Apri il menu principale
I comuni dell'Appia dei Vini
Dipinto di un grappolo di Ottavianello, opera del XIX secolo di Viala & Vermorel
Appia Antica plate.jpg

L'Appia dei vini rappresenta un tracciato enogastronomico che copre i comuni di Brindisi, Ostuni, San Vito dei Normanni, Mesagne e Latiano.[1][2][3]

ComuniModifica

L'Appia dei Vini comprende i territori di cinque comuni: il capoluogo Brindisi, antico porto di origine pre-greca, la città bianca di Ostuni, Mesagne, fondata tra il VI e il IV secolo a.C., San Vito dei Normanni fondata dai Messapi e con un borgo medievale risalente al X secolo, e Latiano, fondata nel XII secolo.

La costa conserva numerosi baluardi di difesa contro i Saraceni, l'interno è contraddistinto dalla terra rossa dei campi divisi dai tipici muretti a secco e con sterminati oliveti.

Tutta la zona è caratterizzata dalla presenza di cantine, cui si affiancano i frantoi a ciclo continuo per la lavorazione delle olive che permettono la produzione di oli di qualità. Nelle campagne sorgono poi le masserie, ovvero delle fattorie fortificate molto diffuse in Puglia, oggi restaurate e visitabili, la cui presenza in questa zona è davvero considerevole.

Viti e vitigniModifica

Lungo la Strada esistono varietà indigene di vitigni: le robuste coltivazioni a frutto nero che consentono la preparazione di Negroamaro, Primitivo e Malvasia, alle quali si sono affiancate nel corso degli anni, le coltivazioni dei vitigni a uva bianca:

I vini DOC comprendono[4]:

NoteModifica

  1. ^ Strada del Vino L'Appia dei Vini Doc Brindisi-Ostuni, su bortonevivai.it. URL consultato il 16 giugno 2014.
  2. ^ L'Appia, strada dei vini, su MSN Italia. URL consultato il 1º aprile 2014.
  3. ^ Strada del Vino l'Appia dei vini DOC Brindisi-Ostuni, su Le strade del vino Puglia. URL consultato il 1º aprile 2014.
  4. ^ Vigneti e Cantine: 8 Strade del Vino in Puglia, su viagando.com. URL consultato il 16 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).