Anna Maria Bernini

politica italiana (1965-)

Anna Maria Bernini (Bologna, 17 agosto 1965) è una politica italiana, dal 22 ottobre 2022 ministra dell'università e della ricerca del governo Meloni e dal 15 febbraio 2021 Vicecoordinatrice Nazionale di Forza Italia.[2][3]

Anna Maria Bernini
Anna Maria Bernini nel 2019

Ministra dell'università e della ricerca
In carica
Inizio mandato22 ottobre 2022
Capo del governoGiorgia Meloni
PredecessoreMaria Cristina Messa

Vicecoordinatore di Forza Italia
Durata mandato15 febbraio 2021 –
15 luglio 2023
Vice diAntonio Tajani
ContitolareAlessandro Cattaneo[1]
PredecessoreCarica creata

Ministra per le politiche europee
Durata mandato27 luglio 2011 –
16 novembre 2011
Capo del governoSilvio Berlusconi
PredecessoreAndrea Ronchi
SuccessoreEnzo Moavero Milanesi

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato15 marzo 2013
LegislaturaXVII, XVIII, XIX
Gruppo
parlamentare
XVII: Forza Italia-Il Popolo della Libertà XVII Legislatura
XVIII: Forza Italia-Berlusconi Presidente-UDC
XIX: Forza Italia-Berlusconi Presidente-PPE
CoalizioneXVII: Centro-destra 2013
XVIII: Centro-destra 2018
XIX: Centro-destra 2022
CircoscrizioneXVII-XVIII: Emilia-Romagna
XIX: Veneto
CollegioXIX: 3 (Padova)
Incarichi parlamentari
XVII legislature:

XVIII legislatura:

XIX legislatura:

Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato29 aprile 2008 –
14 marzo 2013
LegislaturaXVI
Gruppo
parlamentare
Popolo della Libertà
CoalizioneCentro-destra 2008
CircoscrizioneEmilia-Romagna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoForza Italia (dal 2013)
In precedenza:
AN (2007-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
UniversitàUniversità di Bologna
ProfessioneAvvocato civilista e amministrativista; Docente universitaria

È stata dapprima esponente di Alleanza Nazionale, poi de Il Popolo della Libertà e, infine, di Forza Italia, ricoprendo dal 27 luglio al 16 novembre 2011 la carica di ministra per le politiche europee nel governo Berlusconi IV.

Biografia modifica

Nata a Bologna nel 1965, è figlia di Giorgio Bernini (1928-2020)[4], giurista all'ONU e politico, deputato e ministro del commercio con l'estero nel primo governo Berlusconi. Si è laureata con lode in giurisprudenza presso l'Università di Bologna nel 1991.[5]

Ha completato la propria preparazione giuridica partecipando a diversi programmi di studio all'estero presso l'Università del Michigan, la Camera di commercio internazionale di Parigi, la London Court of International Arbitration (LCIA), il Queen Mary College, il Chartered Institute of Arbitrators di Londra, l'Institut du Droit et des Pratiques des Affaires Internationales de la Chambre de Commerce Internationale e l'American Arbitration Association (AAA).[5]

Attività accademica e professionale modifica

Post lauream ha proseguito la carriera accademica presso la stessa Università di Bologna, diventando professoressa associata di Diritto pubblico comparato e specializzandosi, come già suo padre, in arbitrato interno e arbitrato internazionale. Presso l'Università di Bologna ha tenuto gli insegnamenti di Istituzioni di Diritto Pubblico, e di Diritto dell'Arbitrato Interno e Internazionale e delle procedure alternative, entrambi presso la facoltà di economia dell'ateneo bolognese e quella della sede decentrata di Forlì.

Dal 1995 è iscritta all'ordine degli avvocati di Bologna e lavora presso lo studio legale di famiglia, associato alla società di studi legali Baker McKenzie dal 2005. Esercita la professione forense nel ramo civilistico e in quello del diritto amministrativo. È autrice di numerose pubblicazioni (anche in lingua inglese e francese) e di una decina di monografie, principalmente in tema di arbitrato, conciliazione, metodi extragiudiziali di composizione dei conflitti, diritto costituzionale e delle telecomunicazioni, contratti della pubblica amministrazione, privatizzazione e deregolamentazione, sistemi partitici, riforme costituzionali e federalismo.

È stata, tra gli altri, avvocato di Nicoletta Mantovani, vedova Pavarotti.[6]

Vita privata modifica

Si è sposata nel 2003 con il ginecologo Luciano Bovicelli (nato nel 1935), morto poi nel 2011.

Dopo la morte del marito diviene la compagna del giornalista Alessandro De Angelis.[7]

Attività politica modifica

Gli inizi modifica

Bernini è stata nel 2007 tra i soci promotori della Fondazione Farefuturo, fondata da Gianfranco Fini e Adolfo Urso, dov'è stata in seguito membro del "Comitato dei Trenta", espressione della Fondazione Farefuturo, della Fondazione Liberal e della Fondazione Craxi.[5][8]

Alle elezioni politiche del 2008 è stata candidata alla Camera dei deputati, tra le liste de Il Popolo della Libertà (PdL) in quota Alleanza Nazionale nella circoscrizione Emilia-Romagna in decima posizione, venendo eletta deputata. Nella XVI legislatura è stata componente della 1ª Commissione Affari Costituzionali, della Giunta per le Autorizzazioni, della Commissione parlamentare per la semplificazione della legislazione, del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa, della Commissione giurisdizionale per il personale, del Comitato per la legislazione e della Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale.

All'interno del PdL è stata descritta come vicina al presidente della Camera Gianfranco Fini, ma al momento della rottura tra Silvio Berlusconi e Fini decide di restare nel PdL, dove ricopre l’incarico di portavoce vicario.[9]

Regionali in Emilia-Romagna e ministro per le Politiche Europee modifica

 
Il giuramento da ministra davanti al capo dello Stato Giorgio Napolitano

In vista della convocazione delle elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2010, il 29 gennaio 2010 viene ufficializzata la candidatura di Bernini alla presidenza della Regione Emilia-Romagna, in sostituzione dell'originario candidato Giancarlo Mazzuca, venendo appoggiata dalla coalizione di centro-destra costituita dal PdL, dalla Lega Nord e La Destra di Francesco Storace. Tuttavia, alla tornata elettorale ottiene il 36,73% dei voti e risulta così sconfitta dal presidente uscente di centro-sinistra Vasco Errani (52,07%).[6]

A luglio 2011, in previsione di un rimpasto del quarto governo Berlusconi, è data dalla stampa tra i favoriti per succedere al dimissionario Angelino Alfano come ministro della Giustizia[6]. Tuttavia il 28 luglio le viene preferito l'ex magistrato e sottosegretario all'Interno Nitto Palma, ma viene comunque nominata ministro per le Politiche dell'Unione Europea, vacante dal 15 novembre 2010 a seguito delle dimissioni di Andrea Ronchi[10], dove Bernini resta ministro per pochi mesi fino alle dimissioni di Silvio Berlusconi del 16 novembre dello stesso anno.[9]

Elezione a senatrice modifica

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidata al Senato della Repubblica, come capolista del Popolo della Libertà nella circoscrizione Emilia-Romagna, dov'è eletta senatrice. Durante la XVII legislatura è stata componente della 1ª Commissione Affari Costituzionali, della Giunta per il regolamento e della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce alla rinascita di Forza Italia, diventandone vice-capogruppo vicario del gruppo parlamentare al Senato e il successivo 24 marzo 2014 membro del Comitato di Presidenza del partito.[11][12]

Nella seduta in Senato del 27 novembre 2013[13], in cui la maggioranza del Parlamento ha espresso il suo voto a favore della decadenza di Berlusconi (condannato per frode fiscale)[14], ha deciso, insieme ad altre sue colleghe come Maria Elisabetta Alberti Casellati, di vestirsi completamente di nero, considerando la suddetta decisione come un «segno di lutto per la democrazia» e i votanti a favore come un «plotone di esecuzione».[15]

Il 4 febbraio 2015, in seguito alla rottura del Patto del Nazareno con l'elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica e i dissidi interni al partito, rimise nelle mani di Silvio Berlusconi le dimissioni dall'incarico, insieme al capogruppo Paolo Romani con gli omologhi della Camera Mariastella Gelmini e Renato Brunetta, ma Berlusconi le respinse.[16]

Capogruppo di Forza Italia al Senato modifica

 
Bernini (a destra) con Mariastella Gelmini e Silvio Berlusconi durante le consultazioni del 2018.

Alle elezioni politiche del 2018 è stata ricandidata per Forza Italia al Senato come capolista nei collegi plurinominali Lazio - 01 e Emilia-Romagna - 01, nonché in seconda posizione nel collegio plurinominale Emilia-Romagna - 02. È stata quindi eletta senatrice nel collegio Emilia-Romagna - 01, che comprende la città di Bologna.[17]

Il 23 marzo viene proposta dalla Lega Nord come possibile Presidente del Senato, con il sostegno del Movimento 5 Stelle[18]; tuttavia, in seguito al parere contrario del suo partito, Bernini declina la candidatura, scegliendo di appoggiare la collega di partito Maria Elisabetta Alberti Casellati.[19][20]

Con l'inizio della XVIII legislatura è stata eletta, all'unanimità dagli altri senatori forzisti, capogruppo di Forza Italia – Berlusconi Presidente al Senato della Repubblica.[21][22]

 
Bernini con Berlusconi, Antonio Tajani e Mariastella Gelmini durante le consultazioni del 2019

Il 1º agosto 2019 Berlusconi nomina un nuovo Coordinamento del partito composto da Sestino Giacomoni, Antonio Tajani e le due capigruppo Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini[23] e l'anno seguente aggiunge Gianni Letta, Niccolò Ghedini, Jole Santelli e lo stesso Berlusconi in occasione delle riunioni tenute durante l'emergenza COVID-19[24]. Il 12 maggio Berlusconi nomina un nuovo coordinamento di 14 persone tra le quali c'è anche Bernini.[25]

Il 15 febbraio 2021, in seguito alla nascita del governo Draghi, rimasta fuori dalla rosa dei neo ministri forzisti, Bernini viene promossa da Berlusconi a vicecoordinatrice nazionale di Forza Italia, affiancando Antonio Tajani, con il compito di coordinare l'attività del partito con i gruppi parlamentari della Camera, del Senato e del Parlamento europeo.[26]

Ministro dell'università e della ricerca modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Meloni.
 
Bernini giura come Ministro dell'università e della ricerca al Quirinale nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Alle elezioni politiche anticipate del 2022 Bernini viene ricandidata al Senato nel collegio uninominale Veneto - 03 (Padova), sostenuta dalla coalizione di centro-destra in quota forzista, oltreché come capolista nei collegi plurinominali Campania - 02 ed Emilia-Romagna - 02, venendo eletta nell'uninominale con il 54,65% dei voti, superando nettamente più del doppio rispetto al principale candidato del centro-sinistra Emanuele Alecci (24,32%).[27]

Dopo la vittoria della coalizione di centro-destra alle elezioni e il successivo incarico di formare un governo affidato a Giorgia Meloni, il 21 ottobre 2022 Bernini è stata indicata come ministro dell'università e della ricerca[28]. Nonostante fosse nominata ministro dell'università, in un primo momento è stata proposta come ministro per la pubblica amministrazione[29]. Il giorno successivo ha giurato nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella come Ministro dell'università e della ricerca nel governo Meloni[30][31].

Il 24 marzo 2023 viene affiancata da Alessandro Cattaneo come vicecoordinatrice di Forza Italia.[32]

Posizioni e idee politiche modifica

Diritti civili modifica

 
Bernini nel suo ufficio di Palazzo Madama

Da sempre a favore dei diritti civili già nel 2016, nel corso dell'iter parlamentare sul cosiddetto "ddl Cirinnà" sulla regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e la disciplina delle convivenze, si dichiara favorevole[33] alla proposta di legge completa di adozione del figlio del partner votando a favore del testo (in dissenso dal proprio gruppo parlamentare).[34] Alla seduta del 9 febbraio definisce il disegno di legge soltanto come «un primo abbozzo di risposta [...] per contenere un gap europeo ed un vuoto normativo», anzi afferma che avrebbe voluto vedere aggiornato l'articolo 29 della Costituzione, regolante l'istituto del matrimonio, in quanto «avrebbe fatto fare anche un vero, e non solo promesso, balzo in avanti all'intera società italiana, modernizzando un Paese che troppo spesso si specchia nel passato».[35]

Tuttavia, quando il governo pone il voto di fiducia sul ddl il 25 febbraio, durante la seduta in aula del medesimo giorno la senatrice si dichiara contraria all'imposizione della fiducia «su una norma come questa, che tocca in profondità diritti sensibilissimi», esprimendo inoltre il proprio dissenso per l'omissione dell'obbligo di fedeltà e per lo stralcio dell'articolo sulla stepchild adoption.[36] Vota dunque contro la questione di fiducia.[37]

Nel 2020 si è pubblicamente schierata a favore del cantante Achille Lauro oggetto di molte critiche per le sue esibizioni al Festival di Sanremo.[38][39][40][41] La Senatrice dichiarò: «Talento, studio, duro lavoro, coraggio insomma il merito! Tutti valori in cui credo, tutte qualità che non solo sono da apprezzare ma che necessariamente devono essere trasmesse alle nuove generazioni. Quindi “me ne frego” della tutina glitterata, tra il merito e il bigottismo della nostra società io so chiaramente da che parte stare! Viva Achille Lauro, Viva l’arte, Viva la libertà!»

Nel maggio del 2020, ospite dell'associazione GayLib, si è detta pronta a sostenere un disegno di Legge con misure di contrasto ai fenomeni di omofobia con queste parole: "Inutile ricordare, in questa sede, i tanti episodi di discriminazione o addirittura violenza, mi basta dire che l'ordinamento italiano è totalmente silente rispetto al tema del contrasto alla violenza di natura omofotransfobica, sia essa fisica o verbale. Penso che una legge del genere risolverebbe i problemi? No di certo, ma sarebbe un segnale importante".[42]

Sempre a proposito del disegno di legge con misure di contrasto ai fenomeni di omofobia ha dichiarato nell'aprile del 2021:

«Una situazione che ritengo inaccettabile: ogni ragazzo o ragazza di questo Paese deve essere libero di esprimere e vivere la propria sessualita' come meglio crede. È una delle certezze che mi accompagna da molto prima di impegnarmi in politica. Va sradicata dalle menti deboli l'idea che essere omosessuali sia sbagliato o peggio ancora un atteggiamento da punire. Ma la battaglia e' tutt'altro che vinta! Non sara' di certo l'approvazione o meno del ddL Zan a far cessare gli episodi omotransfobici. Semmai - annota - rappresenta una picconata, pur importante, a quel muro fatto di ignoranza, paura e pregiudizi che impedisce la vera inclusione. Per quanto riguarda la sottoscritta, sono sempre pronta a scendere in campo per onorare la piu' preziosa delle liberta', l'amore»

Giovani meritevoli modifica

Nel 2019 ha presentato un Disegno di Legge a favore dei giovani meritevoli.[44] Il provvedimento prevedeva sistemi premianti per under 35 particolarmente meritevoli attraverso borse di studio per effettuare tesi di ricerca, master di primo o secondo livello, un fondo start up in materie legate alle nuove tecnologie, fondi per il rientro di cervelli in fuga, incentivi per stimolare le assunzioni di giovani, l'anticipo del praticantato e l'istituzione del fondo Erasmus Italia.[45] Sempre nel 2019 ha presentato un altro Disegno di Legge a favore dei giovani laureati, che prevedeva strumenti di riscatto della laurea a fini pensionistici.[46]

Tassazione e fisco modifica

Il 19 aprile 2016, in materia fiscale, propone un disegno di legge sulla rottamazione dei ruoli esattoriali per le persone e aziende in difficoltà economica.[47] Sempre in materia fiscale nella Legislatura XVIII ha presentato un altro Disegno di Legge in materia di certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente.[48] L'intento dichiarato è quello di creare un rapporto con il fisco chiaro e trasparente.

Caccia e allevamenti modifica

 
Bernini visita un'azienda alimentare

Il 14 novembre 2017, partecipando all'incontro "La gestione del patrimonio vivi-faunistico in Italia: tra piccoli e grandi passi, dove siamo e dove arriveremo" della Fondazione UNA Onlus, si dichiara favorevole alla pratica della caccia.[49] Nel 2019 ha destato molto scalpore la sua netta presa di posizione a favore degli allevatori e degli imprenditori alimentari attaccati da associazioni animaliste. La senatrice dichiarò:" La politica che amiamo fare noi di Forza Italia è tra la gente, nelle aziende, fianco a fianco di imprenditori, lavoratori e famiglie".[50]

Controversie modifica

A ottobre 2018, mentre era in corso la votazione per la ratifica di due trattati siglati con gli Emirati Arabi Uniti nel settembre 2015, Bernini è stata sorpresa dal senatore del Movimento 5 Stelle Giovanni Endrizzi a votare per la sua collega vicina Licia Ronzulli[51]. In seguito alla protesta dei senatori del M5S, il voto è stato annullato.[51]

Note modifica

  1. ^ Dal 24 marzo 2023
  2. ^ senato.it - Composizione del Gruppo Forza Italia Berlusconi Presidente-UDC, su senato.it. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  3. ^ Annamaria Bernini — Università di Bologna — Home Page, su unibo.it. URL consultato il 15 novembre 2020.
  4. ^ Morto Giorgio Bernini, padre della senatrice di Forza Italia Anna Maria. Fu giurista all'Onu e ministro nel primo governo Berlusconi, su Il Fatto Quotidiano, 22 ottobre 2020. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  5. ^ a b c Chi Sono, su Anna Maria Bernini. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  6. ^ a b c La carriera fulminea di lady Bernini: è favorita per il ministero della Giustizia, su Il Fatto Quotidiano, 1º luglio 2011. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  7. ^ Anna Maria Bernini, dopo l'ex marito Luciano Bovicelli il compagno Alessandro De Angelis, su ilsussidiario.net, 10 febbraio 2021. URL consultato il 16 marzo 2021.
  8. ^ http://www.lettera43.it/politica/11926/la-donna-delle-comunicazioni.htm
  9. ^ a b S*, Chi è Anna Maria Bernini?, su La Svolta. URL consultato il 21 maggio 2023.
  10. ^ Via libera al rimpasto di governoPalma alla Giustizia, Bernini Miss Ue, su lastampa.it, 27 luglio 2011. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  11. ^ L'addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia - Corriere.it, su web.archive.org, 26 novembre 2013. URL consultato il 28 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2013).
  12. ^ Ufficio di Presidenza: Berlusconi nomina il Comitato di Presidenza, su forzaitalia.it. URL consultato il 28 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2014).
  13. ^ Decadenza Berlusconi: si vota mercoledì 27 novembre alle ore 19, su Today. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  14. ^ #Decadence | la decadenza di Berlusconi ora per ora, su Il Fatto Quotidiano, 27 novembre 2013. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  15. ^ Maria Elisabetta Alberti Casellati, la "più berlusconiana": dalla marcia contro il processo Ruby alle leggi ad personam, su Il Fatto Quotidiano, 24 marzo 2018. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  16. ^ Vertici FI lasciano, no del Cav. Toti: "Il Patto del Nazareno è rotto", su ilGiornale.it, 4 febbraio 2015. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  17. ^ Antonella Beccaria, Bernini eletta: 'Il modello emiliano-romagnolo deve fare i conti con i suoi errori', in Bologna Today, 9 marzo 2018. URL consultato il 26 marzo 2018.
  18. ^ Silvio Buzzanca, Presidente Senato, centrodestra spaccato. Lega: "Votiamo Bernini". Di Maio: "Noi disponibili". Lei frena. Berlusconi: "Rotta la coalizione", su la Repubblica, 23 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2018.
  19. ^ Camere, rottura Berlusconi-Salvini: la Lega vota Bernini, ok di Di Maio. Ma lei rinuncia, su Il Gazzettino, 24 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2018.
  20. ^ Camera e Senato: capigruppo Forza Italia Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini - Tgcom24, in Tgcom24, 27 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2018.
  21. ^ Senatori, su Gruppo Senato Forza Italia Berlusconi Presidente. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  22. ^ Pd, Delrio e Marcucci capigruppo: il partito "si arrocca" (e Renzi la spunta). Forza Italia sceglie Gelmini e Bernini, su Il Fatto Quotidiano, 27 marzo 2018. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  23. ^ Forza Italia, Berlusconi nomina il nuovo Coordinamento: Toti esce, Carfagna non ci sta, su Tgcom24. URL consultato il 1º agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2019).
  24. ^ Berlusconi i suoi: "Grazie alla tecnologia rimaniamo in piena attività" - IlGiornale.it, su m.ilgiornale.it. URL consultato il 25 aprile 2020.
  25. ^ Rivoluzione Berlusconi, cambia tutto in Forza Italia: ecco i nuovi 14 del vertice, su iltempo.it. URL consultato il 13 maggio 2020.
  26. ^ Novità in Forza Italia: tutte le nuove nomine. Tajani coordinatore nazionale
  27. ^ Tutti i senatori eletti all'uninominale, in la Repubblica, 26 settembre 2022.
  28. ^ Governo: da Mattarella l'incarico a Meloni, presentata la lista dei ministri - Politica, su Agenzia ANSA, 21 ottobre 2022. URL consultato il 21 maggio 2023.
  29. ^ Berlusconi ha detto quali saranno i ministri di Forza Italia nel governo Meloni, su Fanpage. URL consultato il 12 maggio 2023.
  30. ^ Redazione Scuola, Anna Maria Bernini è la nuova ministra dell’Università e della Ricerca, su Il Sole 24 ORE, 21 ottobre 2022. URL consultato il 12 maggio 2023.
  31. ^ Meloni, il giuramento del governo al Quirinale: «Serviremo l'Italia con orgoglio». Domani passaggio di consegne e Cdm, su www.ilmattino.it, 22 ottobre 2022. URL consultato il 21 maggio 2023.
  32. ^ Forza Italia - Organi e Funzioni Nazionali, su www.forzaitalia.it. URL consultato il 12 maggio 2023.
  33. ^ L'ex ministro di Forza Italia: "Voto sì a unioni gay e adozioni", su la Repubblica, 13 febbraio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  34. ^ Unioni civili, superata la prima votazione con 195 voti contro 101. Si riprende martedì prossimo, in rainews. URL consultato il 23 marzo 2018.
  35. ^ senato.it - Legislatura 17ª - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 574 del 09/02/2016, su senato.it. URL consultato il 23 marzo 2018.
  36. ^ senato.it - Legislatura 17ª - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 582 del 25/02/2016 (PDF), su senato.it.
  37. ^ Votazione Senato [Ddl Unioni Civili - Fiducia] Fiducia Cirinnà - OpenParlamento, su parlamento17.openpolis.it. URL consultato il 23 marzo 2018.
  38. ^ Anche Anna Maria Bernini pazza di Achille Lauro: "W l'arte, W la libertà", su Gay.it, 11 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  39. ^ Anna Maria Bernini in difesa di Achille Lauro: "È un vero artista, io 'me ne frego' dei bigotti", su Globalist. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  40. ^ Criticata per le lodi ad Achille Lauro, la senatrice Bernini replica: «Me ne frego. Non sto coi bigotti», su GAYNEWS, 10 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  41. ^ Fabrizio Procopio, Il coming out di Anna Maria Bernini come ally del movimento LGBT+, su NEG Zone, 15 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  42. ^ 17 maggio, agenti in divisa al webinar di GayLib. Bernini: «Importante legge anti-omotransfobia», su GAYNEWS, 18 maggio 2020. URL consultato il 27 maggio 2020.
  43. ^ annamariabernini.it/2021/04/13/la-mia-posizione-sul-ddl-per-il-contrasto-ai-fenomeni-di-omotransfobia/
  44. ^ Parlamento Italiano - Disegno di legge S. 1513 - 18ª Legislatura, su senato.it. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  45. ^ La risposta di Forza Italia al Reddito di cittadinanza, Bernini: «Così per i giovani si può aprire davvero il mercato del lavoro» - L'intervista, su Open, 23 ottobre 2019. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  46. ^ Parlamento Italiano - Disegno di legge S. 1235 - 18ª Legislatura, su senato.it. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  47. ^ https://parlamento17.openpolis.it/singolo_atto/61913
  48. ^ Parlamento Italiano - Disegno di legge S. 538 - 18ª Legislatura, su senato.it. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  49. ^ http://www.armietiro.it/tutti-uniti-per-davvero-9148
  50. ^ La risposta della Bernini alla Brambilla. Abbraccia il maialino che diventa un culatello, su L'HuffPost, 11 dicembre 2019. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  51. ^ a b Senato, Bernini (FI) pizzicata dai parlamentari M5s: "Fa la pianista, è vergognoso". E Calderoli annulla il voto, su Il Fatto Quotidiano, 3 ottobre 2018. URL consultato il 28 gennaio 2022.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11083004 · ISNI (EN0000 0000 2032 6199 · LCCN (ENn00097410