopo Kaia Kanepi a riuscire nell'impresa. Nei primi due turni ha la meglio su Astra Sharma e Sara Sorribes Tormo, per poi annichilire la sesta testa di serie Belinda Bencic a cui lascia un solo gioco. Agli ottavi supera in una maratona la giovane promessa Iga Świątek con il punteggio di 64-7, 7-5, 7-5 per poi cedere a Simona Halep che la travolge con un doppio 6-1.

In seguito si presenta a Dubai, dove si sbarazza di Sorana Cîrstea per 6-1 6-3 e di Anastasija Pavljučenkova per 7-6 7-5; viene poi sconfitta nei quarti di finali da Petra Martić in due parziali. Non fa meglio a Doha, dove esce di scena, dopo essersi imposta su Anastasija Sevastova, al secondo turno per mano di Aryna Sabalenka, futura campionessa, con il punteggio di 5-7 6-2 5-7.

Il mondo del tennis viene sconvolto dalla pandemia di COVID-19 e nessun torneo viene disputato dal 9 marzo al 3 agosto. Difatti le Olimpiadi di Tokyo vengono posticipate al 2021, mentre il torneo di Wimbledon viene addirittura annullato, insieme a molti altri tornei.

Scende in campo a Palermo il 4 agosto, riuscendo a eliminare Patricia Maria Țig con un doppio 6-3; in seguito estromette in tre set Laura Siegemund (3-6 6-2 6-2) e Camila Giorgi (6-1 4-6 6-1), per poi sbarazzarsi anche della prima testa di serie, Petra Martić, per 6-2 6-4. Tuttavia, nella sua sesta finale in carriera, viene sconfitta a sorpresa da Fiona Ferro in due comodi parziali. Disputa il torneo di Cincinnati, raggiungendo i quarti di finale con le vittorie su Dar'ja Kasatkina, Jil Teichmann e Marie Bouzková, subendo poi la rimonta della numero dieci del mondo Naomi Ōsaka (6-4 2-6 5-7). In seguito si presenta agli US Open, dove è testa di serie numero 14: al primo turno si impone, in rimonta, su Danielle Collins (5-7 6-2 6-2); al secondo turno e al terzo lascia cinque giochi rispettivamente a Kaja Juvan e Magda Linette, raggiungendo gli ottavi a New York per la seconda volta in carriera (dopo i primi nel 2015). Nella circostanza viene sconfitta dalla futura campionessa Naomi Ōsaka con lo score di 3-6 4-6. Subito dopo gioca a Roma e al Roland Garros: nel torneo italiano supera Caroline Garcia prima di cedere a Kuznetsova (6-4 5-7 3-6); in Francia viene sorprendentemente sconfitta all'esordio da Caroline Garcia in tre set. Chiude l'anno a Ostrava: al primo turno batte Ekaterina Aleksandrova al tie-break del terzo, mentre al secondo viene eliminata da Sara Sorribes Tormo in due set.

Termina l'anno al n°23 del mondo.

2021: Finale alle WTA Finals, quattro titoli WTA, altre due finali e ingresso in top 10Modifica

Inaugura la nuova stagione con il WTA 500 di Abu Dhabi, dove viene sconfitta all'esordio dalla numero quarantasei del mondo, Veronika Kudermetova, con il punteggio di 5-7 1-6. Al Grampians Trophy di Melbourne coglie la finale da 6ª testa di serie, battendo Christina McHale (6-1 6-3), Bethanie Mattek-Sands (7-5 7-5), Viktoryja Azaranka (walkover) e Maria Sakkarī (2-6 6-3 [11-9]). La finale, che avrebbe dovuto disputare contro Ann Li, non viene giocata a causa del ritardo nella programmazione dei match. La settimana successiva l'estone raggiunge il terzo turno agli Australian Open, dopo le vittorie su Aljaksandra Sasnovič (7-5 6-2) e Watson (6(5)-7 6-4 6-2); nei sedicesimi si arrende a Shelby Rogers con lo score di 4-6 3-6. Si presenta poi a Doha: al primo turno estromette la fresca finalista degli Australian Open Jennifer Brady con un roboante 6-1 6-2. Al secondo batte l'ex campionessa del major australiano, Angelique Kerber, con lo score di 6-1 6-4; ai quarti cede in tre set alla futura campionessa Petra Kvitová (3-6 6-3 2-6). A Dubai l'estone si ferma agli ottavi, sconfitta da Aryna Sabalenka. A Miami batte Sorana Cîrstea dopo aver ottenuto il bye per il primo turno, per poi perdere contro Elise Mertens in tre set.

Sulla terra Anett fa tappa a Stoccarda: dopo una comoda vittoria sulla qualificata Julia Middendorf (6-2 6-3) centra un successo prestigioso contro la numero 4 del mondo Sofia Kenin (7-5 6-4); ai quarti viene battuta nuovamente da Aryna Sabalenka per 6-1 al terzo set. A Madrid vince contro Nina Stojanović in due set equilibrati (7-6(4) 7-5) prima di cedere nettamente a Maria Sakkarī. Al Roland Garros l'estone arriva fino al terzo turno con due vittorie su Viktorija Golubic e Kristina Mladenovic; ai sedicesimi si arrende alla campionessa in carica Iga Świątek in due parziali. In seguito, disputa il torneo di Eastbourne, dove inaugura la stagione su erba: batte Svetlana Kuznecova (6-4 3-6 6-3) e la numero del seeding Bianca Andreescu (doppio 6-3). Ai quarti, sconfigge in rimonta Viktorija Golubic (2-6 7-6(2) 7-5), approdando alla sua seconda semifinale annuale. Nella circostanza, Anett sfrutta il ritiro della sua avversaria Camila Giorgi sul 5-4 in suo favore nel primo parziale. Kontaveit riesce a cogliere la sua ottava finale in carriera, la seconda sull'erba, superficie sulla quale vinse nel 2017 il suo unico titolo a 'S-Hertogenbosch. Nell'ultimo atto, l'estone affronta Jeļena Ostapenko nel derby baltico: per la sesta volta in carriera, Anett non riesce a sollevare il trofeo, perdendo per 3-6 3-6 l'ultimo atto contro la lettone. A Wimbledon, da testa di serie numero 24, viene subito eliminata da Markéta Vondroušová in tre set.

In seguito, Anett prende parte al torneo olimpico di Tokyo, dove esce di scena all'esordio per mano di Maria Sakkarī (5-7 2-6). Tra Montréal e Cincinnati, l'estone raccoglie due sconfitte al primo turno, contro Jessica Pegula in Canada (7-5 3-6 3-6) e contro Ons Jabeur in Ohio (2-6 6-4 5-7). L'ultimo torneo giocato da Kontaveit prima degli US Open è il WTA 250 di Cleveland, dove è accreditata della seconda testa di serie: al primo turno, domina Lauren Davis dopo aver perso il primo parziale (1-6 6-0 6-0). Al secondo, rifila un doppio 6-3 a Caroline Garcia mentre, ai quarti, sconfigge la ceca Kateřina Siniaková in tre set (6-3 5-7 6-2). In semifinale, elimina Sara Sorribes Tormo con un doppio 6-4, centrando la terza finale dell'anno. Nella sua nona finale in carriera, Kontaveit batte Irina-Camelia Begu per 7-6(5) 6-4, conquistando il secondo titolo nel circuito maggiore. Agli US Open, esordisce con un successo sull'ex-campionessa del torneo Samantha Stosur (6-3 6-0). Al secondo turno estromette Jil Teichmann (6-4 6-1) raggiungendo il terzo turno, dove si arrende ancora a Iga Świątek in tre set.

Prende dunque parte al torneo indoor di Ostrava: l'estone arriva agevolmente ai quarti, grazie alle vittorie su Cirstea (6-4 6-4) e la numero nove del seeding Paula Badosa (6-3 6-4). Tra le ultime otto, supera la campionessa olimpica in carica Belinda Bencic (6-4 6-3), accedendo in semifinale, dove batte la padrona di casa Petra Kvitová per 6-0 6-4. Kontaveit riesce a spingersi alla sua quarta finale annuale, dove affronta Maria Sakkarī: l'estone si impone per 6-2 7-5, conquistando il secondo titolo stagionale, il terzo della carriera. Torna negli Stati Uniti per disputare i tornei di Chicago e Indian Wells: in Illinois, si ritira dopo aver vinto il match inaugurale contro Madison Brengle; in California, sconfigge Martina Trevisan (6-3 5-2 e ritiro), la campionessa in carica Bianca Andreescu (7-6(5) 6-3) e la brasiliana Beatriz Haddad Maia (6-0 6-2) giungendo così ai quarti di finale, i primi sui campi dell'Indian Wells Tennis Garden. Nella circostanza, trova la tunisina Ons Jabeur: Kontaveit si arrende per 5-7 3-6.

La settimana dopo, a Mosca, l'estone beneficia della nona testa di serie grazie al forfait di Kerber prima dell'inizio del torneo: batte Kateřina Siniaková (6-3 6-3) e poi la veterana Andrea Petković (6-1 6-4), approdando ai quarti di finale di un torneo WTA per l'ottava volta in stagione. Nella circostanza, elimina la numero cinque del mondo Garbiñe Muguruza con un perentorio doppio 6-1, accedendo in semifinale, dove vendica le due sconfitte precedentemente subite contro l'argento olimpico in carica Markéta Vondroušová, imponendosi per 6-3 6-4. Nell'atto conclusivo del torneo moscovita, Anett completa una straordinaria rimonta contro la padrona di casa Ekaterina Aleksandrova, contro la quale si trovava sotto nel punteggio per 4-6, 0-4 per poi inanellare una serie di sette giochi consecutivi e concludere il match al terzo set per 7-5. Grazie a questo risultato, l'estone si aggiudica il terzo titolo del 2021, il più prestigioso della sua carriera e ritocca il suo best ranking alla 14ª posizione. Inoltre, si porta a poco più di cento punti di distanza da Ons Jabeur nella corsa all'ultimo posto disponibile per la qualificazione alle WTA Finals 2021.

La fortunata trasferta autunnale continua con la partecipazione al Transylvania Open, torneo che Anett è tenuta a vincere per scavalcare Jabeur nella race e guadagnarsi l'ultimo posto utile per le Finals; l'estone raggiunge la sesta finale della stagione in scioltezza, sconfiggendo nell'ordine Aleksandra Krunić, Alison Van Uytvanck, Anhelina Kalinina e Rebecca Peterson senza cedere neanche un set. Nel match valevole il quinto titolo in carriera ma soprattutto la qualificazione al Master e l'accesso per la prima volta alla top ten, è opposta alla testa di serie numero uno nonché padrona di casa Simona Halep, contro cui ha perso in tutti e tre i precedenti incontri disputati. In questa circostanza, l'estone si impone per 6-2 6-3, conquistando il quarto titolo stagionale ma soprattutto l'accesso alle prime dieci del mondo e l'ultimo posto disponibile per le WTA Finals. Al termine del torneo, perfeziona il suo best ranking fino all'8ª posizione mondiale.

Nelle WTA Finals di Guadalajara, viene inserita nel gruppo Teotihuacán assieme a Krejčíková, Plíšková e Muguruza; nel primo match, l'estone batte la n°2 del seeding Krejčíková per 6-3 6-4. Nel secondo, Anett si impone sull'altra ceca Karolína Plíšková con un netto 6-4 6-0, riuscendo già a centrare un posto in semifinale prima dell'ultimo match. Nella terza giornata, Kontaveit perde la sua imbattibilità nel girone, cedendo con un doppio 4-6 a Muguruza e consentendo a quest'ultima la qualificazione come seconda nel girone; l'estone, grazie a una migliore differenza set rispetto a tutte, termina prima nel gruppo Teotihuacán. In semifinale, affronta Maria Sakkarī per la 12° volta in carriera: Kontaveit batte la greca per 6-1 3-6 6-3, accedendo alla finale più importante della vita fin qui. Nell'ultimo atto, Anett si arrende per la seconda volta nel torneo a Muguruza, con lo score di 3-6 5-7.

Statistiche WTAModifica

SingolareModifica

Vittorie (5)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (0) WTA 1000 (0)
Premier 5 (0)
Premier (0) WTA 500 (2)
International (1) WTA 250 (2)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 18 giugno 2017   Ricoh Open, 's-Hertogenbosch Erba   Natal'ja Vichljanceva 6–2, 6–3
7 febbraio 2021   Grampians Trophy, Melbourne Cemento   Ann Li N.D.[4]
2. 28 agosto 2021   Tennis in the Land, Cleveland Cemento   Irina-Camelia Begu 7–6(5), 6–4
3. 26 settembre 2021   J&T Banka Ostrava Open, Ostrava Cemento (i)   Maria Sakkarī 6–2, 7–5
4. 24 ottobre 2021   Kremlin Cup, Mosca Cemento (i)   Ekaterina Aleksandrova 4–6, 6–4, 7–5
5. 31 ottobre 2021   Transylvania Open, Cluj-Napoca Cemento (i)   Simona Halep 6–2, 6–3

Sconfitte (7)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (1)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (0) WTA 1000 (0)
Premier 5 (1)
Premier (1) WTA 500 (1)
International (3) WTA 250 (0)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 16 aprile 2017   Ladies Open Biel Bienne, Bienne Cemento (i)   Markéta Vondroušová 4–6, 6(6)–7
2. 23 luglio 2017   Ladies Championship Gstaad, Gstaad Terra rossa   Kiki Bertens 4–6, 6–3, 1–6
3. 29 settembre 2018   Wuhan Open, Wuhan Cemento   Aryna Sabalenka 3–6, 3–6
4. 28 aprile 2019   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i)   Petra Kvitová 3–6, 6(2)–7
5. 9 agosto 2020   Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa   Fiona Ferro 2–6, 5–7
6. 26 giugno 2021   Nature Valley International, Eastbourne Erba   Jeļena Ostapenko 3–6, 3–6
7. 17 novembre 2021   WTA Finals, Guadalajara Cemento   Garbiñe Muguruza 3–6, 5–7

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (11)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (1)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (7)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 30 gennaio 2011   SEB Tallink Open, Tallinn Cemento (i)   Zuzana Luknárová 6–4, 4–6, 6–2
2. 7 agosto 2011   Savitaipale Ladies Open, Savitaipale Terra rossa   Lisanne van Riet 6–3, 6–1
3. 30 ottobre 2011   Djursholm Ladies, Stoccolma Cemento (i)   Syna Kayser 6–4, 6–2
4. 26 febbraio 2012   SEB Tallink Open, Tallinn Cemento (i)   Katarzyna Piter 7–5, 6–4
5. 26 agosto 2012   ITF Femenil San Luis Potosí, San Luis Potosí Cemento   Victoria Rodríguez 6–1, 6–1
6. 20 maggio 2013   Marathon Futures, Maratona Cemento   Lucy Brown 6–4, 6(6)–7, 6–3
7. 2 giugno 2013   Moscow Open, Mosca Terra rossa   Çağla Büyükakçay 6–1, 6–1
8. 4 agosto 2013   GD Tennis Cup, Smirne Cemento   Başak Eraydın 3–6, 7–6(4), 6–0
9. 13 ottobre 2013   Margaret River Tennis International, Margaret River Cemento   Irina Falconi 6–2, 6–4
10. 1º giugno 2015   Aegon Eastbourne Trophy, Eastbourne Erba   Alla Kudrjavceva 7–6(4), 7–6(2)
11. 29 gennaio 2017   Open GDF SUEZ 42, Andrézieux-Bouthéon Cemento (i)   Ivana Jorović 6–4, 7–6(5)

Sconfitte (3)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (1)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 15 settembre 2013   Royal Cup NLB Montenegro, Podgorica Terra rossa   Stephanie Vogt 4–6, 3–6
2. 16 febbraio 2014   SEB Tallink Open, Tallinn Cemento (i)   Timea Bacsinszky 3–6, 3–6
3. 23 febbraio 2014   Winter Moscow Open, Mosca Cemento (i)   Aljaksandra Sasnovič 3–6, 2–6

DoppioModifica

Vittorie (5)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (3)
N. Data Torneo Superficie Partner Rivali in finale Risultato
1. 25 agosto 2012   ITF Femenil San Luis Potosí, San Luis Potosí Cemento   Emily Fanning   Erin Clark
  Elizabeth Ferris
6-0, 6-3
2. 31 marzo 2013   SEB Tallink Open, Tallinn Cemento (i)   Jeļena Ostapenko   Ljudmyla Kičenok
  Nadežda Kičenok
2-6, 7-5, [10-0]
3. 4 maggio 2013   AEGON Pro Series Edinburgh, Edimburgo Terra rossa   Jessica Ren   Anna Smith
  Francesca Stephenson
6-2, 6-3
4. 3 agosto 2013   GD Tennis Cup, Smirne Cemento   Polina Leykina   Hülya Esen
  Lütfiye Esen
6-4, 7-5
5. 20 aprile 2014   Dothan Pro Tennis Classic, Dothan Terra verde   Ilona Kramen'   Shelby Rogers
  Olivia Rogowska
6-1, 5-7, [10-5]

Sconfitte (3)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Partner Rivali in finale Risultato
1. 29 gennaio 2011   SEB Tallink Open, Tallinn Cemento (i)   Maret Ani   Tamara Čurović
  Jevgenija Krjvoručko
6(8)–7, 1–6
2. 18 maggio 2013   Marathon Futures, Maratona Cemento   Laura Deigman   Lina Ǵorčeska
  Despoina Vogasari
4–6, 6–2, [6–10]
3. 7 settembre 2013   Summer Cup, Mosca Terra rossa   Ol'ha Jančuk   Anna Škudun
  Al'jona Sotnikova
3–6, 4–6

Grand Slam JuniorModifica

SingolareModifica

Sconfitte (1)Modifica

Tornei del Grande Slam
Australian Open (0)
Open di Francia (0)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 settembre 2012   US Open, New York Cemento   Samantha Crawford 5-7, 3-6

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Aggiornato a WTA Finals 2021 in corso

Torneo 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 Titoli V–S
Grande Slam
  Australian Open Assente 1T 1T 4T 2T QF 3T 0 / 6 10–6
  Open di Francia Assente 1T 2T 4T 1T 1T 3T 0 / 6 6–6
  Wimbledon A 1T 1T 1T 3T 3T 3T ND 1T 0 / 7 6–7
  US Open Assente 4T 1T 1T 1T 3T[4] 4T 3T 0 / 7 10–6
Totale 0–0 0–1 3–2 0–4 3–4 8–4 5–3 7–3 6–4 0 / 26 32–25
Giochi olimpici
  Giochi olimpici estivi ND A ND 1T 0 / 1 0–1
Tornei di fine anno
  WTA Finals Non qualificata ND F 0 / 1 3–1
  WTA Elite Trophy Non qualificata RR A Non disputato 0 / 1 1–1
WTA 1000[1]
  Doha /   Dubai[2] Assente 1T 1T 2T 3T 0 / 4 3–4
  Indian Wells Assente Q2 2T 2T 4T ND QF 0 / 4 8–4
  Miami 1T 1T A Q1 3T 2T SF ND 3T 0 / 6 9–6
  Madrid Assente 1T 3T 1T ND 2T 0 / 4 3–4
  Roma Assente QF SF 1T 2T A 0 / 4 8–4
  Montréal / Toronto A Q1 Assente 2T 3T ND 1T 0 / 3 2–3
  Cincinnati Assente Q1 1T 3T 3T QF 1T 0 / 5 7–5
  Tokyo /   Wuhan[3] Assente 1T F A Non disputato 0 / 2 5–2
  Pechino Assente 1T 2T A Non disputato 0 / 2 1–2
Carriera
Tornei giocati 1 5 6 16 20 24 17 11 20 120
Titoli 0 0 0 0 1 0 0 0 4 5
Finali 0 0 0 0 3 1 1 1 7 13
Totale V–S 0–1 1–5 5–6 13–16 29–20 34–24 25–16 21–10 48–16 175–114
Vittorie % 0% 17% 45% 45% 59% 59% 61% 68% 75% 61%
Ranking di fine anno 228 166 91 110 34 21 26 23 $6.035.470

Note

  • 1 I tornei WTA 1000 erano precedentemente conosciuti come Premier Mandatory (Indian Wells, Miami, Madrid e Pechino) e come Premier 5 (Dubai/Doha, Roma, Montréal/Toronto, Cincinnati e Tokyo/Wuhan) dal 2009 al 2020.
  • 2 Il Dubai Tennis Championships e il Qatar Ladies Open di Doha si scambiano frequentemente lo status tra evento Premier ed evento Premier 5.
  • 3 Nel 2014 il Toray Pan Pacific Open ha cambiato lo status in evento Premier ed è stato sostituito dal Wuhan Open come evento Premier 5.
  • 4 Il ritiro nel terzo turno non viene considerato una sconfitta.

Vittorie contro giocatrici Top 10Modifica

Stagione 2017 2018 2019 2020 2021 Totale
Vittorie 2 6 1 2 7 18
# Giocatrice Ranking Evento Superficie Turno Punteggio Rank. AK
2017
1.   Garbiñe Muguruza (1) 6   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra battuta 2T 2–6, 7–6(1), 6–1 73
2.   Angelique Kerber 1   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra battuta 2T 6–4, 6–0 68
2018
3.   Jelena Ostapenko 7   Australian Open, Melbourne Cemento 3T 6–3, 1–6, 6–3 33
4.   Venus Williams (1) 8   Mutua Madrid Open, Madrid Terra battuta 1T 3–6, 6–3, 6–2 29
5.   Venus Williams (2) 9   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra battuta 3T 6–2, 7–6(3) 26
6.   Caroline Wozniacki 2   Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra battuta QF 6–3, 6–1
7.   Petra Kvitová (1) 8   Open di Francia, Parigi Terra battuta 3T 7–6(6), 7–6(4) 24
8.   Sloane Stephens 9   Wuhan Open, Wuhan Cemento 1T 4–6, 7–5, 6–4 27
2019
9.   Petra Kvitová (2) 7   Brisbane International, Brisbane Cemento 2T 7–5, 7–6(1) 20
2020
10.   Belinda Bencic 7   Australian Open, Melbourne Cemento 3T 6–0, 6–1 31
11.   Elina Svitolina 4   Fed Cup, Tallinn Cemento RR 6–3, 6(5)–7, 6–2 22
2021
12.   Sofia Kenin 4   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra battuta 2T 7–5, 6–4 27
13.   Bianca Andreescu 7   Nature Valley International, Eastbourne Erba 2T 6–3, 6–3 27
14.   Petra Kvitová (3) 10   Ostrava Open, Ostrava Cemento (i) SF 6–0, 6–4 30
15.   Garbiñe Muguruza (2) 5   Kremlin Cup, Mosca Cemento QF 6–1, 6–1 20
16.   Barbora Krejčíková 3   WTA Finals, Guadalajara Cemento RR 6–3, 6–4 8
17.   Karolína Plíšková 4   WTA Finals, Guadalajara Cemento RR 6–4, 6–0
18.   Maria Sakkarī 6   WTA Finals, Guadalajara Cemento SF 6–1, 3–6, 6–3

NoteModifica

  1. ^ itftennis.com, Anett Kontaveit - Junior profile, su itftennis.com. URL consultato l'8 dicembre 2012.
  2. ^ fedcup.com, Anett Kontaveit - FedCup Profile, su fedcup.com. URL consultato il 22 luglio 2017.
  3. ^ Bencic agli ottavi senza scendere in campo, su rsi.ch, 31 agosto 2019.
  4. ^ La finale non si è disputata a causa di un ritardo della programmazione, entrambe le giocatrici hanno ricevuto il trofeo e il premio in denaro dedicato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica