Apri il menu principale
Antonio Trebiciani
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Carriera
Giovanili
Lazio
Carriera da allenatore
1970 Lazio CF Femminile
1970-1980 Roma Primavera
1972-1973 Roma Primavera
1973 Roma
1973-1974 Roma Vice
1974-1975 Roma Vice
1975-1977 Roma Vice
1977-1980 Roma Primavera
1980-1982 Latina
1982-1983 Sant'Elena Quartu
1983-1984 Grosseto
1985-1986 Pro Cisterna
1986-1988 Civitavecchia
2007-2009 non conosciuta Roma Team Sport Juniores
2008-2009 non conosciuta Roma Team Sport Allievi
2011-2012 non conosciuta ASD Vega Pulcini
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio Trebiciani (Roma, 26 marzo 1938) è un allenatore di calcio italiano.

Indice

CarrieraModifica

AllenatoreModifica

Originario di Ostia, dopo aver militato nelle giovanili della Lazio[1] ha iniziato allenando la Lazio Calcio femminile. In seguito è passato alla Roma "Primavera" per moltissimi anni dall'inizio degli anni Settanta fino al 1980 vincendo tre campionati nazionali nel 1972-1973, nel 1973-1974 e nel 1977-1978. Con la selezione "Primavera" della Roma ha vinto anche due Coppa Italia Primavera nel 1973-1974 e nel 1974-1975. È, a tutt'oggi, l'allenatore più titolato nel Campionato Primavera italiano e ha avuto il merito di portare in giallorosso, tra gli altri, anche Bruno Conti. Fu lui a spostare un giovane Claudio Ranieri da attaccante a terzino[2].

Volto del tutto sconosciuto al grande calcio, nelle ultime sei gare del campionato di Serie A 1972-1973, sostituì Helenio Herrera sulla panchina della prima squadra della Roma ottenendo complessivamente quattro pareggi e due sconfitte. La squadra risultò fra le quattro che avevano totalizzato 24 punti nell'arco della stagione, e per decidere quale di esse dovesse retrocedere si fece ricorso al criterio della differenza reti, favorevole alla salvezza dei giallorossi. In quella stagione fece esordire nella massima serie un giovanissimo Agostino Di Bartolomei[3]. L'anno seguente divenne il vice di Nils Liedholm[4].

Nel corso del 1977 tornò a sedere nuovamente sulla panchina della prima squadra della Roma, subentrando a Nils Liedholm[5].

Dal 1980 al 1982 ha poi allenato il Latina, portandolo in Serie C1. Il suo vice fu la "bandiera" della squadra nerazzurra Vittorio Crociara, primatista assoluto di gol e di presenze con la maglia della squadra del capoluogo pontino[6]

Nel 2008, già supervisore delle "Juniores", allena gli "Allievi" della Roma Team Sport[7]. Nel 2011 allena i "Pulcini" dell'A.S.D. Vega di Ostia.

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Competizioni giovaniliModifica

Roma: 1972-1973, 1973-1974, 1977-1978
Roma: 1973-1974, 1974-1975

NoteModifica

  1. ^ Le liste di trasferimento della Lega Nazionale, Il Corriere dello Sport, 2 settembre 1955, pag.3
  2. ^ Claudio Ranieri Archiviato il 21 ottobre 2013 in Internet Archive. Informazione.it, 12-09-2012.
  3. ^ Totti e De Rossi, nostalgia Di Bartolomei: «È lui l'unico capitano della Roma» Ilmessaggero.it, 29-03-2012.
  4. ^ Trebiciani: "Troverò il nuovo Bruno Conti"[collegamento interrotto] Sport13.it, 30-12-2011.
  5. ^ Gianluca Boserman - Roma: da Baar a Tebiciani, quei tecnici ragazzini[collegamento interrotto] Romagiallorossa.it, 16-03-2011.
  6. ^ Piergiorgio Renna, Storia sociale del Latina Calcio, Multimedia, 2004.
  7. ^ Allievi d'Eccellenza, la Roma Team Sport esonera Mussoni Archiviato l'8 dicembre 2015 in Internet Archive. Ilcorrierelaziale.it, 11-11-2008.

Collegamenti esterniModifica