Apri il menu principale
Anna Maria Gherardi nello sceneggiato televisivo Eneide

Anna Maria Gherardi (Bologna, 21 marzo 1939Roma, 5 ottobre 2014[1]) è stata un'attrice italiana di teatro[2], cinema e televisione, attiva prevalentemente negli anni settanta. Occasionalmente è stata anche doppiatrice: ha dato voce ad Emmanuelle Riva in Gli occhi, la bocca , del 1982, ed è stata la voce narrante in Al Fatah - Palestina, del 1970.

TeatroModifica

Formatasi alla scuola del Piccolo Teatro di Milano, dove si è diplomata, ha debuttato ventunenne nel 1960, in Adelchi, recitando a fianco di Vittorio Gassmann. Attiva nel teatro sperimentale di area romana è stata diretta da Maurizio Scaparro ne Le serve di Jean Genet, che aveva nel cast Piera Degli Esposti.

Nel suo repertorio figurano, fra le altre, opere di Arthur Schnitzler e Pedro Calderón de la Barca. Diretta da Luca Ronconi è stata interprete di Ignorabimus di Arno Holz, lavoro per il quale le è stato conferito nel 1986 il premio teatrale Ubu. Per la radio ha interpretato nel 2002 la puntata dedicata ad Agrippina Minore, della serie La storia in giallo.

Prosa teatraleModifica

Prosa televisiva RaiModifica

CinemaModifica

Caratterista cinematografica impiegata talvolta in film di fantascienza e in spaghetti western, Gherardi ha fra le interpretazioni di maggior rilievo quelle come protagonista nel film Uno dei tre di Gianni Serra, nel film Novecento, del 1976, in cui è stata diretta da Bernardo Bertolucci (e dove interpretava il ruolo di Eleonora), ne Il petomane, del 1983, regia di Pasquale Festa Campanile (ricopriva il ruolo di Misia Edwards) e in Perdutoamor, di Franco Battiato, pellicola del 2003, in cui ha interpretato il ruolo di Augusta.[3] Con lo stesso Battiato ha poi lavorato nel 2007 in Niente è come sembra, terza produzione del cantautore-regista.

In televisione è apparsa in diversi sceneggiati e miniserie fra cui Eneide, regia di Franco Rossi, del 1971.

Consiglio dei ministri n. 24 del 23 luglio 2014: In considerazione dei meriti conseguiti nel corso della sua carriera artistica, il Consiglio ha conferito a Anna Maria GHERARDI (attrice), l'assegno straordinario vitalizio che la legge n. 440 del 1985 (cosiddetta “legge Bacchelli”).

TelevisioneModifica

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Teatro, è morta a Roma l'attrice Anna Maria Gherardi, in La Repubblica, 5 ottobre 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  2. ^ Fonte: Delteatro.it[collegamento interrotto]
  3. ^ Fonte: Scheda su Mymovies.com

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica