Apri il menu principale

Antonio Liberti

imprenditore e dirigente sportivo argentino (1902-1978)
(Reindirizzamento da Antonio Vespucio Liberti)
Antonio Vespucio Liberti

Antonio Vespucio Liberti (San Fernando de la Valle, 27 novembre 1902Buenos Aires, 28 novembre 1978) è stato un imprenditore e dirigente sportivo argentino, a più riprese presidente del Club Atlético River Plate.

BiografiaModifica

Figlio d'immigrati genovesi, al momento del suo ingresso nel settore dirigente del River era tanto giovane che dovette inizialmente rinunciare poiché minorenne.[1] Fu per la prima volta presidente del club nel 1933; fino al 1935 mantenne l'incarico, che poi ricoprirà per altri quattro mandati: 1939, 1943-1952, 1960-1964 e 1966-1969.[2] Fu anche presidente del Torino nel 1956-1957, dal 14 gennaio al 18 febbraio 1957.

Durante la sua gestione il River Plate visse svariati periodi di successo, grazie anche al contributo economico di cui Liberti si rese protagonista: versò infatti ingenti cifre per portare al club giocatori stranieri di fama, attingendo al mercato di Uruguay, Brasile e Spagna.[2] Tra le principali opere cui diede l'impulso durante la presidenza ci fu la costruzione dell'Estadio Monumental, la cui prima pietra fu posta il 25 maggio 1935. Quando la società calcistica iniziò a vivere delle difficoltà in campionato (mancò il titolo per diciotto anni) fu nominato console generale a Genova.[2] Otto anni dopo la sua morte, avvenuta nel 1978, lo stadio "Monumental" da lui finanziato gli fu intitolato.

NoteModifica

  1. ^ (ES) Hugo Martínez de León, El Superclasico: Boca-River: Historia Y Secretos de Una Pasion, LibrosEnLaRed, p. 125, ISBN 1-59754-076-5.
  2. ^ a b c (ES) Antonio Vespucio Liberti, todo-argentina.net. URL consultato il 3 ottobre 2010.

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie