Apri il menu principale
Antinum
Antino
Fucinus Lacus.jpg
Antinum a sud del lago Fucino in una mappa in cui è ipotizzata la Marsica antica
CiviltàMarsi
Roma antica
EpocaVI secolo a.C. - V secolo a.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneCivita d'Antino
Amministrazione
Sito webwww.regione.abruzzo.it
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°53′20.8″N 13°28′25.7″E / 41.889111°N 13.473806°E41.889111; 13.473806

Antinum (anche nell'italianizzazione Antino) era un'antica città dell'Italia centrale, importante centro del popolo dei Marsi situato nella valle Roveto non distante dal confine con il territorio dei Volsci. Corrisponde alla contemporanea cittadina di Civita d'Antino, in provincia dell'Aquila[1].

Indice

StoriaModifica

Importante centro dei Marsi, antico popolo italico, fin dal I millennio a.C., conservò tale ruolo fino all'assoggettamento a Roma, avvenuto nel tardo IV secolo a.C.; divenne quindi municipio romano i cui abitanti erano noti con il domonimo di Marsi Antinates[2]. Conobbe un ininterrotto sviluppo nel corso dei secoli[3]. In età medievale l'antica acropoli fu trasformata in una cittadella sviluppatasi intorno alla torre dei Colonna, nel centro storico della contemporanea Civita d'Antino[2].

L'antica fortezzaModifica

Si sono conservati alcuni tratti delle mura poligonali che correvano per circa 1 300 metri[4] lungo tutti i lati della cittadella escluso quello orientale, naturalmente protetto dalle ripide pareti dei burroni che risalgono alla prima metà del V secolo a.C.[5]. Al centro dell'abitato, tra la moderna chiesa parrocchiale di Santo Stefano, il palazzo Ferrante e la port Nord si trovava il foro, andato totalmente perduto. Rimangono invece due muri in opus reticolatum, di età tardo-repubblicana, noti con il nome di "Terme"[1].

Nel sito o nelle sue immediate vicinanze sono state rinvenute anche diverse testimonianze epigrafiche, in particolare alcune in dialetto marso tra cui il Bronzo di Antino[6].

NoteModifica

  1. ^ a b Antinum, Regione Abruzzo. URL consultato il 18 aprile 2018.
  2. ^ a b Antinum, Terre Marsicane, 18 ottobre 2011. URL consultato il 18 aprile 2018.
  3. ^ Grossi, 2002, pp. 128-129.
  4. ^ Giuseppe La Spada, Antinum e la valle Roveto, MiBACT. URL consultato il 18 aprile 2018.
  5. ^ Grossi, 2002, p. 129.
  6. ^ Grossi, 2002, p. 134.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Antinum, Regione Abruzzo. URL consultato il 18 aprile 2018.