Apri il menu principale

Anton Popovič (Nitra, 19331984) è stato un semiologo cecoslovacco, studioso della traduzione e teorico del testo; membro della scuola di Nitra, successe a Jiří Levý.

Popovič ha portato avanti l'opera dello strutturalismo cecoslovacco (del Circolo linguistico di Praga), venendo influenzato anche dal formalismo russo e dalla scuola di Tartu di Jurij Lotman. È stato tra i primi ad applicare la teoria semiotica allo studio della traduzione, specie nel libro Teória umeleckého prekladu (1975 [1]; «Teoria della traduzione artistica»). Giudicando la traduzione un caso particolare di metacomunicazione, ha coniato i termini prototesto e metatesto, a denotare quanto – negli anni sessanta – era noto come 'testo di partenza' e 'testo d'arrivo'; assieme ai termini traduzionalità (prevodnost), indicante gli aspetti di un testo quale testo tradotto, e creolizzazione, denotante una forma verbale intermedia (o testo) tra cultura emittente e ricevente.

NoteModifica

  1. ^ Pubblicato in italiano col titolo La scienza della traduzione. Aspetti metodologici. La comunicazione traduttiva. Oltre che in italiano, i suoi libri sono stati tradotti in tedesco e russo.

BibliografiaModifica

  • Popovič, A. (2006), La scienza della traduzione: aspetti metodologici; la comunicazione traduttiva, a cura di Bruno Osimo, Ulrico Hoepli, Milano, ISBN 88-203-3511-5.
Controllo di autoritàVIAF (EN59497137 · ISNI (EN0000 0001 0906 4148 · LCCN (ENn81139826