Apri il menu principale
Antonio Varsori, University of Padova (15633354510).jpg

Antonio Varsori (Pontedera, 8 agosto 1951) è uno storico italiano. È tra i maggiori storici dell'integrazione europea, titolare dalla cattedra "Jean Monnet" di Storia dell'integrazione europea presso l'Università degli Studi di Padova, Presidente della Società Italiana di Storia Internazionale nonché membro del Comitato per la Pubblicazione dei Documenti Diplomatici Italiani del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.

Indice

BiografiaModifica

Nel 1975 si laurea in Scienze Politiche (indirizzo politico-internazionale) presso l'Università degli Studi di Padova con una tesi in Storia dei trattati e politica internazionale dal titolo Carlo Sforza: un "American ploy" o un de Gaulle italiano?. Inizia in seguito la carriera universitaria dapprima come ricercatore e dal 1992 come professore associato di “Storia delle relazioni internazionali” presso il Dipartimento di Studi sullo Stato della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Firenze. Nel 2003 diventa professore ordinario di Storia delle relazioni internazionali alla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Padova e dal 2004 è titolare della cattedra Jean Monnet di Storia dell'integrazione europea presso la stessa facoltà. La Direzione Generale Istruzione e Cultura della Commissione europea cita Varsori tra le "storie di successo" del progetto Jean Monnet.[1].

Dal 2009 al 2011 è stato Direttore del Dipartimento di Studi Internazionali e, dal 2012 al 2015, del neocostituito Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell'Università di Padova; è inoltre stato presidente del corso di laurea in Scienze Politiche, Studi Internazionali ed Europei e direttore del Master in integrazione europea presso l’Università di Padova.

È direttore della collana "Storia internazionale dell'età contemporanea" della casa editrice FrancoAngeli, condirettore della collana "Euroclio" della casa editrice svizzera Peter Lang e, dal 2015, direttore di "Ventunesimo Secolo" rivista di studi sulle transizioni edita da FrancoAngeli.

Ha tenuto lezioni in diverse istituzioni italiane ed europee, è associate fellow del Cold War Study Centre della London School of Economics e Membro associato del centro "IDEAS" della medesima Università; dal 2011 collabora con la School of Government dell'Università Luiss a Roma. È inoltre presidente del "groupe de liaison des historiens de l'Europe contemporaine auprés la Commission Européenne"; membro del comitato scientifico di riviste storiche di livello internazionale quali The Journal of European Integration History, Cold War History, Europa Europe e 49th Parallel. È membro fondatore del "Seminario di Storia internazionale dell'età contemporanea" nel quadro della "Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea (SISSCO)[2].

OpereModifica

Varsori è autore di numerose pubblicazioni, in varie lingue. Una di queste (L'Italia nelle relazioni internazionali dal 1943 al 1992) è tra i testi consigliati dal Ministero degli Esteri italiano per la preparazione al concorso per la carriera diplomatica.[3]
Di seguito l'elenco delle principali monografie di cui Varsori è autore:

  • Gli alleati e l'emigrazione democratica antifascista: 1940-1943, Firenze, Sansoni, 1982
  • Il Patto di Bruxelles, 1948: tra integrazione europea e alleanza atlantica, Roma, Bonacci, 1988
  • L' Italia nelle relazioni internazionali dal 1943 al 1992, Roma-Bari, Laterza, 1998
  • Dimensioni storiche della cooperazione internazionale, Padova, CLEUP, 2010
  • European Union history: themes and debates (con Wolfram Kaiser), Houndmills, Palgrave Macmillan, 2010
  • La Cenerentola d'Europa? L'Italia e l'integrazione europea dal 1947 a oggi, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2010
  • L' Italia e la fine della guerra fredda: la politica estera dei governi Andreotti (1989-1992), Bologna, Il Mulino, 2013
  • Storia Internazionale dal 1919 ad oggi, Bologna,Il Mulino 2015
  • Maggio Radioso. Come l'Italia entrò in guerra, Bologna, Il Mulino, 2015
  • Le relazioni internazionali dopo la guerra fredda 1987-2017, Bologna, Il Mulino, 2018

NoteModifica

  1. ^ "La Cattedra Jean Monnet tenuta dal professor Antonio Varsori ha dato un importante impulso all'insegnamento e alla ricerca in materia di integrazione europea presso l'Università degli Studi di Padova, in particolare tramite la creazione del Centro di studi europeo, composto da accademici di diverse facoltà. A testimonianza del successo dei corsi in Storia dell'integrazione europea, il numero degli studenti partecipanti è recentemente più che raddoppiato. Inoltre, il progetto Jean Monnet, tramite seminari e attività di ricerca, ha recato un contributo attivo al consolidamento delle relazioni con altri atenei italiani ed esteri. Non a caso la Cattedra Jean Monnet ha avviato l'iniziativa di un corso di laurea transnazionale in Studi europei che vede coinvolte le università di Padova, di Cluj-Napoca e di Timişoara, tutte sedi di cattedre Jean Monnet. Grazie all'organizzazione su base continuativa di seminari di alto livello dedicati a tematiche quali l'Europa negli anni settanta, la politica regionale e la formazione professionale, il professor Varsori ha dato grande visibilità alla Cattedra Jean Monnet e ne ha stimolato le attività didattiche. Basati su progetti di ricerca storica avanzata, i seminari sono culminati in importanti pubblicazioni. ... Con i suoi lavori precedenti, Varsori ha gettato una luce nuova sul dibattito relativo alla cooperazione europeo-occidentale per la difesa negli anni quaranta e cinquanta. La sua opera più celebre in materia è Il Patto di Bruxelles (1948): tra integrazione europea e alleanza atlantica (1988)."' In http://ec.europa.eu/dgs/education_culture/documents/publications/success-stories_monnet_it.pdf
  2. ^ Sito ufficiale della SISSCO
  3. ^ [1]

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40517592 · ISNI (EN0000 0000 8176 8003 · LCCN (ENn82132294 · GND (DE131783963 · BNF (FRcb12056430z (data)