Apri il menu principale

Antonio Manzini

attore, sceneggiatore e regista italiano

BiografiaModifica

Lavora prevalentemente come attore cinematografico e televisivo. In TV ha interpretato fra gli altri ruoli l'"ispettore Tucci" in Linda, il brigadiere e... e "Serpico" in Tutti per Bruno.[1]

Ha anche lavorato come regista in alcuni film e cortometraggi e come sceneggiatore dei film Il siero della vanità (di Alex Infascelli del 2004) e Come Dio comanda (di Gabriele Salvatores del 2008).[1]

Ha pubblicato diversi racconti e romanzi gialli: Sangue Marcio e La giostra dei criceti sono i suoi primi lavori. Con Sellerio editore Palermo, Antonio Manzini dà alla stampa racconti e romanzi che hanno come protagonista il Vicequestore Rocco Schiavone, poliziotto fuori dagli schemi, poco attento al potere ed alle forme. Rocco Schiavone è il protagonista dei romanzi Pista Nera (2013) [2], La costola di Adamo (2014)[3], Non è Stagione (2015), Era di maggio (2015), 07-07-2007 (2016), oltre che di racconti presenti nelle antologie poliziesche Capodanno in giallo, Ferragosto in giallo, Regalo di Natale, Carnevale in giallo , Crisi in giallo, Turisti in giallo (racconto Castore e Polluce) e Calcio in giallo (alcuni dei quali poi raccolti nel volume Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, vincitore del Premio Chiara 2016)[4].

Il 20 ottobre 2016 Chiarelettere pubblica il suo nuovo libro Orfani bianchi, opera incentrata sui figli delle badanti provenienti dell'est Europa[5].

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

AttoreModifica

OpereModifica

Serie di Rocco SchiavoneModifica

AltriModifica

  • Sangue marcio (2005), Fazi editore
  • La giostra dei criceti (2007), Einaudi editore
  • Sull'orlo del precipizio (2015), Sellerio editore
  • Orfani bianchi (2016), Chiarelettere editore
  • Ogni riferimento è puramente casuale (2019), Sellerio editore

RaccontiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Filmografia Antonio Manzini | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 10 agosto 2017.
  2. ^ Manzini, il killer sulla pista nera non è il gatto delle nevi, La Stampa. URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  3. ^ Antonio Manzini, nella gelida Aosta c'è una donna impiccata, La Stampa. URL consultato il 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2014).
  4. ^ Albo d'oro del Premio Chiara, su premiochiara.it. URL consultato il 2 maggio 2019.
  5. ^ La7 Attualità, Antonio Manzini e le storie dimenticate degli 'orfani bianchi', 28 ottobre 2016. URL consultato il 10 agosto 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41253935 · ISNI (EN0000 0000 6162 0730 · SBN IT\ICCU\TO0V\358679 · LCCN (ENn2005078619 · GND (DE1027402062 · BNF (FRcb15609144z (data) · WorldCat Identities (ENn2005-078619