Apri il menu principale

Antonio Salutini

ciclista su strada e dirigente sportivo italiano
Antonio Salutini
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1979
Carriera
Squadre di club
1970-1971Filotex
1972Ferretti
1973-1974Sammontana
1975Zonca
Presutti Notari
Splendor
1976Zonca
1977-1979Vibor
Carriera da allenatore
1991Gis Gelati
1992-1995Mercatone Uno
1996-2001Saeco
2002Acqua & Sapone
2003-2004Domina Vacanze
2005-2006Naturino
2007Universal Caffè
2008Katay Cycling Team
2009Betonexpressz 2000 - Limonta
2010Acqua & Sapone
 

Antonio Salutini (Livorno, 17 ottobre 1947) è un ex ciclista su strada e dirigente sportivo italiano.

Professionista dal 1970 al 1978, è stato a lungo gregario di Franco Bitossi.

Indice

CarrieraModifica

Passato professionista nella Filotex il suo primo risultato significativo fu il secondo posto nella quarta tappa del Tour de Suisse 1970, preceduto dall'allora compagno di squadra Arnaldo Caverzasi, l'anno successivo concluse al secondo posto la classifica generale del Tour de Suisse dietro Gianni Motta.

Corridore solido ha ottenuto molti piazzamenti nelle corse in linea del panorama ciclistico italiano tuttavia non riuscì mai ad aggiudicarsi vittorie fra i professionisti.

Dopo il ritiro è rimasto nell'abbiente ciclistico dapprima come massaggiatore, poi come assistente di Luciano Pezzi e Alfredo Martini ed infine, a partira dal 1991 come direttore sportivo in molte importanti squadre ciclistiche italiane, portando nel professionismo, lavorando, facendo cresecere ed anche accompagnado al successo campioni e forti gregari del calibro di Silvio Martinello, Francesco Casagrande, Michele Bartoli, Massimiliano Lelli, Dario Frigo, Roberto Petito, Gian Matteo Fagnini, Eddy Mazzoleni, Salvatore Commesso, Ivan Gotti, Mario Cipollini, Filippo Simeoni, Paolo Savoldelli, Michele Scarponi, Valerio Agnoli, Alexander Kolobnev, Cadel Evans.

PalmarèsModifica

PiazzamentiModifica

Grandi giriModifica

1977: 67º

Classiche monumentoModifica

1970: 92º
1973: 84º
1976: 63º
1977: 79º

Collegamenti esterniModifica