Apri il menu principale

Antonino Sersale

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Antonino Sersale
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Antonio Sersale, by Francesco de Mura.jpg
Ritratto del cardinale Sersale, opera di Francesco De Mura del 1756
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato25 giugno 1702 a Sorrento
Ordinato diacono23 settembre 1724
Ordinato presbitero26 maggio 1725
Nominato arcivescovo9 settembre 1743 da papa Benedetto XIV
Consacrato arcivescovo29 settembre 1743 dal cardinale Giuseppe Spinelli
Creato cardinale22 aprile 1754 da papa Benedetto XIV
Deceduto24 giugno 1775 (72 anni) a Napoli
 

Antonino Sersale (Sorrento, 25 giugno 1702Napoli, 24 giugno 1775) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque il 25 giugno 1702 da don Cesare Sersale dei duchi di Sorrento e principi di Capua, patrizio napolitano e patrizio di Sorrento, e da donna Maria Antinori dei duchi di Brindisi, di antica nobiltà fiorentina.

Fu ordinato sacerdote il 26 maggio 1725.

Entrò giovanissimo nel seminario e nell'Università di Napoli, conseguendo il dottorato in utroque iure il 2 maggio 1743.

Fu eletto arcivescovo di Brindisi il 9 settembre 1743 e consacrato il 29 settembre dello stesso anno. Durante il suo episcopato furono completati i lavori del seminario diocesano, che riaprì il 21 novembre 1744.

Fu trasferito all'arcidiocesi di Taranto il 16 novembre 1750.

Divenne poi arcivescovo di Napoli l'11 febbraio 1754.

Papa Benedetto XIV lo creò e pubblicò cardinale nel concistoro del 22 aprile 1754, in cui il Sersale fu l'unico cardinale creato. Il 20 maggio dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Pudenziana.

Partecipò ai conclavi del 1758, del 1769 e del 1774-75, che elessero i papi Clemente XIII, Clemente XIV e Pio VI rispettivamente.

Durante il conclave del 1769 fu il candidato all'elezione pontificia dei Borboni del Regno di Napoli.

Morì a Napoli il 24 giugno 1775.

Giuseppe Sammartino scolpì per lui un monumento funebre nel Duomo di Napoli con ritratto e stemma dei Sersale (bandato d'oro e d'azzurro).

Suo fratello, don Pietro Sersale, patrizio napolitano e patrizio di Sorrento, fu decorato del titolo di marchese nel 1754.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89743149 · ISNI (EN0000 0000 6239 5352 · GND (DE1033230553 · CERL cnp01940690 · WorldCat Identities (EN89743149
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie