Apri il menu principale
Angelo Raffaele Dinardo
Angelo Raffaele Dinardo.jpg

Presidente della Regione Basilicata
Durata mandato 23 aprile 1995 –
8 maggio 2000
Predecessore Antonio Boccia
Successore Filippo Bubbico

Dati generali
Partito politico Partito Popolare Italiano

Angelo Raffaele Dinardo (Irsina, 7 gennaio 1932Potenza, 26 febbraio 2015[1]) è stato un politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Angelo Raffaele Dinardo è stato istitutore presso il convitto Principe di Piemonte di Potenza, negli anni in cui frequentava l’Istituto Magistrale dove si è diplomato nel 1954. Si è laureato alla facoltà di Magistero dell’Università di Salerno. È stato maestro elementare, direttore didattico e ispettore scolastico. Ha fatto parte del Movimento Maestri di Azione Cattolica ed è stato sindacalista nella CISL. Nel 1970 ha ricoperto l’incarico di Assessore all’Istruzione per la Provincia di Potenza. Da dicembre 1999 a novembre 2014 è stato Vice Presidente del Formez.

Il maestro Dinardo era un uomo che sapeva stare con i ragazzi nei quali riusciva a suscitare entusiasmo, interesse e motivazione: i libri, la scuola, la formazione, l’apprendimento erano i valori da trasmettere alle nuove generazioni. L'ispettore tecnico Dinardo ha sostenuto vivamente l'innovazione educativa del tempo pieno nella Regione Basilicata per motivazioni pedagogiche, metodologiche e didattiche, professionali e occupazionali, perché fosse garantito un servizio scolastico più aderente alle richieste di una utenza situata in un'area scompensata culturalmente. Le sue idee e convinzioni pedagogiche sono anche il frutto di un'attenta sperimentazione vissuta nella scuola a contatto diretto con i bambini e gli insegnanti, come per esempio presso la Scuola Elementare Statale a tempo pieno "Domiziano Viola". Importante riportare un suo giudizio sull'esperienza vissuta che denota il rispetto che aveva per il lavoro altrui: "L'impressione che abbiamo ricevuto, entrandovi, è stata quella di una scuola vivace, attiva, rumorosa, se vogliamo, ma nella quale insegnanti e alunni si sentono liberi, felici di stare a scuola, di insegnare e di imparare. La scuola a tempo pieno si poneva quindi come una scuola alternativa a quella tradizionale, modificata nel modello organizzativo, nei contenuti, metodi e tecniche educative".

In occasione delle elezioni regionali lucane del 1995 è eletto presidente della regione Basilicata a capo di una coalizione di centro-sinistra[2]. Ha ricoperto l'incarico fino al 2000. Nel 2017, due anni dopo la sua morte, gli è stata dedicata l'Aula Consiliare della Regione Basilicata. Il 26 Febbraio 2019 l'Istituto Comprensivo di Irsina gli ha intitolato il plesso scolastico di Scuola Primaria. Alla manifestazione è seguita una conferenza a cui hanno partecipato autorità civili e scolastiche e sono intervenuti lo storico prof. Giovanni Caserta e la prof.ssa Anna Maria Bianchi dell'Associazione Italiana Maestri Cattolici che hanno delineato la figura di Angelo Raffaele Dinardo come uomo delle istituzioni e come insegnante.

CollaborazioniModifica

Ha collaborato con riviste professionali, locali, e nazionali, col Centro Didattico Nazionale, con l’IRRSAE di Basilicata e con l’Università Cattolica di Milano, producendo materiali sulla innovazione organizzativa ed educativa.

RiconoscimentiModifica

Benemerenza del Ministro della Pubblica Istruzione per l’Arte, la Scienza e la Cultura.

BibliografiaModifica

  • A. R. Dinardo, Una Basilicata possibile: indirizzi e obiettivi del programma di governo per la 6. Legislatura regionale (seduta del Consiglio regionale del 14 giugno 1995), 1996.
  • A. R. Dinardo, Analisi della innovazione educativa nella Regione Basilicata, Le Monnier, Firenze 1980, in "Annali della pubblica istruzione", 1 (1980), pp. 42-54.
  • A. R. Dinardo, Analisi dei contenuti dell'attività dei consigli di circolo elaborata sulla base di alcuni documenti forniti dagli stessi, in "Rassegna dell'economia lucana", 1 (1984), pp. 27-34.
  • A. R. Dinardo, Scheda di analisi e di lettura dell'innovazione educativa realizzata dalla scuola D. Viola, in Scuola, sperimentazione e territorio: analisi e riflessioni su un "caso" di innovazione educativa, Potenza, pp. 33-50.
  • Angelo Raffaele Dinardo: maestro sempre e ovunque, a cura di Anna Maria Bianchi, Villani, Potenza 2016.

NoteModifica