Apri il menu principale

Antonio Filippini

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Antonio Filippini
Antonio Filippini.jpg
Filippini in azione con la maglia del Brescia nella stagione 1996-1997
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 22 maggio 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-1990 Voluntas Brescia
1990-1992 Brescia
Squadre di club1
1992-1995 Ospitaletto93 (8)
1995-2004 Brescia266 (14)
2004 Palermo21 (2)
2004-2005 Lazio36 (2)
2005-2006 Treviso32 (1)
2006-2010 Livorno109 (4)[1]
2010-2011 Brescia15 (0)
Carriera da allenatore
2011-2012Brescia Giov. naz.
2012-2014FeralpisalòBerretti
2016Lumezzane
2017-2018Trento
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 marzo 2018

Antonio Filippini (Brescia, 3 luglio 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Ha un fratello gemello, Emanuele, con il quale ha militato in più occasioni nella stessa squadra.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Dopo aver mosso i primi passi nella Voluntas[2] ed essere cresciuto nel Brescia, viene inizialmente ceduto in prestito per tre anni all'Ospitaletto, dove dal 1992 al 1995 colleziona 93 presenze ed 8 reti.

Tornato al Brescia, esordisce in massima serie il 31 agosto 1997 in Inter-Brescia (2-1). Resta in Lombardia per nove stagioni, collezionando in totale 266 presenze condite da 15 gol. Il 21 dicembre successivo, in Brescia-Roma, protesta contro l'arbitro Piero Ceccarini ma è il suo gemello Emanuele ad essere espulso, scampando alla squalifica.[3]

Acquistato dal Palermo il 22 gennaio 2004,[4] contribuisce alla promozione della squadra siciliana in Serie A con 21 presenze e 2 reti.

Il 31 agosto 2004 passa in prestito alla Lazio,[5] con cui giocò la stagione 2004-2005 realizzando 2 reti in 36 apparizioni. A fine stagione non fu riscattato e passò quindi al Treviso neopromosso in Serie A. Qui colleziona 32 presenze nell'unico anno di militanza in Veneto.

Nel 2006 si trasferisce al Livorno, con cui retrocede in Serie B nella stagione 2007-2008, riuscendo comunque a tornare in Serie A nella stagione successiva. Nella stagione 2009-2010 è titolare in Serie A e a fine anno il Livorno retrocede nuovamente con Filippini che si ritrova svincolato.[6]

Nel settembre del 2010 ritorna, dopo sei anni di assenza, al Brescia, squadra in cui aveva già disputato 266 partite. L'accordo col presidente Luigi Corioni viene raggiunto il 2 settembre 2010 prevedendo, prima della firma del contratto, un periodo di prova per valutarne le condizioni fisiche.[7] Il 10 settembre 2010 viene ufficializzato il suo ingaggio con la firma di un contratto annuale.[8] Chiude la stagione con 15 partite di campionato ed una in Coppa Italia.

AllenatoreModifica

Al termine della stagione 2010-2011 si ritira dal calcio giocato diventando allenatore dei Giovanissimi Nazionali del Brescia.[9]

Il 25 giugno 2012 viene ingaggiato dal FeralpiSalò, insieme al fratello Emanuele, dove ricoprirà il ruolo di allenatore della formazione Berretti[10] fino al giugno 2014.[11]

Nel 2014-2015 frequenta a Coverciano il corso di abilitazione per il master di allenatori professionisti Prima Categoria-UEFA Pro.

Il 15 febbraio 2016 approda sulla panchina del Lumezzane[12], portando la squadra alla salvezza diretta. Il 20 giugno seguente rinnova fino al 2019 con il club valgobbino[13], venendo però esonerato l'11 ottobre a causa degli scarsi risultati conseguiti.[14]

Il 6 novembre 2017 diventa il nuovo tecnico del Trento, club militante in Serie D.[15] Il 25 marzo 2018 affronta da avversario, per la prima volta da allenatore, il gemello Emanuele, in occasione della partita contro il Rezzato,[16] ma soli cinque giorni dopo, ovvero il 30 marzo, si dimette dall'incarico.[17]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1992-1993   Ospitaletto C2 28 1 CI-C 0 0 - - - - - - 28 1
1993-1994 C2 33 5 CI-C 0 0 - - - - - - 33 5
1994-1995 C1 32 2 CI-C 0 0 - - - - - - 32 2
Totale Ospitaletto 93 8 0 0 - - - - 93 8
1995-1996   Brescia B 29 3 CI 1 0 - - - - - - 30 3
1996-1997 B 32 0 CI 1 0 - - - - - - 33 0
1997-1998 A 29 1 CI 2 0 - - - - - - 31 1
1998-1999 B 36 2 CI 4 1 - - - - - - 40 3
1999-2000 B 35 2 CI 2 1 - - - - - - 37 3
2000-2001 A 28 1 CI 4 0 - - - - - - 32 1
2001-2002 A 32 1 CI 5 1 Int 4 0 - - - 41 2
2002-2003 A 29 1 CI 2 0 - - - - - - 31 1
2003-gen. 2004 A 16 3 CI 0 0 Int 1 0 - - - 17 3
gen.-giu. 2004   Palermo B 21 2 CI 0 0 - - - - - - 21 2
2004-2005   Lazio A 36 2 CI 2 2 CU 4 0 - - - 42 4
2005-2006   Treviso A 32 1 CI 0 0 - - - - - - 32 1
ago. 2006 B 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Treviso 32 1 1 0 - - - - 33 1
ago. 2006-2007   Livorno A 36 2 CI 1 0 CU 6 0 - - - 43 2
2007-2008 A 26 0 CI 1 0 - - - - - - 27 0
2008-2009 B 23+4[18] 1 CI 3 1 - - - - - - 30 2
2009-2010 A 24 1 CI 2 0 - - - - - - 26 1
Totale Livorno 109+4 4 7 1 6 0 - - 126 5
2010-2011   Brescia A 15 0 CI 1 0 - - - - - - 16 0
Totale Brescia 281 14 22 3 5 0 - - 308 17
Totale carriera 572+4 31 32 6 15 0 - - 623 37

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 25 febbraio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2015-2016   Lumezzane LP 12 6 4 2 CI-LP - - - - - - - - - 12 6 4 2 50,00 Subentrato, 13º
2016-2017 LP 8 2 2 4 CI-LP 2 1 0 1 - - - - - 10 3 2 5 30,00 Esonerato
Totale Lumezzane 20 8 6 6 2 1 0 1 - - - - 22 9 6 7 40,91
2017-2018   Trento D 15 7 2 6 CI-D - - - - - - - - - 15 7 2 6 46,67 Subentrato, dimesso
Totale Carriera 35 15 8 12 2 1 0 1 37 16 8 13 43,24

CuriositàModifica

Per festeggiare la promozione del Palermo in Serie A al termine della stagione 2003-2004, Antonio palesa la sua passione per la musica rock, suonando la chitarra in un concerto eseguito nella Curva Nord dello Stadio Renzo Barbera insieme al gemello Emanuele ed Andrea Gasbarroni.[19][20]

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ 113 (4) se si comprendono i play-off.
  2. ^ Giuseppe Bagnati; Vito Maggio; Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, giugno 2004, p. 188, ISBN 88-8207-144-8.
  3. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 14 (1997-1998), Panini, 6 agosto 2012, p. 5.
  4. ^ Mercato: presi Antonio ed Emanuele Filippini Ilpalermocalcio.it
  5. ^ Quadriennale per Adriano, ceduti i Filippini e Vannucchi, riscattato Pepe Ilpalermocalcio.it
  6. ^ Svincolati: al via le trattative sportmediaset.mediaset.it
  7. ^ Il ritorno Filippini: 'Realizzo un sogno', Bresciaingol.com.
  8. ^ Ufficiale: Antonio Filippini è un giocatore del Brescia, Bresciacalcio.it.
  9. ^ Antonio Filippini lascia il calcio giocato, diventerà allenatore dei giovanissimi, Bresciaingol.com.
  10. ^ AC Trento, per il dopo Vecchiato c'è Antonio Filippini, giornaletrentino.it.
  11. ^ Feralpi Salò, UFFICIALE: Addio ai gemelli Filippini, in calciomercato.com, 23 giugno 2014. URL consultato il 23 giugno 2014.
  12. ^ http://www.tuttomercatoweb.com/lega-pro/esclusiva-tmw-pres-lumezzane-esonero-obbligato-filippini-e-l-uomo-giusto-793934
  13. ^ RINNOVI CONTRATTUALI PER IL DG GRECO E MISTER FILIPPINI aclumezzane.it
  14. ^ Lumezzane, esonerato Filippini. La squadra a De Paola, su ilgiorno.it, 11 ottobre 2016. URL consultato il 31 marzo 2018.
  15. ^ UFFICIALE: Trento, scelto il nuovo allenatore notiziariodelcalcio.com
  16. ^ Filippini, gemelli contro: avversari in panchina per la prima volta in Serie D gazzetta.it
  17. ^ UFFICIALE: Trento, si dimette Filippini. Panchina al direttore sportivo notiziariocalcio.com
  18. ^ Play-off.
  19. ^ L'ultima notte è di Toni archiviostorico.gazzetta.it
  20. ^ Emanuele Filippini: "La Serie A un'altra musica" Ilpalermocalcio.it

BibliografiaModifica

  • Massimo Perrone (a cura di), Il libro del calcio italiano 1999/2000, Roma, Il Corriere dello Sport, 1999, p. 57.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica