Apri il menu principale

Anna Morandi Manzolini

anatomista e scultrice italiana
Anna Morandi Manzolini

Anna Morandi Manzolini (Bologna, 21 gennaio 1714Bologna, 9 luglio 1774) è stata un'anatomista e scultrice italiana, docente di anatomia all'Università di Bologna, abile realizzatrice di modelli anatomici in ceroplastica. A lei è dedicato il cratere Manzolini sulla superficie di Venere

Indice

BiografiaModifica

Figlia di Carlo Morandi e Rosa Giovannini, studiò disegno e scultura a Bologna presso i pittori Giuseppe Pedretti e Francesco Monti, dove conobbe Giovanni Manzolini[1], professore di anatomia, che sposò nel 1740. La Morandi ebbe presto l'occasione di dimostrare le sue capacità di anatomista quando il marito si ammalò di depressione, aiutandolo concretamente nella dissezione dei cadaveri. Divenne così esperta nella riproduzione in cera di parti anatomiche fino allora sconosciute. Inoltre, quando suo marito si ammalò di tubercolosi, la Morandi ricevette un permesso speciale per insegnare in sua vece.

Dopo la morte del marito (1755), fu nominata dal Senato bolognese modellatrice in cera presso la cattedra di anatomia dell'Università[2].

La sua fama di realizzatrice di modelli anatomici si diffuse in tutta Europa: la Royal Society di Londra, Caterina II di Russia e altre corti europee invitarono Anna Morandi più volte con offerte economiche molto allettanti, ma lei non volle mai lasciare Bologna.

Morì nel 1774 a sessant'anni e fu sepolta, con funerali solenni, nella chiesa di San Procolo in Via d'Azeglio a Bologna. "Sulla lapide viene definita prima di tutto moglie amorevole e madre. Solo nella terza riga si legge: Artista colta ricercatrice insegnante brillante."[3]

Realizzazioni artisticheModifica

La Manzolini realizzò anche busti in cera con finalità puramente artistiche. Due sono esposti a Palazzo Poggi di Bologna: uno è un autoritratto, in cui la si vede al lavoro durante la dissezione di un cervello umano; l'altro ritrae suo marito che, icasticamente, disseziona un cuore.[4]

Si ritiene inoltre che sia da attribuire alla sua "maniera", anziché a quella del marito, il ritratto virile in cera colorata oggi conservato al Victoria and Albert Museum di Londra[1].

NoteModifica

  1. ^ a b Susanna Falabella, Giovanni Manzolini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 69, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2007. URL consultato il 29 agosto 2014.
  2. ^ Nel 1756 secondo il "Dizionario Biografico delle Scienziate Italiane", nel 1777 secondo "101 donne che hanno fatto grande Bologna".
  3. ^ Cit. "101 donne che hanno fatto grande Bologna", pag. 136.
  4. ^ Anna Morandi Manzolini's wax self-portrait - Himetop

Fonti e approfondimentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN6063977 · ISNI (EN0000 0000 8023 5344 · LCCN (ENn85056642 · GND (DE131365096 · CERL cnp01073916