Antonio Bosio

archeologo maltese

Antonio Bosio (Vittoriosa, 1575Roma, 6 settembre 1629) è stato un archeologo maltese.

Nel 1587 si trasferisce a Roma con lo zio Giacomo, per conto del Sovrano Militare Ordine di Malta. Qui frequenta dapprima il Collegio Romano ove si perfeziona in lettere e filosofia, e poi l'università La Sapienza, ove segue i corsi di giurisprudenza. Appassionato di storia antica, frequenta i circoli di due umanisti romani, Pompeo Ugonio e Alfonso Ciacconio.

Cultore della storia antica della chiesa, inizia una intensa attività di ricerca e di studio delle catacombe romane, il cui ricordo e la cui ubicazione si era persa nel corso dei secoli. E così il 10 dicembre 1593, per la prima volta, con l'amico Pompeo entra nella catacomba di Domitilla: fu un'esperienza unica ed insieme drammatica, visto che, probabilmente, rischiarono di morire:

«…Mancandoci i lumi, pensammo che ivi convenisse morire e con i nostri immondi cadaveri maculare quei sacri monumenti. Pigliammo dunque la risoluzione di ritornarcene indietro; et ancorché havessimo segnate in più luoghi le strade, contuttociò non senza grande difficoltà ci fu permesso di ritrovare l’adito.»

(De Santis - Biamonte, op. cit., p. 22)

Percorrendo le strade consolari fuori dalle mura cittadine, negli anni successivi il Bosio rintracciò ed identificò circa 30 catacombe. Nelle sue ricerche ed esplorazioni si fece accompagnare da disegnatori, che avevano il compito di riprodurre in immagini gli affreschi, i sarcofaghi e altri oggetti rinvenuti nelle catacombe. L'immensa mole di materiale raccolto fu pubblicato, tre anni dopo la sua morte, nel 1632, con il titolo di “Roma sotterranea”.

Per questa sua instancabile attività, il Bosio fu definito da Giovanni Battista de Rossi, il « Cristoforo Colombo della Roma sotterranea ».

BibliografiaModifica

  • De Santis L. - G. Biamonte, Le catacombe di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 1997, pp. 21–23

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN477 · ISNI (EN0000 0001 2275 5242 · LCCN (ENno99030522 · GND (DE124525490 · BNF (FRcb10301219w (data) · ULAN (EN500314739 · CERL cnp00477940 · WorldCat Identities (ENno99-030522