Apri il menu principale

Anton Heiller

organista, compositore e direttore d'orchestra austriaco

Vita e attivitàModifica

Nato nel quartiere viennese di Dornbach, fu fin da giovanissimo avviato dal padre allo studio del pianoforte, dell'armonia e del contrappunto. Negli anni '30 Wilhelm Mück, allora organista del Duomo di Vienna, gli diede lezioni di organo. Dall'aprile del 1941 al giugno del 1942 presso l'Università per la musica e le arti interpretative di Vienna studiò organo, pianoforte, clavicembalo e teoria musicale. Non appena ebbe terminato gli studi fu immediatamente chiamato al servizio militare.

Al termine della guerra lavorò all'Università per la musica, dove aveva studiato, dove nel 1945 gli venne assegnata la cattedra di musica sacra e insegnò inoltre organo, composizione polifonica e, dal 1969, composizione della musica sacra. Nel 1950 assunse la direzione del "Collegium Musicum für zeitgenössische Musik" (Collegium musicum per la musica contemporanea). A partire dal 1947 accanto all'insegnamento si susseguirono vari viaggi per concerti come organista, clavicembalista, direttore d'orchestra, che lo portarono, fra l'altro, in Svizzera e nei Paesi Bassi, dove nel 1952 vinse il primo premio al prestigioso concorso di improvvisazione organistica di Haarlem.

Heiller fu un concertista d'organo molto stimato e si dedicò particolarmente alla produzione di Johann Sebastian Bach. Grazie al suo insegnamento all'Università viennese, fu responsabile delle formazione di molti organisti di spicco della nuova generazione e provenienti da ogni parte del mondo. Tenne molte masterclass e corsi estivi. Fra i suoi allievi furono Michael Radulescu, Peter Planyavsky, Roman Summereder, Ekkehard Schneck e Ernst Triebel. Sua moglie, la pianista Erna Heiller, morì a Vienna nel 2007[1]. Heiller morì a Vienna nel 1979, a causa di un soffocamento da cibo scambiato poi per infarto, dopo che nel 1974 un ictus gli aveva lasciato la mano sinistra parzialmente paralizzata.

La sua tomba d'onore si trova nel Cimitero centrale di Vienna (gruppo 40, numero 133).

Heiller compose quasi esclusivamente musica sacra e per organo in un ricco stile polifonico e cromaticamente colorato. Fra le sue composizioni troviamo inoltre messe, requiem, salmi, musica per coro, mottetti, cantate e oratori e altri pezzi per orchestra. Nelle sue composizioni unisce la musica tradizionale austriaca con elementi della musica moderna includendo in modo esemplare la dodecafonia. Nel 1963, Heiller ha eseguito a New York la prima assoluta del Concerto per organo e orchestra di Paul Hindemith, suo amico e mentore dal 1950. Heiller è considerato un modello della musica sacra in Austria e nel sud della Germania nella seconda metà del XX secolo.

Heiller acquisì inoltre grandi meriti nella costruzione di organi in Austria dopo la Seconda guerra mondiale; in particolare, l'organo da studio da lui concepito e iniziato con somiere a tiro per l'allora Wiener Musikakademie e costruito nel 1958 da Johann Pirchner (Steinach am Brenner) fu un punto di riferimento per la formazione di molte generazioni di organisti. Oggi questo strumento si trova nella chiesa parrocchiale di Sandleiten nel distretto di Vienna n. 16 Ottakring.

Heiller ricevette varie volte onorificenze ufficiali, fra cui nel 1954 lo Staatspreis für Musik[2] e nel 1969 il Großer Österreichischer Staatspreis. Vinse inoltre molti premi in concorsi d'organo sia austriaci che all'estero.

Opere parzialiModifica

  • Toccata per due pianoforti
  • Psalmenkantate
  • Te Deum
  • Musica d'avvento per oboe, violino, coro di voci bianche e organo
  • Fantasia super Salve Regina
  • Preludio e fuga in la maggiore
  • Ecce lignum crucis
  • Tanz-Toccata
  • Meditazione su Victimae paschali laudes

NoteModifica

  1. ^ Peter Planyavsky: Anton Heiller – Alle Register eines Lebens, VA bENE, Vienna, 2009, pag. 325
  2. ^ Template:Webarchiv, Zugriff 28. Oktober 2012

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (DE)
Controllo di autoritàVIAF (EN17398591 · ISNI (EN0000 0001 0875 3873 · LCCN (ENn79077266 · GND (DE118906429 · BNF (FRcb13622156d (data)