Antonio Corradi

politico italiano

Antonio Corradi (o Corradi da Gonzaga) (Gonzaga ?, XIII secoloMantova, 1283) è stato un politico italiano.

Stemma primitivo della famiglia Corradi-Gonzaga sino al 1328

BiografiaModifica

Figlio di Guidone Corradi ricco proprietario terriero, era originario presumibilmente della cittadina di Gonzaga. Apparteneva alla famiglia Corradi-Gonzaga che diede origine ai Gonzaga, signori di Mantova dal 1328 al 1708.

Ricoprì nel 1259 la carica di magistrato degli "Anziani del Popolo" di Mantova. Venne espulso dalla città per opera dei Casalodi nel 1271, ma rientrò in città l'anno seguente, appoggiando i Bonacolsi nella cacciata dei Casalodi. Grazie a questo servizio, Antonio aumentò prestigio e ricchezze ricevendo molte terre confiscate alla fazione avversa in Bondeno di Roncore e in Bondeno di Gonzaga.

Stipulò con Pinamonte Bonacolsi la pace con Verona nel 1259.

DiscendenzaModifica

Antonio Corradi sposò Richilde Pedroni di Gonzaga, che portò in dote ricchissimi possedimenti terrieri ed ebbe cinque figli:

Genealogia essenzialeModifica

Filippo Corradi
XII secolo
 
 
Abramino Corradi
1165?-1210
 
 
Guidone Corradi
?-1271/1272
 
 
Antonio Corradi
?-1283
 
 
Guido (Corrado) Corradi
?-1318
 
 
Luigi I Gonzaga
1268-1360
 
 
CASA GONZAGA

NoteModifica

  1. ^ Stefano Davari, I palazzi dei Gonzaga in Marmirolo, Mantova, 1974.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia, Roma, 1836. ISBN non esistente.
  • Giuseppe Coniglio, I Gonzaga, Varese, Dall'Oglio, 1973.ISBN non esistente
  • Roberto Brunelli, I Gonzaga. Quattro secoli per una dinastia, Mantova, 2010.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica