Apri il menu principale

Antimo Cesaro

accademico, politico e scrittore italiano
Antimo Cesaro
Antimo cesaro.jpg

Sottosegretario di Stato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Durata mandato 29 gennaio 2016 –
1º giugno 2018
Cotitolare Dorina Bianchi
Ilaria Borletti Buitoni
Presidente Matteo Renzi
Paolo Gentiloni
Predecessore Francesca Barracciu
Successore Lucia Borgonzoni
Gianluca Vacca

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- GRUPPO MISTO - componente: Civici e Innovatori per l'Italia (Dal 10/07/2017-attualmente)

In precedenza:

- Civici e Innovatori (Da inizio legislatura al 10/07/2017)

- GRUPPO MISTO (Dal 10/07/2017 al 10/07/2017)

Coalizione Con Monti per l'Italia
Circoscrizione Campania 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente (Dal 2016)
In precedenza:
Italia Futura (2012-2013)
Scelta Civica per l'Italia (2013-2016)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione Professore Associato di Filosofia Politica

Antimo Cesaro (Napoli, 19 settembre 1968) è un accademico, saggista e politico italiano.

Insegna Scienza politica, Filosofia politica e Teoria del linguaggio politico presso il Dipartimento di Scienze politiche "Jean Monnet" dell'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Caserta. È stato deputato nella XVII Legislatura.

BiografiaModifica

Nel 1992 si è laureato con lode in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Dal 1994 al 1996 ha perfezionato i suoi studi conseguendo il dottorato di ricerca in Filosofia politica presso la Libera Università San Pio V di Roma. Dal 1996 al 1997 ha conseguito il perfezionamento scientifico biennale in filosofia del diritto presso l'Università degli Studi "Suor Orsola Benincasa" di Napoli[1].

Dal 1997 al 1999 è borsista C.N.R. nell'area tematica filosofia politica presso il Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Sassari[1].

Dal 1998 al 2002 è stato membro del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali[1].

Dal 1999 al 2004 è stato docente a contratto presso la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli e dal 2005 al 2010 è stato docente di Storia del pensiero politico e delle istituzioni euromediterranee presso la facoltà di Scienze politiche della stessa università[1]. Dal 2011 insegna Scienza e filosofia politica ed Ermeneutica del linguaggio politico presso il Dipartimento di Scienze Politiche "Jean Monnet" della Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Caserta

Partecipa ai comitati scientifici di varie riviste (Heliopolis, Filosofia e questioni pubbliche, Persona, Metabasis.it, Europea) e delle collane editoriali Il caffè dei filosofi (Mimesis), Kratos (Alboversorio edizioni), icovidivoci (Artetetra edizioni). Per la casa editrice Atretetra dirige inoltre la collana Ingegni dedicata alla saggistica universitaria.

Ha orientato la sua ricerca scientifica allo studio dei classici del pensiero politico medievale e moderno (dedicandosi in particolare all'opera di Tommaso Campanella). Ha pubblicato vari saggi sul pensiero politico, la filosofia delle scienze sociali e l'estetica dell'età medievale e rinascimentale. A febbraio 2019 ha pubblicato per La nave di Teseo il saggio Breve trattato sul lecchino.[2]

Attività politicaModifica

Nel 2012 ha ricpoperto l'incarico di coordinatore regionale di Italia Futura in Campania, per poi aderire ad inizio 2013 a Scelta Civica per l'Italia del premier uscente Mario Monti.

Alle elezioni politiche del 2013 è stato candidato alla camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 2, come capolista di Scelta Civica per l'Italia,[3] venendo eletto deputato della XVII Legislatura.[4]

È stato componente della XI Commissione Lavoro pubblico e privato, Segretario della Commissione bicamerale per l'Infanzia e l'Adolescenza, Segretario della Giunta delle elezioni e membro del comitato per le incompatibilità, le ineleggibilità e le decadenze.

Il 28 gennaio 2016, in occasione del rimpasto del Governo Renzi, è stato nominato, in quota Scelta Civica, sottosegretario di stato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

A luglio 2016 è tra coloro i quali si schierano contro la fusione di Scelta Civica con Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA) di Denis Verdini, pertanto abbandona il partito assieme ad altri 14 deputati e dà vita al gruppo parlamentare "Civici e Innovatori".

Il 29 dicembre 2016 viene riconfermato sottosegretario nel medesimo dicastero dal premier Paolo Gentiloni.

Indagini giudiziarieModifica

Antimo Cesaro è risultato indagato per falso dalla Procura di Roma, per un episodio legato alla sua attività nel Governo.[5][6][7][8]

Nel 2018 inoltre il suo nome, insieme a quello di altri politici, compare in una informativa di reato della Questura di Napoli nel contesto dell'indagine per estorsione aggravata da metodo mafioso a carico dell'imprenditore Adolfo Greco.[9]

OpereModifica

Saggi, monografie e edizioni criticheModifica

  • Breve trattato sul lecchino, La nave di Teseo Editore, Milano 2019
  • Tommaso Campanella, La città del Sole, con saggio introduttivo e note al testo, Artetetra edizioni, Capua 2018
  • Il sovrano demiurgo, Artetetra edizioni, Capua 2018
  • Arcana Tabula. Malarz. Dama. Jednorożec, Czuty Barbarzynca, Varsavia, 2016 (traduzione a cura di M. Wrana)
  • Arcana tabula. Il pittore. La dama. Il liocorno, Artetetra edizioni, Capua 2014
  • Ambroise Parè, Discorso sul liocorno, traduzione, saggio introduttivo e note al testo, Artetetra edizioni, Capua 2014
  • La politica come scienza. Questioni di filosofia giuridica e politica nel pensiero di Tommaso Campanella, FrancoAngeli, Milano 2013
  • Lingua, gladio et pecunia. Fondamento dello Stato e strumenti del potere nel De politica di Tommaso Campanella, Guida Editore, Napoli 2012
  • Machina Mundi. Incursioni simbolico-politiche nell’arte federiciana, FrancoAngeli, Milano 2012
  • Sguardi in ascolto. Il simbolo tra parola e immagine, con Giovanni Lombardo, Mucchi Editore, Modena 2011
  • Tommaso Campanella, Aforismi politici, con saggio introduttivo e note al testo, Guida Editore, Napoli 2011
  • Lo sguardo di Ulisse. Due esercizi di ermeneutica simbolico-politica, ScriptaWeb, Napol 2009

Lavori letterariModifica

  • Sinesio di Cirene, Elogio della calvizie, traduzione, saggio introduttivo e note al testo, Artetetra edizioni, Capua 2014
  • Tommaso Campanella. La Repubblica di Bananab (autentico falso d'autore), Guida, Napoli 2011

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12520652 · ISNI (EN0000 0000 4278 7041 · LCCN (ENno2003119282 · BNF (FRcb14415348n (data) · WorldCat Identities (ENno2003-119282