Apri il menu principale

DescrizioneModifica

In volo è riconoscibile da altri rapaci per la macchia bianca che ha sul dorso, per il rimanente ha una colorazione, variabile con l'età, prevalentemente di bruno rossiccio e con ventre chiaro striato di macchie più scure.

La specie presenta un discreto dimorfismo sessuale: la femmina ha una taglia media di 70 cm, un'apertura alare di quasi 180 cm, per un peso di quasi 2000 grammi. Il maschio ha dimensioni inferiori, non supera i 1500 grammi di peso e la taglia di 65 cm.

BiologiaModifica

AlimentazioneModifica

Si ciba prevalentemente di piccoli mammiferi, ma anche di uccelli che riesce a prendere in volo con grande abilità. Durante il periodo riproduttivo la sua dieta è costituita per quasi il 50% da conigli selvatici[3].

RiproduzioneModifica

Piuttosto precoce, inizia il corteggiamento in dicembre. La deposizione avviene solitamente entro la seconda decade di febbraio, mentre gli involi tra fine maggio ed inizio giugno.

TassonomiaModifica

Se ne conoscono due sottospecie:[2]

  • A. fasciata fasciata Vieillot, 1822
  • A. fasciata renschi (Stresemann, 1932)

Distribuzione e habitatModifica

È diffusa in Africa, Europa, Asia meridionale e in alcune isole del nord dell'Oceania.
In Italia si trova in Sicilia e saltuariamente in Calabria. Negli anni '80 del secolo scorso, si è estinta in Sardegna. Nel 2018, alcuni esemplari nati in Spagna, sono stati liberati in natura, con l'intento di ripopolare l'isola[4][5].

Il suo habitat è costituito da una commistione di praterie naturali, aree agricole estensive e pascoli, intercalati da aree a vegetazione arbustiva mediterranea.

ConservazioneModifica

La IUCN Red List classifica A. fasciata come specie a basso rischio (Least Concern).[1]

In Italia è specie protetta ai sensi della legge 157/92 [6]. La sua sopravvivenza è a rischio elevato. I pericoli maggiori sono rappresentati dal bracconaggio, dalle trasformazioni degli habitat, spesso causate dall'abbandono delle colture tradizionali, dalla sempre maggiore presenza umana nelle aree vocazionali per la specie e dai frequenti incendi dolosi. La popolazione italiana è pressoché concentrata in Sicilia, in cui nidificano 16-19 coppie [3].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) BirdLife International, Aquila fasciata, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Accipitridae, International Ornithologists’ Union, 2019, IOC World Bird Names (ver 9.2). URL consultato il 9 maggio 2014.
  3. ^ a b Vittorio, M., Grenci, S. and Campobello, D., Nuovi dati sulla biologia alimentare dell'Aquila di Bonelli (Hieraaetus fasciatus) durante il periodo riproduttivo, in Riv. Ital. Orn., 2001; 71 (1): 3-7.
  4. ^ Aquile Bonelli liberate in Sardegna, su ansa.it, 19 settembre 2018.
  5. ^ Aquila del Bonelli in Sardegna, su sardegnaambiente.it, 22 gennaio 2019.
  6. ^ Legge 11 febbraio 1992, n. 157 - Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica