Apri il menu principale

Anti-elio

antielemento dell'elio

Nell'antimateria, l'anti-elio è l'equivalente dell'elio. Dal momento che il comune atomo di elio è composto da due elettroni, due protoni e due neutroni, l'atomo di anti-elio è costituito da due positroni, due antiprotoni e due antineutroni. Il suo simbolo chimico (proposto) è He con una overbar (He).[1]

ProduzioneModifica

Nel 2011, nei Brookhaven National Laboratory, del dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, sono stati prodotti ed analizzati alcuni nuclei di anti-elio 4 (ovvero di un anti-particella α).[2][3][4]

«L'esperimento STAR è l'unico capace di trovare anti-elio 4. STAR già deteneva il record delle antiparticelle massicce, ottenuto lo scorso anno con l'identificazione dell'anti-trizio, composto da tre antiparticelle. Con quattro antinucleoni, l'anti-elio 4 viene però prodotto a un ritmo migliaia di volte più lento. Per identificare i 18 esemplari è servito oltre un miliardo di collisioni oro-oro.»

(Nu Xu, portavoce dell'esperimento Star [5])

La scoperta è avvenuta nell'ambito dello studio internazionale Star, che riunisce 54 centri di ricerca di 12 Paesi, con l'ausilio dell'acceleratore di particelle RHIC (Relativistic Heavy Ion Collider) e della Time Projection Chamber (TPC), progettati per studiare il plasma di quark e gluoni. Simili condizioni sono necessarie per ricreare e studiare la materia nelle condizioni dell'universo primigenio (l'elio è il secondo elemento più abbondante nell'universo dopo l'idrogeno ed è alla base della vita delle stelle).[6]

NoteModifica

  1. ^ R. Arsenescu et al., Antihelium-3 production in lead-lead collisions at 158 A GeV/c, in New Journal of Physics, vol. 5, 2003, p. 1, DOI:10.1088/1367-2630/5/1/301.
  2. ^ Observation of the antimatter helium-4 nucleus, ArXiv.org
  3. ^ Articolo online sul sito del Corriere della sera.
  4. ^ Articolo online sul sito del Le Scienze.
  5. ^ Articolo su ArXiv, Observation of the antimatter helium-4 nucleus, STAR collaboration, 16 marzo 2011.
  6. ^ Articolo online sul sito web de La Repubblica.

BibliografiaModifica

  • (EN) Articolo su ArXiv, Observation of the antimatter helium-4 nucleus, STAR collaboration, 16 marzo 2011.
  • (EN) Andronic A., Braun-Munzinger P., Stachel J. e Stocker H., Production of light nuclei, o hypernuclei and their antiparticles in relativistic nuclear collisions. Phys. Lett. B 697, 203, 2011.
  Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica