Apri il menu principale

ArcelorMittal

azienda , leader nel settore dell'acciaio
ArcelorMittal
Logo
StatoLussemburgo Lussemburgo
Forma societariaSociété anonyme
Borse valori
ISINLU0323134006
Fondazione2006
Fondata daLakshmi Mittal
Sede principaleLussemburgo
Persone chiave
SettoreMetallurgico
Prodotti
Fatturato51,34 miliardi di EUR[1] (2016)
Utile netto1,61 miliardi di EUR[1] (2016)
Dipendenti199 000[2] (2017)
Sito web

ArcelorMittal S.A. è un colosso industriale mondiale[3], operante nel settore dell'acciaio, nato dalla fusione di due tra le più grandi aziende del settore, la Arcelor e la Mittal Steel Company, avvenuta nel 2006.[4] Il quartier generale si trova nella capitale del Lussemburgo. Oltre ad essere il più grande produttore d'acciaio, è anche attivo nel mercato della fornitura di acciaio per l'industria automobilistica e per i settori delle costruzioni, degli elettrodomestici e degli imballaggi.

Indice

OrganizzazioneModifica

Uomo chiave dell'azienda è il multimiliardario indiano Lakshmi Mittal: è infatti amministratore delegato e ha il potere di nominare 6 dei 18 membri del consiglio di amministrazione. Altri 6 membri vengono nominati da Arcelor, mentre i rimanenti 6 membri vengono divisi in parti uguali tra gli azionisti della compagnia e i dipendenti.

Giro d'affariModifica

L'azienda ha una produzione che arriva a 114 milioni di tonnellate complessive di acciaio ogni anno.[5] Il suo fatturato supera i 50 miliardi di euro e la compagnia fornisce ai proprietari utili netti per circa 1 miliardo e mezzo.[1] Conta circa 200 000 dipendenti e la capitalizzazione di mercato è pari a circa 26 miliardi di euro.[2][6]

La ArcelorMittal è quotata presso le borse di Parigi (MT), Amsterdam (MT), New York (MT), Bruxelles (MT), Lussemburgo (MT) e Madrid (MTS). Le sue azioni sono incluse in più di 120 indici borsistici, tra cui: DJ STOXX 50, Euro Stoxx 50, CAC 40, AEX, FTSE Eurotop 100, MSCI Pan-Euro, DJ Stoxx 600, S&P Europe 500, Bloomberg World Index, IBEX 35 e NYSE Composite.

Sedi italianeModifica

  • ArcelorMittal Distribution Solutions Italia S.r.l.: in Italia ha 6 centri di Servizio per la vendita di Prodotti Piani e Lunghi Lavorati: Monza, Marcon, San Giorgio di Nogaro, Rieti, Leinì, Flero. Un ufficio commerciale a Avellino. Headquarters in Monza. Produce nastri, lamiere, bandelle, travi prelavorate, angolari, palancole.
  • ArcelorMittal Commercial Long Italia S.r.l.: è situata in Orbassano, in provincia di Torino, ed ha un'altra sede operativa a Milano. Tra i prodotti vi sono travi, laminati mercantili, rotaie, palancole, profili speciali, tubi di grande diametro, tubi, vergella, barre e spranghe.
  • ArcelorMittal Piombino: situata a Piombino, nella provincia di Livorno, produce nastri di lamiera zincata e verniciata.
  • Altre sedi di ArcelorMittal: Saronno, in provincia di Varese.
  • ArcelorMittal Italia/ex-Ilva Taranto
  • ArcelorMittal Italia/ex-Ilva Genova
  • ArcelorMittal Italia/ex-Ilva Novi Ligure, in provincia di Alessandria
  • ArcelorMittal Italia/ex-Ilva Racconigi, in provincia di Cuneo
  • ArcelorMittal Italia/ex-Ilva Marghera, in provincia di Venezia
  • ArcelorMittal Italia/ ex Ilvaform Salerno

Sedi bosniacheModifica

  • L'unica sede è a Zenica (una vecchia sede industriale jugoslava che all'epoca aveva 22 000 dipendenti) con circa 3000 dipendenti.
  • L'accordo stretto con il governo di Bosnia ed Erzegovina ha permesso all'azienda di fare affari senza seguire quasi nessuna norma europea, più precisamente quelle ambientali mettendo a rischio la popolazione locale.[senza fonte]
  • Altre informazioni e testiomonianze: https://www.youtube.com/watch?v=df_eU1IfgGQ

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Conto economico ArcelorMittal S.A., su The Wall Street Journal. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato il 23 maggio 2017).
  2. ^ a b (EN) Profilo aziendale ArcelorMittal S.A., su The Wall Street Journal. URL consultato il 2 dicembre 2017.
  3. ^ Fortune Global 500 2010: The World's Biggest Companies - ArcelorMittal - MT, Fortune. URL consultato il 27 luglio 2010.
  4. ^ ArcelorMittal, Il Sole 24 ORE, 6 giugno 2017. URL consultato il 12 agosto 2018 (archiviato il 6 gennaio 2018).
  5. ^ (EN) The world’s leading steelmaker, su arcelormittal.com. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato il 21 gennaio 2018).
  6. ^ (EN) Panoramica ArcelorMittal S.A., su The Wall Street Journal. URL consultato il 2 dicembre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN169018708