Apri il menu principale

L'anno liturgico tedesco della Chiesa Luterana deriva da quello cattolico precedente al Concilio di Trento. Alcune domeniche sono indicate con il nome latino della prima parola dell'introitus della messa di quella domenica.

Indice

Der WeihnachtsfestkreisModifica

Il Der Weihnachtsfestkreis, in italiano il tempo del Natale, si compone di:

  • Adventssonntage, le quattro domeniche di Avvento precedenti al Natale[1], il cui tempo è considerato un periodo di preparazione, analogamente alla quaresima per la Pasqua.
  • Heilig Abend, la Notte Santa (24 dicembre)
  • Natale, prima feria (25 dicembre) e seconda feria (26 dicembre)
  • Epiphanias, l'Epifania (6 gennaio)
  • Abhängigkeit von Ostern, fino a sei domeniche posteriori l'Epifania

Der OsterfestkreisModifica

Il Der Osterfestkreis, in italiano il tempo della Pasqua, si compone di:

Die TrinitatiszeitModifica

Il Die Trinitatiszeit, in italiano il tempo della Trinità, si compone di:

Das KirchenjahresendeModifica

Il Das Kirchenjahresende, in italiano il tempo finale dell'anno liturgico, si compone delle tre domeniche precedenti l'Avvento.

StoriaModifica

Un esempio dei cambiamenti dell'anno liturgico nel corso della storia sono i giorni festivi religiosi nella Lipsia di Johann Sebastian Bach. In quella città venivano osservati i seguenti giorni festivi evangelici: San Giovanni (Johannis) il 24 giugno, la Visitazione di Maria (Mariä Heimsuchung) il 2 luglio, San Michele (Michaelis) il 29 settembre, Purificazione di Maria (Mariä Reinigung) il 2 febbraio, e l'Annunciazione di Maria (Mariä Verkündigung) il 25 marzo. Queste festività si trovano tuttora nel calendario liturgico del Libro dei Canti Evangelico (1993), ma vengono considerate "cattoliche" dalla maggior parte dei cristiani evangelici.

NoteModifica

  1. ^ Se il 24 dicembre cade di domenica si può considerare domenica di Avvento, ossia la quarta nell'ordine.
  2. ^ Non si tratta di una festa religiosa.
  3. ^ Più esattamente si tratta della domenica che segue la prima luna piena di primavera, cioè quattordici giorni dopo la luna nuova.

Voci correlateModifica