Apri il menu principale
Apofillite
Apophyllitestilbite.jpg
Classificazione Strunz9.EA.15
Formula chimicaKCa4Si8O20(F,OH)·8H2O
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinoDimetrico
Sistema cristallinoTetragonale
Gruppo puntuale4/m 2/m 2/m
Gruppo spazialeP 4/mnc
Proprietà fisiche
Densità2,33-2,37[1][2] g/cm³
Durezza (Mohs)4,5-5[1][2]
SfaldaturaPerfetta secondo la base[1]
FratturaIrregolare[1]
Colorebianco[1][2], rosa[1], verde[1], giallo[1], violetto[1]
LucentezzaVitrea o Madreperlacea[1][2]
OpacitàDa trasparente a traslucida[1]
Strisciobianco[1][2]
DiffusioneAbbastanza raro[3]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La apofillite è un minerale appartenente alla famiglia dei fillosilicati.

Indice

Abito cristallinoModifica

Tetragonale pseudocubica. Si presenta con cristalli ben formati, ma anche massiva con cristalli uniformi e molto piccoli, non distinguibili tra loro.

Origine e giacituraModifica

L'apofillite è un minerale di origine idrotermale e come tale occupa soprattutto cavità di rocce basaltiche in associazione a stilbite, scolecite, prehnite, calcite e analcime.

Forma in cui si presenta in naturaModifica

L'apofillite si presenta in cristalli appiattiti, talora a forma di bipiramidi o lamelle, incolori, bianchi o debolmente colorati di rosa, verde, giallo.

Luoghi di ritrovamentoModifica

Esemplari molto belli provengono dall'Islanda e, soprattutto, da Pune, Nashik e altri distretti dell'India.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Scheda tecnica del minerale su webmineral.com
  2. ^ a b c d e Scheda tecnica del minerale su mindat.org
  3. ^ Annibale Mottana, Rodolfo Crespi, Giuseppe Liborio, "Minerali e rocce", Mondadori Editore, 1977"

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia