Apri il menu principale

Arbitro internazionale di scacchi è un titolo riconosciuto dalla FIDE (Federazione Internazionale degli scacchi) a persone che si sono dimostrate capaci di dirigere importanti tornei o altre competizioni di scacchi.

L'arbitro ha il compito di assicurare che le leggi e i regolamenti stabiliti dalla FIDE siano rispettati. Il titolo è stato istituito nel 1951, ed è riconosciuto a vita.

Il regolamento per l'assegnazione del titolo è stabilito dalla sezione B.06.4 del FIDE Handbook (Manuale della FIDE). Oltre ad una approfondita conoscenza dei regolamenti ed una comprovata imparzialità, viene richiesta la conoscenza di una delle lingue ufficiali della FIDE ed una precedente esperienza di arbitro in importanti competizioni scacchistiche.

Arbitri Internazionali italianiModifica

All'ottobre 2018 la FIDE riconosce i seguenti arbitri internazionali italiani:

  • Afro Ambanelli
  • Benedetto Piero Arnetta
  • Leonardo Bartolini
  • Emilio Bellatalla
  • Gerhard Bertagnolli
  • Marco Biagioli
  • Alessandro Biancotti
  • Giuseppe Buonocore
  • Carlo Callegher
  • Claudio Cesetti
  • Jean Dominique Coqueraut
  • Michele Cordara
  • Francesca Dapiran
  • Flavio D'Alessandro
  • Francesco De Sio
  • Mauro Fiori
  • Stefano Ganci
  • Mario Held
  • Giuseppe Lamonica
  • Raffaele Lombardi
  • Maria Genoveffa Longo
  • Maurizio Mascheroni
  • Giovanni Battista Mornati
  • Mario Nardo
  • Ilaria Olivo
  • Sergio Pagano
  • Gianpietro Pagnoncelli
  • Fiorentino Palmiotto
  • Roberto Palombi
  • Cristina Pernici Rigo
  • Walter Ravagnati
  • Renzo Renier
  • Roberto Ricca
  • Marco Santandrea
  • Giuseppe Scoleri Cardelli
  • Paolo Silveri
  • Manlio Simonini
  • Luciano Strazzullo
  • Adriano Tapparo
  • Claudio Tornaboni
  • Claudio Venturi

Arbitri Internazionali italiani defuntiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi