Anniversario della liberazione d'Italia

evento festeggiato in Italia il 25 aprile di ogni anno

L'anniversario della liberazione d'Italia, noto anche come festa della Liberazione (o semplicemente il 25 aprile), è una festa nazionale della Repubblica Italiana, che si celebra ogni 25 aprile per commemorare la liberazione dell'Italia dal nazifascismo, la fine dell'occupazione nazista e la definitiva caduta del regime fascista.[2]

Anniversario della liberazione
Emblema della Repubblica Italiana
Tiponazionale
Data25 aprile
Celebrata inBandiera dell'Italia Italia
Oggetto della ricorrenzaLiberazione dell'Italia dal nazifascismo, fine dell'occupazione nazista e caduta definitiva del regime fascista
Ricorrenze correlate
Data d'istituzione22 aprile 1946[1]
Altri nomi
  • Festa della Liberazione,
  • anniversario della Resistenza
  • o semplicemente
  • 25 aprile

È un giorno fondamentale per la storia d'Italia, come simbolo della Resistenza, cioè della lotta condotta dai partigiani e dall'esercito a partire dall'8 settembre 1943 (giorno in cui gli Italiani seppero dell'armistizio di Cassibile, appena firmato con gli Alleati); esso ha assunto un significato propriamente politico e militare.

Storia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di liberazione italiana e Campagna d'Italia (1943-1945).

Il 25 aprile 1945 è il giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) – il cui comando aveva sede a Milano ed era presieduto da Alfredo Pizzoni, Luigi Longo, Emilio Sereni, Sandro Pertini e Leo Valiani (presenti, tra gli altri, il presidente designato Rodolfo Morandi, Giustino Arpesani e Achille Marazza) – proclamò l'insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti, indicando a tutte le forze partigiane attive nel Nord Italia, facenti parte del Corpo volontari della libertà, di attaccare i presìdi fascisti e tedeschi, imponendo la resa, giorni prima dell'arrivo delle truppe alleate. Parallelamente il CLNAI emanò alcuni decreti: uno relativo all'assunzione di poteri da parte del CLNAI, «delegato dal solo Governo legale italiano, in nome del popolo italiano e dei Volontari della Libertà»;[3][4] un altro relativo all'amministrazione della giustizia, che all'articolo 5 stabiliva la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti,[5] senza citare esplicitamente Benito Mussolini, che sarebbe stato catturato e fucilato tre giorni dopo.

«Arrendersi o perire!» fu la parola d'ordine intimata dai partigiani quel giorno e in quelli immediatamente successivi.[6]

«Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.»

Entro il 1º maggio tutta l'Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile). La Liberazione mise così fine a vent'anni di dittatura fascista e a cinque anni di guerra; la data del 25 aprile simbolicamente rappresenta il culmine della fase militare della Resistenza e l'avvio effettivo di una fase di governo da parte dei suoi rappresentanti, che porterà prima al referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia e repubblica, poi alla nascita della Repubblica Italiana, fino alla stesura definitiva della Costituzione.

Il termine effettivo della guerra sul territorio italiano, con la resa definitiva delle forze nazifasciste all'esercito alleato, si ebbe solo il 2 maggio, come stabilito formalmente dai rappresentanti delle forze in campo, durante la cosiddetta resa di Caserta, firmata il 29 aprile 1945: tali date segnano anche la sconfitta definitiva del fascismo.

Istituzione della festa nazionale modifica

 
Deposizione della corona d'alloro al Milite Ignoto, 25 aprile 2022

Su proposta del presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, Umberto II di Savoia, principe e luogotenente del Regno d'Italia, il 22 aprile 1946 emanò un decreto legislativo luogotenenziale con Disposizioni in materia di ricorrenze festive,[1] che all'articolo 1 stabiliva la festività del 25 aprile per quell'anno.

«A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale.»

Si ebbero decreti per celebrare la ricorrenza anche nel 1947[7] e nel 1948;[8] solo nel 1949 la ricorrenza venne istituzionalizzata stabilmente quale giorno festivo, insieme con la festa nazionale italiana del 2 giugno.[9]

Celebrazioni modifica

Tra gli eventi del programma della festa c'è il solenne omaggio, da parte del Presidente della Repubblica Italiana e delle massime cariche dello Stato, al sacello del Milite Ignoto con la deposizione di una corona d'alloro in ricordo ai caduti e ai dispersi italiani nelle guerre.[10]

Inoltre in tutte le città italiane – specialmente in quelle decorate al valor militare per la guerra di liberazione – vengono organizzate manifestazioni pubbliche in memoria dell'evento.

Nel 1955, in occasione del decennale, il presidente del Consiglio Scelba rivolse un messaggio alla Nazione tramite la RAI.

«Se ricordiamo le tragiche vicende della più recente storia d'Italia non è per rinfocolare odi o riaprire ferite, coltivare la divisione, ma perché vano sarebbe il ricordo dei morti e la celebrazione dei sacrifici sofferti se non ne intendessimo il significato più genuino ed il valore immanente, se gli italiani non avessero a trar profitto dagli insegnamenti delle loro comuni esperienze, e, tra gli italiani, i giovani sopra tutto, a cui è servato l'avvenire della Patria.»

Nell'aprile dello stesso anno il Movimento Sociale Italiano portò avanti una campagna per l'abolizione dei festeggiamenti del 25 aprile tramite il «Secolo d'Italia», su iniziativa di Franz Turchi. Venne inoltre organizzata una celebrazione a Roma a ricordo dei caduti della Repubblica Sociale Italiana;[12] i saluti romani e i canti dei missini provocarono scontri con alcuni giovani comunisti che erano presenti.[13]

Nel 1960, quando era in discussione al Senato la fiducia al governo Tambroni con il sostegno parlamentare del Movimento Sociale Italiano, al momento delle celebrazioni della Liberazione i senatori del MSI uscirono dall'aula, accolti al rientro da commenti sarcastici (ad esempio è citato «Vi eravate squagliati, come d'abitudine» da parte del socialista Sansone).[14]

 
Sandro Pertini a Milano il 25 aprile 1973

Per la ricorrenza del 1973 Sandro Pertini tenne un discorso in piazza Duomo a Milano,[15] dopo le violenze del 12 aprile commesse da militanti di gruppi neofascisti e del MSI durante una manifestazione vietata dalla questura.

«Parliamo dunque di coloro che vorrebbero ancora una volta [...] uccidere la libertà, di questi sciagurati, rifiuti di fogna, che sono i neofascisti»

Iniziative ufficiali modifica

Note modifica

  1. ^ a b c Decreto legislativo luogotenenziale 22 aprile 1946, n. 185, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, 24 aprile 1946. URL consultato il 22 aprile 2023.
  2. ^ Festività e giornate nazionali, su Ufficio del Cerimoniale di Stato. URL consultato il 22 aprile 2023.
  3. ^ Assunzione di potere (PDF), in Avanti, 26 aprile 1945, p. 1. URL consultato il 22 aprile 2023.
  4. ^ Verso il governo del popolo. Atti e documenti del CLNAI 1943-1946, Milano, Feltrinelli, 1977, p. 331.
  5. ^ «I membri del Governo Fascista e i gerarchi del fascismo colpevoli di aver contribuito alla soppressione delle garanzie costituzionali, di aver distrutto le libertà popolari, creato il regime fascista, compromesso e tradito le sorti del Paese, e di averlo condotto all’attuale catastrofe, sono puniti con la pena di morte e, nei casi meno gravi, con l’ergastolo.» Cfr. Verso il governo del popolo. Atti e documenti del CLNAI 1943-1946, Milano, Feltrinelli, 1977, p. 325.
  6. ^ Arrendersi o perire (PDF), in Avanti, 26 aprile 1945, p. 1. URL consultato il 22 aprile 2023.
  7. ^ Decreto legislativo del Capo Provvisorio dello Stato 12 aprile 1947, n. 208, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, 18 aprile 1947. URL consultato il 22 aprile 2023.
  8. ^ Decreto legislativo 20 aprile 1948, n. 322, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 24 aprile 1948. URL consultato il 22 aprile 2023.
  9. ^ Cfr. art. 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, 31 maggio 1949. URL consultato il 22 aprile 2023.
  10. ^ Bruno Tobia, L'Altare della Patria, Il Mulino, 2011, p. 109, ISBN 978-88-15-23341-7.
  11. ^ Serene parole di concordia nelle celebrazioni del 25 aprile, in La Stampa, 26 aprile 1955, p. 1. URL consultato il 24 aprile 2023.
  12. ^ I riti a Roma per la pacificazione, in Secolo d'Italia, 24 aprile 1955, p. 1.
  13. ^ Vivaci incidenti a Roma tra missini e comunisti, in La Stampa, 26 aprile 1955, p. 1. URL consultato il 24 aprile 2023.
  14. ^ Una seduta movimentata da polemiche e clamori, in La Stampa, 26 aprile 1960, p. 1. URL consultato il 24 aprile 2023.
  15. ^ a b Il 25 Aprile del Presidente partigiano nel 1973 al Duomo di Milano, su Raiplay. URL consultato il 24 aprile 2023.
  16. ^ Celebrazione del 25 aprile, in Corriere della Sera, 21 aprile 1946, p. 2.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica