Apri il menu principale

António Ramalho Eanes

politico portoghese
António dos Santos Ramalho Eanes
Ramalho Eanes, Oval Office 1983-09-15 (1).png
António Ramalho Eanes alla casa bianca nel 1983.

Portogallo Presidente della Repubblica Portoghese
Durata mandato 14 luglio 1976 –
9 marzo 1986
Predecessore Francisco da Costa Gomes
Successore Mário Soares

Presidente del Consiglio Rivoluzionario
Durata mandato 14 luglio 1976 –
30 settembre 1982
Predecessore Francisco da Costa Gomes
Successore carica abolita

Capo dello Staff Generale delle Forze Armate Portoghesi
Durata mandato 14 luglio 1976 –
16 febbraio 1981
Predecessore Francisco da Costa Gomes
Successore Nuno de Melo Egídio

Dati generali
Partito politico Indipendente
(fino al 1986, 1987- oggi)
Partito Rinnovatore Democratico
(1986-1987)
Università Accademia militaree portoghese
Firma Firma di António dos Santos Ramalho Eanes
António dos Santos Ramalho Eanes
NascitaCastelo Branco, 25 gennaio 1935
Mortevivente
Dati militari
Paese servitoPortogallo Portogallo
Forza armataMilitary flag of Portugal.svg Esercito portoghese
Anni di servizio1952-1986
GradoGenerale
GuerreGuerra coloniale portoghese
Comandante diForze armate portoghesi (Capo dello Staff Generale 1976-1981)
DecorazioniPRT Three Orders BAR.png PRT Military Order of the Tower and of the Sword - Grand Cross BAR.png PRT Order of Christ - Grand Cross BAR.png
Studi militariAccademia militare portoghese
Altre carichepolitico
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

António Ramalho Eanes, all'anagrafe António dos Santos Ramalho Eanes (Castelo Branco, 25 gennaio 1935), è un politico e generale portoghese, Presidente della Repubblica dal giugno 1976 al febbraio 1986.

BiografiaModifica

Nato da una famiglia umile, seguì la carriera militare entrando nell'Esercito nel 1953, studiando tattica militare alla Escola do Exército dal 1952 al 1956. Nella Guerra coloniale portoghese, combatté in India portoghese, a Macao, in Mozambico, in Guinea-Bissau e in Angola. Alla Rivoluzione dei garofani Eanes si trovava in servizio in Angola. Tornato in Portogallo, aderì al Movimento das Forças Armadas e fu nominato presidente della RTP. Nel 1975 fu nominato generale e diresse le operazioni militari del 25 novembre di quell'anno contro la fazione più radicale del MFA, che aveva tentato di effettuare un colpo di Stato. Nel 1976 fu eletto Presidente della Repubblica, venendo riconfermato nel 1980. Cessò dalle funzioni di Presidente nel febbraio del 1986 e assumendo poco dopo la presidenza del Partido Renovador Democrático, dimettendosi nel 1987.

È sposato con Maria Manuela Duarte Neto de Portugal Eanes.

Risultati elettoraliModifica

Elezioni presidenziali del 27 giugno 1976Modifica

Candidato voti %
Ramalho Eanes 2.967.137 61,59
Otelo Saraiva de Carvalho 792.760 16,46
José Baptista Pinheiro de Azevedo 692.147 14,37
Octávio Pato 365.586 7,59

Elezioni presidenziali del 7 dicembre 1980Modifica

Candidato voti %
Ramalho Eanes 3.262.520 56,44
Soares Carneiro 2.325.481 40,23
Otelo Saraiva de Carvalho 85 896 1,49
Galvão de Melo 48.468 0,84
Pires Veloso 45.132 0,78
Aires Rodrigues 12.745 0,22
Carlos Brito rinunciò --

OnorificenzeModifica

Onorificenze portoghesiModifica

  Fascia dei Tre Ordini
  Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
  Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
  Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
  Gran Maestro dell'Ordine della Libertà
  Gran Maestro dell'Ordine al Merito
  Gran Maestro dell'Ordine dell'Istruzione Pubblica

Personalmente è stato insignito dei titoli di:

  Cavaliere dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
— 19 gennaio 1972
  Gran Collare dell'Ordine della Torre e della Spada
— 9 marzo 1986
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Libertà
— 25 aprile 2004
  Gran Collare dell'Ordine della Libertà
— 18 dicembre 2015
  Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique
— 20 giugno 2016

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 1978
  Collare dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 2 maggio 1978[1]
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 5 marzo 1979
  Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 14 maggio 1980[2]
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
— 15 luglio 1980
  Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 15 luglio 1980
  Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 15 luglio 1980
  Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 15 luglio 1980
  Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria)
— 15 luglio 1980
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare (Brasile)
— 15 luglio 1980
  Ordine della Bandiera ungherese con diamanti (Ungheria)
— 15 luglio 1980
  Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 21 maggio 1977[3]
  Grande Stella dell'Ordine della Bandiera Jugoslava (Jugoslavia)
— 18 luglio 1980
  Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede)
— 18 luglio 1980
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Leopoldo II (Belgio)
— 7 giugno 1982
  Collare con spade dell'Ordine Pro Merito Melitensi (SMOM)
— 29 aprile 1983
  Gran Collare dell'Ordine della Bandiera Jugoslava (Jugoslavia)
— 30 maggio 1983
  Cavaliere di Gran Croce decorato con Collare dell'Ordine del Falcone (Islanda)
— 24 novembre 1983
  Gran Cordone dell'Ordine Nazionale del Leopardo (Zaire)
— 5 gennaio 1984
  Gran Cordone dell'Ordine del Nilo (Egitto)
— 28 marzo 1984
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito del Congo (Repubblica del Congo)
— 16 maggio 1984
  Royal Victorian Chain (Regno Unito)
— 1985
  Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo)
— 2 gennaio 1985
  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 24 gennaio 1985
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine d'Onore (Grecia)
— 7 febbraio 1986
  Gran Collare dell'Ordine di Timor Est (Timor Est)
— 6 agosto 2012

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN99670757 · ISNI (EN0000 0000 7836 5449 · LCCN (ENn78009437 · GND (DE130441139 · BNF (FRcb13175019t (data) · WorldCat Identities (ENn78-009437
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie