Apri il menu principale

Antonio Pasquale di Borbone-Spagna

nobile spagnolo
Infante Antonio Pasquale
Lopez Portaña - Infante Antonio Pascual, Prado.jpg
Ritratto dell'infante Antonio Pasquale, opera di Vicente López y Portaña (Museo del Prado)
Nascita Palazzo Acquaviva, Caserta, Regno di Napoli, 31 dicembre 1755
Morte Monastero dell'Escorial, 20 aprile 1817
Luogo di sepoltura Panteón de Infantes, Monastero dell'Escorial
Padre Carlo III di Spagna
Madre Maria Amalia di Sassonia
Consorte Infanta Maria Amalia di Spagna

Antonio Pasquale di Borbone-Spagna, in spagnolo Antonio Pascual de Borbón y Wettin (Caserta, 31 dicembre 1755San Lorenzo de El Escorial, 20 aprile 1817), fu un Infante di Spagna, figlio del re Carlo III di Spagna e fratello minore dei re Carlo IV di Spagna e Ferdinando I delle Due Sicilie.

BiografiaModifica

Nato presso il Palazzo Vecchio (Acquaviva), a Caserta, con i nomi Antonio Pasquale Francesco Saverio Giovanni Nepomuceno Aniello Raimondo Silvestro di Borbone e Sassonia[1], era uno dei più intelligenti e laboriosi figli di Carlo III, assieme all'infante Gabriele, e aveva una forte somiglianza con il fratello maggiore Carlo IV. Fu un umanista devoto alle arti.

Alla morte dello zio Ferdinando VI di Spagna, che non aveva mai conosciuto, i suoi genitori, il fratello maggiore e le due sorelle, Maria Luisa e Maria Giuseppina e l'altro fratello Gabriele partirono dal Regno di Napoli per la Spagna, dove suo padre venne incoronato come Carlo III. Sua madre, Maria Amalia di Sassonia, morì nel 1760.

Il 25 agosto 1795, all'età di quarant'anni, sposò la nipote Maria Amalia (9 gennaio 1779 – 22 luglio 1798), figlia sedicenne di suo fratello Carlo IV, che morì tre anni più tardi senza dare un erede al marito.

Fu tra i sostenitori del nipote Ferdinando, principe delle Asturie, e disapprovava profondamente Manuel Godoy.

Fu a capo della Junta Suprema de Gobierno durante l'assenza del fratello e del nipote, quando essi tentarono di assecondare Napoleone a Bayonne. Durante la guerra d'indipendenza spagnola che ne seguì, visse con il resto della famiglia reale agli arresti domiciliari a Valençay.

Al termine della guerra svolse numerosi incarichi di alto livello. Fu un fervente sostenitore dell'assolutismo, organizzando movimenti per la restaurazione della monarchia assoluta.

Titoli nobiliariModifica

 
Stemma dell'infante Antonio Pasquale
  • 31 dicembre 1755 – 10 agosto 1759: Sua Altezza Reale Principe Antonio Pasquale di Napoli e Sicilia, Infante di Spagna;
  • 10 agosto 1759 – 20 aprile 1817: Sua Altezza Reale l'Infante Don Antonio Pasquale.

NoteModifica

  1. ^ In spagnolo, Antonio Pascual Francisco Javier Juan Nepomuceno Aniello Raimundo Silvestre de Borbón y Sajonia.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie