Annie Famose

sciatrice alpina francese
Annie Famose
Annie Famose.JPG
Annie Famose nel 1967
Nazionalità Francia Francia
Altezza 158 cm
Peso 50 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra Pyrenenees Quest
Termine carriera 1972
Palmarès
Olimpiadi 0 1 1
Mondiali 1 3 2
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Annie Famose (Jurançon, 16 giugno 1944) è un'ex sciatrice alpina e allenatrice di sci alpino francese, campionessa del mondo nello slalom speciale a Portillo 1966 e vincitrice di una Coppa del Mondo di slalom speciale e di varie medaglie olimpiche e iridate.

BiografiaModifica

Carriera sciisticaModifica

Stagioni 1964-1967Modifica

Sciatrice completa, Annie Famose ottenne il suo primo risultato di rilievo il 29 gennaio 1964 ai IX Giochi olimpici invernali di Innsbruck 1964, in Austria, piazzandosi quinta in slalom gigante e nona in discesa libera. Convocata due anni dopo per i Mondiali disputati a Portillo, in Cile, conquistò tre medaglie: l'oro in slalom speciale e due argenti, in discesa libera e in combinata.

Il 7 gennaio 1967 esordisce in Coppa del Mondo nella gara inaugurale di Oberstaufen, in Germania Ovest, classificandosi terza in slalom dietro alla canadese Nancy Greene e alla svizzera Fernande Bochatay. Tre giorni dopo vinse la sua prima gara, successo che bissò sul tracciato elvetico Grindelwald in slalom. Si aggiudicò, nella stessa stagione, anche la Coppa del Mondo di slalom speciale.

Stagioni 1968-1972Modifica

Ai X Giochi olimpici invernali di Grenoble 1968 vinse due medaglie, l'argento in gigante e il bronzo in speciale, valide anche ai fini dei Mondiali 1968; nella stessa occasione conquistò anche il bronzo in combinata, riconosciuto solo ai fini di questi ultimi, e si classificò quianta nella discesa libera.

Il 12 febbraio 1971 a Sugarloaf negli Stati Uniti salì per l'ultima volta sul podio in Coppa del Mondo, con il terzo posto in discesa libera dietro alla fuoriclasse austriaca Annemarie Moser-Pröll e alla connazionale Jacqueline Rouvier. Il 5 febbraio 1972 con l'ottavo posto in discesa agli XI Giochi olimpici invernali di Sapporo 1972 in Giappone pose termine all'attività agonistica.

Carriera da allenatriceModifica

Dopo il ritirò avviò varie attività imprenditoriali in stazioni sciistiche francesi e sviluppò, assieme alla connazionale Isabelle Mir, nuove tecniche di allenamento per i bambini[1].

PalmarèsModifica

OlimpiadiModifica

MondialiModifica

Coppa del MondoModifica

Coppa del Mondo - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
10 gennaio 1967 Grindelwald   Svizzera SL
26 gennaio 1967 Saint-Gervais-les-Bains   Francia SL

Legenda:

SL = slalom speciale

Campionati francesiModifica

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore
— ottobre 1969[1]
  Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— luglio 2010[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Profilo sports-reference.com, su sports-reference.com. URL consultato il 30 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2014).
  2. ^ Inizialmente le fu assegnato bronzo; l'argento le fu riconosciuto ufficialmente il 14 dicembre 1996 con la squalifica di Erika Schinegger ((EN) Shav Glick, If She's Not a She but in Fact a He, He Shouldn't Ski, in Los Angeles Times, 18 dicembre 1996. URL consultato il 5 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2016).).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN222436147 · ISNI (EN0000 0003 7476 0021 · BNF (FRcb11902226k (data) · WorldCat Identities (ENviaf-222436147