Apri il menu principale

Angelo Ramazzotti

cardinale e patriarca cattolico italiano
Angelo Francesco Ramazzotti, O.SS.C.A.
patriarca della Chiesa cattolica
A ramazzotti.jpg
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Pavia (1849-1858)
Patriarca di Venezia (1858-1861)
 
Nato3 agosto 1800 a Milano
Ordinato diacono4 aprile 1829
Ordinato presbitero13 giugno 1829
Nominato vescovo20 maggio 1850 da papa Pio IX
Consacrato vescovo30 giugno 1850 dal cardinale Giacomo Filippo Fransoni
Elevato patriarca15 marzo 1858 da papa Pio IX
Deceduto24 settembre 1861 a Crespano del Grappa
 

Angelo Francesco Ramazzotti (Milano, 3 agosto 1800Crespano del Grappa, 24 settembre 1861) è stato un patriarca cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Milano il 3 agosto 1800 da famiglia originaria di Saronno.

Nel 1823 si laureò in diritto presso l'Università di Pavia, facendo pratica legale per due anni presso lo studio degli avvocati Calcaterra e Biumi, a Milano.

Mons. Burocco, allora Prevosto di San Giorgio al Palazzo e suo confessore personale, lo convinse a iscriversi al corso teologico triennale nel Seminario Maggiore di Milano. L'1 agosto 1828, il capitolo degli Oblati Missionari di Rho accoglie con sospensiva la sua domanda di ammissione Quando il 13 giugno 1829 prese congedo dalla madre, fu ordinato sacerdote ed entrò come novizio predicatore nella comunità di Rho, divenendone dopo alcuni anni il superiore.[1]

Nel convento di San Francesco a Saronno, aprì nel 1836 l'orfanotrofio-oratorio che poi divenne la prima sede del Seminario Lombardo.[2]

Ricevuto Papa Pio IX a Rho nel novembre del 1847, per volere del pontefice fondò nella propria casa paterna di Saronno il "Seminario lombardo per le missioni estere" (destinato a dare origine al PIME, Pontificio istituto missioni estere).[3]

Nel 1850 fu nominato vescovo di Pavia, cui nel 1858 seguì la nomina a Patriarca di Venezia, ministero nel corso del quale organizzò la prima spedizione delle Suore di Maria Bambina (Suore della Carità) in Bengala e delle suore Figlie della Carità (canossiane) ad Hong Kong.[4]

Trasferitosi a villa Canal a Crespano del Grappa presso il conte Filippo Canal nell'estate del 1861, il 21 settembre ricevette la notizia di un concistoro imminente e del ricevimento della berretta cardinalizia, dalla quale chiese di essere dispensato. Morì il successivo 24 settembre all'età di 61 anni, tre giorni prima di ricevere l'abito da porporato.[5]

Il cardinale Angelo Giuseppe Roncalli, patriarca di Venezia e futuro papa Giovanni XXIII, il 3 marzo 1958 fece traslare le sue spoglie a Milano nella chiesa di San Francesco Saverio dell'istituto missionario da lui fondato e attualmente presente in molte diocesi.

Nel 1976 papa Paolo VI ne avviò la causa di beatificazione.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Padre Giovanni Battista Tragella (P.I.M.E.), Da avvocato a fondatore del primo Istituto missionario italiano (PDF), su atma-o-jibon.org, 5. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 17 luglio 2019).
  2. ^ prof. Francesca Consolini (postulatrice), Pastori con l'odore delle pecore, in Mondo e Missione, 1º gennaio 2015. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 17 luglio 2019)., estratto dell'intervento per la causa di beatificazione, tenutosi al Pime di Milano il 15 novembre 2014
  3. ^ Angela Ambrogetti (vaticanista), Papa Francesco al Pime, siate una famiglia di apostoli con la urgenza della missione, su acistampa.com, 20 maggio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 20 maggio 2019).
  4. ^ Silvano Zoccarato, Povero vescovo di tutti i poveri, in Mondo e Missione, 18 novembre 2017. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 17 luglio 2019).
  5. ^ Giorgio Bernardelli, Venerabile Ramazzotti, il fondatore del Pime, su mondoemissione.it. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 17 luglio 2019).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN18149143 · ISNI (EN0000 0000 6145 9545 · LCCN (ENn2002106648 · GND (DE124131018 · CERL cnp00579155 · WorldCat Identities (ENn2002-106648