Apri il menu principale
Annabella
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàsettimanale
Generefemminili
Fondazione15 luglio 1933
Chiusura2013
EditoreRizzoli
 

Annabella (precedentemente Lei e successivamente Anna e poi A) è stata una rivista femminile italiana.

StoriaModifica

Nel 1933 Angelo Rizzoli fondò il settimanale Lei, che il 15 novembre 1938 ribattezzò Annabella, a seguito della campagna contro l'uso della terza persona come pronome di cortesia[1][2].

La rivista si collocava fra i principali settimanali femminili italiani.[senza fonte]

Nel Dopoguerra Giorgio Scerbanenco tenne su Annabella la rubrica La posta di Adrian[3].

Fra le firme più famose c'era quella di Brunella Gasperini, che curò la rubrica Ditelo a Brunella per venticinque anni, e la vide stabilire un dialogo aperto e franco con i suoi lettori su tematiche come il divorzio, l'aborto, la famiglia e la politica.

Nel 1983 la testata della rivista divenne semplicemente Anna. Nel 1988 con 239.000 copie medie vendute il settimanale si collocava fra i concorrenti Grazia e Amica[4].

Nel 2007 la testata si ridusse alla sola A, ma nel 2013 la rivista fu chiusa.

NoteModifica

  1. ^ Bibliografia dei periodici femminili lombardi (1786-1945), su books.google.it. URL consultato il 26 agosto 2019.
  2. ^ Raffaella Celentano, Le riviste di moda italiane: la storia nascosta tra i merletti
  3. ^ Cecilia Scerbanenco, Giorgio Scerbanenco
  4. ^ Gian Luigi Falabrino, Pubblicità serva padrona, Milano, Sole 24 Ore, 1989, pag. 250
  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria