Apri il menu principale

Antonio Lo Frasso

scrittore e militare italiano

BiografiaModifica

Le poche notizie sulla sua vita sono quelle contenute nelle sue opere, in cui si autodefinisce militar sardo de la ciudad de L'Alguer ("un militare sardo della città di Alghero"), e riferisce di essere stato ingiustamente accusato di omicidio per amore di una giovane algherese, per cui fu rinchiuso in carcere ed in seguito fu costretto a lasciare la Sardegna e si rifugiò a Barcellona, tra il 1565 e il 1571. E lì nel 1571, pubblicò il suo primo libro, intitolato Los mil y dozientos consejos y avisos discretos sobre los siete grados y estamentos de nuestra humana vida, in seguito pubblicò El verdadero discurso de la gloriosa victoria dove racconta le sue vicissitudini durante la battaglia di Lepanto. Ma deve la sua fama al romanzo pastorale prosimetro Los diez libros de Fortuna de Amor, ispirato alle opere dello scrittore napoletano Jacopo Sannazaro. Scrisse anche sonetti e una glosa in ottave in sardo, inseriti nel romanzo pastorale Los diez Libros de Fortuna d'Amor, a conferma dei suoi contatti con Gerolamo Araolla e Giovanni Francesco Fara[1].

OpereModifica

  • Los mil y dozientos consejos y avisos discretos sobre los siete grados y estamentos de nuestra humana vida, Barcelona, 1571.
  • El verdadero discurso de la gloriosa victoria, Barcelona, 1571.
  • Los diez libros de Fortuna de Amor, Barcelona, 1573 e London, 1740.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pasquale Tola, Dizionario Biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, 1837-38, vol. II, pp. 105-106.
  • G. Siotto Pintor, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, 1843-44, vol. III, pp. 461-467; vol. IV, pp. 71, 88, 120-123.
  • (ES) D. E. Toda y Guell, Bibliografía española de Cerdeña, Madrid, Tipografía de los Huérfanos, 1890, pp. 207-208, nn. 608-609.
  • R. Truffi, Antonio Frasso poeta sardo del secolo XVI, Il canto per la battaglia di Lepanto, Tre trionfi di donne, "Bollettino bibliografico sardo", III, 1909, pp. 45ss.
  • (ES) M. Menéndez Pelayo, Amplio juicio crítico sobre Antonio de Lofrasso, Madrid, C.S.I.C., 1943, t. II.
  • Francesco Alziator, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, 1954.
  • F. Alziator, Introduzione all'opera di Antonio Lo Frasso, Cagliari, 1974.
  • Giancarlo Porcu, Régula castigliana. Poesia sarda e metrica spagnola dal '500 al '700, Nuoro, Il Maestrale, 2008, pp. 44, 45, 122-126, 128, 157, 160, 192.
  • Patrizia Serra (a cura di), Questioni di letteratura sarda. Un paradigma da definire, Milano, 2012, n. 17, pp. 105-106.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN37275298 · ISNI (EN0000 0000 4634 0271 · SBN IT\ICCU\CFIV\138279 · LCCN (ENnr89012558 · BNF (FRcb15003424p (data) · WorldCat Identities (ENnr89-012558