Apri il menu principale
Sant'Angelo da Gerusalemme
Angelo martire mussaro.jpg
Scultura lignea di Sant'Angelo del XVII sec. Chiesa del Carmelo in Sant'Angelo Muxaro.
 

Martire

 
Nascita2 Marzo 1185
MorteLicata, 5 maggio 1225
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazione1456
Santuario principaleChiesa di Sant'Angelo, Licata
Ricorrenza5 maggio
AttributiPalma, tre corone, spada che lo trafigge
Patrono diLicata, Sant'Angelo Muxaro, Osidda e dei lavoratori

Angelo da Gerusalemme (Gerusalemme, 2 marzo 1185Licata, 5 maggio 1225) è stato un religioso carmelitano che morì martire; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

BiografiaModifica

 
Una visione di Licata, sotto la custodia del protettore Sant'Angelo; disegno di Sebastiano Conca, incisa da Arnaldo Westerhent nel 1765.

Angelo apparteneva a una famiglia di ebrei convertiti al cristianesimo. Alla morte dei genitori i gemelli Giovanni ed Angelo che avevano l'età di 25 anni entrarono nel convento del Monte Carmelo, che ospitava una comunità religiosa dagli albori del cristianesimo, l'Ordine della Beata Vergine del Monte Carmelo. Questo ordine proprio in quegli anni scelse una nuova regola, che venne composta da Alberto di Gerusalemme attorno al 1214 e che trasformava la vita dell'ordine da contemplativa in mendicante, cambiamento in sintonia con quanto avveniva nel resto della Chiesa cattolica di quegli anni, con l'affermazione, in particolare, di due grandi ordini religiosi che si rifacevano agli stessi principi, i Francescani e i Domenicani. Angelo venne ordinato sacerdote nel convento del Carmelo all'età di venticinque anni.

Nel 1218 venne incaricato di recarsi a Roma, per sottoporre la nuova regola a Papa Onorio III per l'approvazione, che fu da questi concessa nel 1226 (un anno dopo la morte del santo).

Dopo una breve permanenza a Roma, dove svolse attività di predicatore e dove incontrò in Laterano San Francesco d'Assisi e San Domenico, venne inviato in Sicilia per combattere l'eresia catara.

In Sicilia visitò e predicò in diverse città tra cui Palermo, Cefalà Diana (dove guarì, nelle terme arabe, sette lebbrosi), Agrigento e Sant'Angelo Muxaro. In questa ultima località dimorò predicando e celebrando messa per i locali abitanti.

Da Sant'Angelo Muxaro si diresse verso la città di Licata, qui s’imbatté in un signorotto locale di nome Berengario, che oltre ad essere un cataro, viveva peccando d'incesto intrattenendo rapporti con la sorella; Sant'Angelo convinse la compagna di Berengario a lasciarlo e vi riuscì. Berengario accecato dalla rabbia lo assalì, mentre predicava nella chiesa dei ss. Filippo e Giacomo, ferendolo mortalmente con cinque colpi di spada. Fu trasportato in una casa vicina dai fedeli, dove quattro giorni dopo morì per le ferite riportate, era il 5 maggio 1225, chiedendo agli abitanti e fedeli di Licata di perdonare l’uccisore. Fu sepolto nella stessa chiesa del martirio e il suo sepolcro divenne subito meta di pellegrinaggi, il suo culto si diffuse rapidamente.

CultoModifica

Le reliquie vennero traslate nel 1656 nella nuova chiesa a lui dedicata: l'edificio venne eretto dagli abitanti della città come ringraziamento per la scampata epidemia di peste, che aveva colpito il Vicereame di Napoli nel 1656. L'approvazione del culto venne concessa da papa Pio II e la Chiesa cattolica lo festeggia il giorno della sua morte, il 5 maggio. Il santo è patrono di Licata, Sant'Angelo Muxaro e di Osidda (Sardegna) ed è molto venerato in tutta la Sicilia e in tutte le Province dell'Ordine Carmelitano.

Nell'anno 2020 il mondo Carmelitano si appresterà a vivere un grande momento di gioia. È stato istituito, infatti, il Giubileo 2020 per ricordare l'Ottavo Centenario del Martirio di Sant'Angelo che vedrà coinvolti, non solo l'Ordine ma la Chiesa Agrigentina e le Città di Licata e Sant'Angelo Muxaro.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN35586396 · GND (DE131368265 · CERL cnp00798221 · WorldCat Identities (EN35586396