Antonio Spinelli (teatino)

presbitero italiano dei teatini

Antonio Spinelli (Padova, 1630Monaco di Baviera, 1706) è stato un giurista e presbitero italiano cittadino della Repubblica di Venezia e sacerdote dei chierici regolari teatini, confessore della famiglia elettorale e consigliere privato della corte bavarese.

BiografiaModifica

Studiò legge, conseguì il dottorato in diritto civile e esercitò la professione forense a Venezia. Dopo essere entrato nell'ordine locale dei teatini, la sua attività consistette nell'insegnare ai novizi per diversi anni.[1]

Nel giugno 1662, su richiesta dell'Elettrice bavarese, Enrichetta Adelaide, si trasferì a Monaco di Baviera. Insieme ai padri Stefano Pepe e Girolamo Meazza, fondò il monastero di san Gaetano Thiene dell'Ordine teatino.[1] A seguito del voto della coppia elettorale di introdurre l'ordine religioso in Baviera, in occasione della nascita dell'atteso erede al trono Massimiliano Emanuele[2] l'Elettrice perseguì l'obiettivo dichiarato di sopprimere l'influenza dei Gesuiti.[3] Dopo la morte di Stefano Pepe, nel 1665, Spinelli gli succedette come confessore di Enrichetta Adelaide e mantenne questa carica fino alla morte dell'Elettrice nel 1676.[4] Fu anche educatore spirituale dei figli della coppia elettorale e anche loro confessore.

 
Le caratteristiche corone di volute sulle torri della Theatinerkirche di Monaco di Baviera sono riconducibili a un'idea di Spinelli.[5]

Dal 1665 al 1676, interessato anche all'architettura e alla storia dell'arte, fu direttore dei lavori della Theatinerkirche dopo aver potuto dimostrare al costruttore, Agostino Barelli, un fatale errore nella costruzione.[6] Inoltre, l'Elettrice Enrichetta Adelaide, nel 1670, lo incaricò di progettare e costruire il primoaltare maggiore della Chiesa Teatina. Questa notevole opera, con due angeli più grandi del vero e un tabernacolo sferico, fu completata con l'inaugurazione della chiesa nel 1675 e non fu sostituita da un altro altare maggiore fino al 1720.[7]

Nel 1668 Spinelli succedette ad Agostino Bozomos come prevosto del monastero teatino di Monaco. Ricoprì questa carica fino al 1671 e poi di nuovo dal 1674 al 1680.[2] Fu particolarmente impegnato nella canonizzazione del cofondatore dell'ordine, Gaetano Thiene, da lui fondato con il miracolo della liberazione di Napoli dalla peste nel 1556 e quello della nascita dell'erede al trono bavarese. La canonizzazione, avvenuta il 12 aprile 1671, fu celebrata a Monaco di Baviera e il monumentale dipinto "Intercessione di San Gaetano durante la peste a Napoli" di Joachim von Sandrart fu esposto per otto giorni in una porta trionfale davanti alla Residenza di Monaco di Baviera, che alla fine portò all'escalation del conflitto con i Gesuiti.[8] In occasione dell'onomastico del gesuita san Francesco Saverio a dicembre, il sacerdote gesuita Wilhelm Gumppenberg nominò lui e i santi Maria, Gennaro e Rosalia come i liberatori di Napoli dalla peste. Spinelli comprese l'ostentata omissione di Gaetano in questa lista non solo come una degradazione del santo, ma anche come un attacco alla gloria di Dio.[9] Con il sostegno dell'Elettrice, fece affiggere nelle chiese e nelle piazze di Monaco di Baviera una nota di protesta, in cui descriveva Gumppenberg come un "cattivo cronista".[10] La questione venne portata davanti al vescovo responsabile di Frisinga, il Wittelsbacher Alberto Sigismondo di Baviera, che era considerato un membro dei Gesuiti e che aveva posto grandi difficoltà alla costituzione dell'ordine teatino. Il fatto che il conflitto si sia concluso a favore di Spinelli e che Gumppenberg sia stato infine trasferito da Monaco a Salisburgo dimostra la posizione di forza che Spinelli si era nel frattempo costruita.

Sebbene Ferdinando Maria avesse un gesuita come confessore a vita, fu il teatino Spinelli a consegnargli i sacramenti[11] nel 1679 nel Castello di Schleißheim, poiché il padre gesuita Bernhard Frey[12][13] si era recato a Monaco poche ore prima della morte dell'Elettore.

Spinelli mantenne la sua influenza anche sotto il figlio e successore di Ferdinando Maria. Quando la figlia maggiore di Henriette Maria Anna Vittoria di Baviera, nel 1680 sposò l'erede al trono francese Luigi, figlio di Luigi XIV, avrebbe desiderato che Spinelli l'accompagnasse come confessore nella sua vita futura. Tuttavia, poiché egli era indispensabile alla corte di Massimiliano Emanuele e la Francia non voleva comunque concedere al nuovo Delfinato un confessore bavarese, le speranze di prendere piede alla corte francese furono deluse. Spinelli accompagnò Massimiano Emanuele in tutte le sue campagne in Ungheria. Nel 1690 ricevette il titolo di Reale consigliere spirituale segreto.[14]

 
La polemica di Spinelli contro Gumppenberg, pubblicata a stampa nel 1672

Il diario del monastero, che Spinelli compilò con grande accuratezza, dal dicembre 1673 al marzo 1705, è probabilmente una delle fonti più importanti sulla storia della Theatinerstift di Monaco di Baviera. Il suo confratello Girolamo Meazza aveva scritto un simile diario prima di lui (dal 1662 al 1671).[15]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (DE) Roswitha von Bary, Henriette Adelaide. Kurfürstin von Bayern, Monaco di Baviera, Unveränderter Nachdruck der Original-Ausgabe, 1980, p. 194.
  2. ^ a b (DE) Ernest Geiss, Die Reihenfolgen der Pfarr- und Ordensvorstände Münchens von der Gründungszeit bis zur Gegenwart, dann der landesherrlichen und städtischen Beamten vom 13. bis 18 Jahrh. Zur 700 jährigen Jubelfeier der Stadt München, München, C. Wolf u. Sohn, 1858, p. 30 e seguenti.
  3. ^ (DE) Carl Eduard Vehse, Geschichte der Höfe der Häuser Baiern, Würtemberg, Baden und Hessen, Hamburg, Hoffmann und Campe, 1853, p. 177.
  4. ^ (DE) Roswitha von Bary, Henriette Adelaide. Kurfürstin von Bayern, Monaco di Baviera, Unveränderter Nachdruck der Original-Ausgabe, 1980, p. 197.
  5. ^ (DE) Frank Purrmann, Agostino Barellis Doppelturmplanung für die Fassade der Theatinerkirche in München. Zu einem neu entdeckten Kupferstich des Jean Sauvé, München, 2011, p. 24.
  6. ^ (DE) Josef Hugo Biller e Hans-Peter Rasp, München Kunst & Kultur. Stadtführer und Handbuch, Monaco di Baviera, 2003, p. 421.
  7. ^ Thomas Reiser: St. Kajetan’s of Munich ‘Main Altar of 1675’ in the Year 1675. In: Regnum Dei, Collectanea Theatina. 68 (2012), S. 77–108.
  8. ^ (DE) Roswitha von Bary, Henriette Adelaide. Kurfürstin von Bayern, Monaco di Baviera, Unveränderter Nachdruck der Original-Ausgabe, 1980, p. 205.
  9. ^ (DE) Christoph Schorrer, Demüthigste Beantwortung Ihr Hochfürstlichen Durchlaucht Bischofen zu Freysing gnädigsten Schreibens von dem newlich beschehnen Verlauff wegen einer Predig so von dem Neapolitanischen Miracul des heiligen Francisci Xaverii in St. Michaelis Kirchen der Societet Jesu allhie erzehlet worden, München, Lucas Straub, 1672.
  10. ^ (DE) Karl Heinrich von Lang, Geschichte der Jesuiten in Baiern, Nürnberg, Riegel und Wießner, 1819, p. 165.
  11. ^ (DE) Roswitha von Bary, Henriette Adelaide. Kurfürstin von Bayern, Monaco di Baviera, Unveränderter Nachdruck der Original-Ausgabe, 1980, p. 323.
  12. ^ (DE) Italo Michele Battafarano, Spee nicht bei Drexel. Zur Strategie, wissend über die Cautio Criminalis zu schweigen (PDF), Trier, Spee, 1996, p. 112, ISSN 0947-0735 (WC · ACNP). URL consultato il 2 luglio 2021 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2014).
  13. ^ (DE) Udo Kindermann, Kunstdenkmäler zwischen Antwerpen und Trient. Beschreibungen und Bewertungen des Jesuiten Daniel Papebroch aus dem Jahre 1660, Köln/Weimar, Böhlau, 2002, p. 233, ISBN 3-412-16701-0.
  14. ^ (DE) Ludwig Hüttl e Max Emanuel, Der Blaue Kurfürst, 1679–1726. Eine politische Biographie, München, Süddeutscher Verlag, 1976, ISBN 3-7991-5863-4.
  15. ^ Eine Kurzübersicht von Inhalt, Aufbau und Autorschaften der erhaltenen Bände des Diarium Italicum (von 1662 mit Lücken bis 1801, heute im Bayerisches Hauptstaatsarchiv) bietet Reiser, S. 88–90.
Controllo di autoritàVIAF (EN309638510 · GND (DE1053679564 · CERL cnp02106460 · WorldCat Identities (ENviaf-309638510