Apri il menu principale
Antonio Zucchi ritratto dalla moglie Angelika Kaufmann

Antonio Zucchi (Venezia, 1º maggio 1726Roma, 26 dicembre 1795) è stato un pittore italiano neoclassico.

BiografiaModifica

Nato in una famiglia di incisori e scenografi fu allievo di Francesco Fontebasso e soprattutto di Jacopo Amigoni[1]. Le prime committenze furono a carattere religioso ed è ben visibile l'influenza dei maestri, per esempio nella Via Crucis di San Giobbe[2].

Nel 1759 iniziò un viaggio tra Roma e Napoli insieme all'architetto inglese Robert Adam, viaggio che lo mise in contatto con la nascente cultura neoclassica che presto sarebbe divenute dominante in Europa. Questa influenza è già ben visibile nella Incredulità di San Tommaso, pala per la veneziana San Tomà iniziata a Roma[2]. Fu però nelle vedute che più manifestamente espresse il nuovo stile.

Su invito di Adam si trasferì in Inghilterra e con questi collaborò per la realizzazione di alcune decorazioni di gusto neoclassico per palazzi inglesi tra cui la vecchia Buckingham House, Kenwood, Newby Hall, Osterley Park, Nostell Priory, Caen Wood, e la Luton House. Nel 1770 venne eletto come membro associato del Royal Academy of Arts; negli anni successivi espose 6 quadri alla Royal Academy e con uno alla Free Society.[3]

A Londra conobbe la pittrice austro-svizzera Angelika Kauffmann che sposò nel 1781 e con la quale si trasferì a Roma dove spese i suoi ultimi anni.

NoteModifica

  1. ^ Maria Farquhar, Biographical catalogue of the principal Italian painters, by a lady, p. 207. URL consultato l'8 novembre 2017.
  2. ^ a b Pallucchini pp.231,232
  3. ^ The famous artists.

BibliografiaModifica

  • Rodolfo Pallucchini, La pittura veneziana del Settecento, Venezia-Roma, Istituto per la collaborazione culturale, 1960.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

(EN) Antonio Zucchi - Biografia, su thefamousartists.com.

Controllo di autoritàVIAF (EN95813167 · ISNI (EN0000 0001 1690 4758 · GND (DE136021646 · ULAN (EN500021408 · BAV ADV10025356 · CERL cnp01149142 · WorldCat Identities (EN95813167