Apri il menu principale

Appendice (testo)

sezione aggiunta dopo la fine di un testo
(Reindirizzamento da Appendice (letteratura))

L'appendice (più raramente addendum)[1] è, in ambito editoriale, una sezione aggiunta dopo la fine di un testo come utile riferimento di carattere informativo e documentario. L'appendice può trovarsi sia nei saggi come nei romanzi.

Nei libri o nei manuali, l'appendice viene solitamente utilizzata:

In alcuni casi, per opere complesse come dizionari o enciclopedie, l'appendice può essere pubblicata in un volume separato, anche dopo diverso tempo dalla pubblicazione dell'opera originaria, come aggiornamento dell'opera stessa.

Nel XIX e in parte del XX secolo anche i quotidiani avevano un'appendice: lo spazio ad essa dedicato era il taglio basso di una pagina (quando i quotidiani avevano sei-otto pagine); venivano pubblicati scritti di vario genere, per lo più leggeri, come i romanzi d'appendice. Le opere che avevano successo potevano essere collocate anche nel taglio basso della prima pagina.

NoteModifica

  1. ^ Il termine addendum si usa per indicare genericamente una breve integrazione aggiunta a un testo già andato in stampa.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica