Anne Wiazemsky

attrice, scrittrice e regista francese

Anne Wiazemsky (Berlino, 14 maggio 1947Parigi, 5 ottobre 2017) è stata un'attrice, scrittrice e regista francese.

Anne Wiazemsky nel film Il seme dell'uomo (1969)

Biografia

modifica

Anne Wiazemsky nasce da Claire Mauriac (1917-1992), (figlia di François Mauriac premio Nobel per la letteratura) e da Yvan Wiazemsky (1915-1962), diplomatico d'origine aristocratica russa (appartenente alla famiglia dei principi omonimi), emigrato in Francia dopo la rivoluzione del 1917. A quel tempo i genitori abitano a Berlino, poi vanno a Roma (dove nel 1949 nasce il fratello di Anne, Pierre Wiazemsky, illustratore noto con lo pseudonimo di Wiaz), a Montevideo, Ginevra e Caracas, prima di rientrare in Francia nel 1961.

Debutta al cinema nel 1966 con il ruolo da protagonista in Au hasard Balthazar, diretto da Robert Bresson.[1] L'anno successivo interpreta La cinese di Jean-Luc Godard e quello stesso anno sposa il regista, diventandone attrice feticcio e moglie per dodici anni, fino al divorzio, avvenuto nel 1979.[2] Lavora con il marito in Week End - Una donna e un uomo da sabato a domenica, Vento dell'est, Vladimir et Rosa e Crepa padrone, tutto va bene. Alla fine degli anni sessanta lavora anche con importanti autori italiani, come Pier Paolo Pasolini (Teorema e Porcile), Marco Ferreri (Il seme dell'uomo) e Carmelo Bene (Capricci).

Negli anni ottanta dirada la sua attività cinematografica e dal 1988, con la pubblicazione della raccolta di racconti Des filles bien élevées, intraprende con successo la carriera di scrittrice, vincendo il Prix Goncourt des lycéens per Canines (1993) e il Grand Prix du roman de l'Académie française per Il canto delle rane a Bajgora (Une poignées de gens) (1998). Le sue opere sono state fonte d'ispirazione per il cinema: da Hymnes à l'amour (1996) è stato tratto nel 2003 il film Toutes ces belles promesses di Jean Paul Civeyrac, da Je m'appelle Elizabeth (2004) l'omonimo film diretto da Jean-Pierre Améris nel 2006 e da Un an après il film Il mio Godard (Le Redoutable) di Michel Hazanavicius nel 2015.

È deceduta il 5 ottobre 2017 in un ospedale di Parigi a causa di un cancro.[3]

Romanzi

modifica
  • Mon beau navire, Paris: Gallimard, 1989
  • Marimé, Paris: Gallimard, 1991
  • Canines, Paris: Gallimard, 1993
  • Hymnes à l'amour, Paris: Gallimard, 1996
  • Une poignée de gens, 1998; trad. di Romana Petri, Il canto delle rane a Bajgora, Milano: Piemme, 2000. ISBN 88-384-4699-7
  • Aux quatre coins du monde, Paris: Gallimard, 2001
  • Sept garçons, Paris: Gallimard, 2002
  • Je m'appelle Élisabeth, Paris: Gallimard, 2004
  • Jeune fille, Paris: Gallimard, 2007
  • Mon enfant de Berlin, 2009, trad. di Cinzia Poli, La ragazza di Berlino, Roma: e/o, 2010. ISBN 978-88-76419-17-1
  • Un année studieuse, 2012, trad. di Silvia Manfredo, Un anno cruciale Roma: e/o, 2013. ISBN 978-88-6632-249-8
  • Un an après, Paris: Gallimard, 2015
  • Un saint homme, Paris: Gallimard, 2017
  • Des filles bien élevées, Paris: Gallimard, 1988 (racconti)[4]
  • Album de famille, Paris: Éd. du May, 1992 (fotografie)
  • Conversation avec Bernardo Bertolucci, in La Nouvelle Revue française, 520, maggio 1996
  • Conversation avec Olivier Assayas, in La Nouvelle Revue française, 532, maggio 1997
  • Prefazione a Gajto Gazdanov, Dernier voyage, Paris: Mercure de France, 1999
  • Les Cafés, Paris: Plume, 2000
  • Venise, Paris: Éd. du Chêne, 2001 (con fotografie di Jean-Noël de Soye)
  • Les Visiteurs du soir, Paris: Desclée de Brouwer, 2003 (con disegni di Stanislas Bouvier) (racconto per bambini)
  • Sales chats, Paris: La Martinière, 2007 (con illustrazioni di Nicolas Vial)
  • Adolphe di Benjamin Constant lu par Anne Wiazemsky, Paris: Éd. des Femmes, 2007 (registrazione su 3 cd, durata: 165')
  • Photographies, Paris: Gallimard, 2012 (con Gabriel Bauret)
  • Nos maisons de famille, Paris: La Martinière, 2012 (con fotografie di Pascaline Marre)
  • Prefazione a Maurice Genevoix, Rroû, Paris: La Table Ronde, 2016

Filmografia

modifica
 
Anne Wiazemsky in Teorema (1968)
  1. ^ Muore a 70 anni Anne Wiazemsky, protagonista di Au hasard Balthazar e La cinese, su Cineblog, 5 ottobre 2017. URL consultato il 29 agosto 2023.
  2. ^ (FR) La romancière et actrice Anne Wiazemsky est morte, in Le Monde.fr, 5 ottobre 2017. URL consultato l'11 novembre 2023.
  3. ^ (ES) Muere Anne Wiazemsky, la «musa rebelde» que conquistó a Godard, su Diario ABC, 5 ottobre 2017. URL consultato il 29 agosto 2023.
  4. ^ Contiene: Pour tes dix ans, Anna - Dernière soirée avant la rentrée des classes - Rencontre avec Fanou - Au gré du vent - Eddy - L'île. L'ultimo è pubblicato anche a sé, Paris: Gallimard, 2007.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN85517251 · ISNI (EN0000 0001 0921 6850 · SBN MILV154338 · LCCN (ENn92094666 · GND (DE119496976 · BNF (FRcb12064566z (data) · J9U (ENHE987007301907905171 · NSK (HR000366782 · NDL (ENJA00811657