Apri il menu principale

BiografiaModifica

Antonio Calderara è stato un artista autodidatta.

Nel 1923 la prima mostra a Vacciago e nel 1929 la prima partecipazione ad una esposizione collettiva organizzata dalla Famiglia Artistica di Milano[1].
Gli esordi figurativi lo vedono avvicinarsi alle forme coeve del movimento artistico del Novecento italiano.

Nel 1954 lo studio dell'opera di Mondrian lo porta prima allo studio della luce e poi ad una progressiva perdita del riferimento paesaggistico andando sempre più verso una forma espressiva aniconica che lo vede partecipe delle ricerche europee, soprattutto di origine tedesca. Nella sua autobiografia fa risalire il primo dipinto non figurativo al 1959[1]

Una serie di problemi cardiaci lo portano a isolarsi sempre di più.

EsposizioniModifica

  • 1948 Rassegna nazionale delle arti figurative
  • 1948 Biennale di Venezia
  • 1956 Biennale di Venezia
  • 1968 Documenta Kassel
  • 1968 Stedelijk Museum, Amsterdam,
  • 1971 Karl Prantl - Skulpturen, Antonio Calderara - Aquarelle; Aargauer Kunsthaus; Aarau
  • 1972 Antonio Calderara: Bilder, Aquarelle und Graphik: Badischer Kunstverein; Karlsruhe
  • 1974 Basically White: Exhibition Institute of Contemporary Arts, London
  • 1975 Biennale d'arte Città di Imperia
  • 1982 Der Maler Antonio Calderara; Kunsthalle zu Kiel; Kiel
  • 1995 Museo d'arte contemporanea di Genova, Villa Croce; Genova
  • 2003 Pinakothek der Moderne, Munich, Germany
  • 2016 MASI, Lugano, Svizzera
  • 2017 Kunstmuseum, Winterthur, Svizzera

NoteModifica

  1. ^ a b Calderara, Antonio, Autobiografia (PDF), su Fondazione Antonio e Carmela Calderara. URL consultato il 15 settembre 2016.

BibliografiaModifica

  • Antonio Calderara in Briefen und Gesprächen; Kunsthalle zu Kiel, 1982
  • Antonio Calderara 1903-1978; Paola Bacuzzi, Luciano Caramel, Eraldo Misserini; Skira, 17 mar 2014
  • Antonio Calderara: opere dalla Fondazione Calderara di Vacciago d'Orta; Museo d'arte contemporanea di Genova, Villa Croce, 1995
  • Antonio Calderara: l'opera astratta; Fabrizio Parachini, Marco Rosci; Silvana, 2007
  • Antonio Calderara 1957-1967; Stedelijk Museum, 1968
  • Antonio Calderara: 1903 - 1978; Kunstverein für die Rheinlande und Westfalen, 1981
  • Biennale d'arte Città di Imperia; Imperia, Pinacoteca civica, 1975
  • Contemporary artists; Colin Naylor; St. James Press, 1989
  • Libri d'artista: le edizioni di Vanni Scheiwiller; Cecila Gibellini; MART, 2007
  • Antonio Calderara: Hommage zum 100. Geburtstag; Michael Semff, Andreas Strobl, Pinakothek der Moderne (Munich, Germany); Staatliche Graphische Sammlung München, 2003
  • Der Maler Antonio Calderara; Reimer Jochims, Keller, 1972
  • Karl Prantl - Skulpturen, Antonio Calderara - Aquarelle; Aargauer Kunsthaus Aarau, 1971

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN118533792 · ISNI (EN0000 0000 8414 8184 · SBN IT\ICCU\SBLV\148948 · LCCN (ENn50032155 · GND (DE118518364 · BNF (FRcb135078877 (data) · ULAN (EN500010607 · BAV ADV12198814 · WorldCat Identities (ENn50-032155