Archibald Roosevelt

Archibald Bulloch "Archie" Roosevelt (Washington, 10 aprile 1894Stuart, 13 ottobre 1979) è stato un ufficiale statunitense.

Archibald Roosevelt
Archie Roosevelt WW-I.jpg
il capitano Roosevelt nel 1919
NascitaWashington D.C., 10 aprile 1894
MorteStuart, 13 ottobre 1979
Dati militari
Paese servitoFlag of the United States (1912-1959).svg Stati Uniti
Forza armataFlag of the United States Army.svg United States Army
Anni di servizio1917 - 1919; 1943 - 1944
GradoTenente colonnello
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
BattaglieBattaglia di Roosevelt Ridge
Comandante di3rd Battalion, 162nd Infantry Regiment
DecorazioniSilver Star (4)
voci di militari presenti su Wikipedia

BiografiaModifica

Archie era il quarto figlio del presidente Theodore Roosevelt, Jr., e della sua seconda moglie, Edith Kermit Carow. Archie è stato chiamato in onore del suo bis-bis-bisnonno materno Archibald Bulloch, un patriota della rivoluzione americana.

 
Archie in sella al suo pony Algonquin nel 1902

Sua cugina di primo grado era Eleanor Roosevelt e suo cugino di quinto grado era Franklin D. Roosevelt.

Da bambino Archie era molto silenzioso ma molto birichino, specialmente quando era con suo fratello Quentin; crescendo, Archie e Quentin rimasero molto vicini. Archie era un avido lettore e bravissimo a mettere insieme i puzzle rapidamente. Suo padre gli disse: "Archie, il mio ragazzo intelligente, non rinuncia mai alla tua intelligenza; questo vale per te e tuo fratello Quentin."

Archie frequentò la Force School e la Sidwell Friends School[1]. Dopo essere stato espulso da Groton, Archie continuò i suoi studi alla Evans School for Boys[2], e si diplomò alla Phillips Academy. Frequentò la Harvard University, dove si laureò nel 1917.

Carriera militareModifica

Prima guerra mondialeModifica

Archie si offrì volontario per entrare nell'esercito nel 1917 e venne spedito in Francia dove fu ferito mentre prestava servizio con la 1ª divisione di fanteria degli Stati Uniti. Le sue ferite erano così gravi che fu dimesso dall'esercito con disabilità totale. Aveva concluso la guerra come capitano dell'esercito. Dopo la morte di suo padre nel 1919, fu lui a inviare il telegramma informando tutti i suoi fratelli che "il vecchio leone è morto".

DopoguerraModifica

Dopo la fine della guerra, lavorò per un certo periodo come dirigente presso la Sinclair Consolidated Oil Company, come vice presidente della Union Petroleum Company, la sussidiaria ausiliaria per le esportazioni della Sinclair Consolidated. Allo stesso tempo, suo fratello maggiore, Ted, era assistente segretario della Marina. Nel 1922, Albert B. Fall, Segretario degli Interni degli Stati Uniti, prese in affitto, senza gara d'appalto, il Teapot Dome Field da Harry F. Sinclair, e il campo di Elk Hills, in California, da Edward L. Doheny, entrambi i campi fecero parte delle riserve petrolifere della Marina. La connessione tra i fratelli Roosevelt non poteva essere ignorata. Dopo che Sinclair salpò per l'Europa per evitare di testimoniare, GD Wahlberg, segretario privato di Sinclair, consigliò ad Archibald Roosevelt di dimettersi per salvare la sua reputazione[3]. Alla fine, dopo le dimissioni da Sinclair, Roosevelt diede una testimonianza chiave al Comitato del Senato per le indagini sullo scandalo Teapot Dome, in cui Roosevelt non fu implicato, ma dove Sinclair e Doheny diedero entrambi "prestiti personali" al Segretario Fall. Successivamente, Roosevelt lavorò presso una cugina nell'azienda di investimento familiare, Roosevelt & Son.

Nell'estate del 1932, Archie, l'ex presidente Calvin Coolidge, l'ex avvocato generale William Marshall Bullitt, l'ammiraglio Richard E. Byrd e il generale James Harbord, tra gli altri, formarono un gruppo noto come National Economy League[4][5].

Incontro con Qazi Muhammad della Repubblica di MahabadModifica

Nel 1942, il capitano Archibald Roosevelt incontrò il presidente curdo, Qazi Muhammad, a Mahabad, poco prima della creazione della repubblica curda appoggiata dai sovietici. L'incontro ebbe luogo presso la casa di Qazi Muhammad a Mahabad[6].

Seconda guerra mondialeModifica

Durante il 1943, in seguito all'attacco a Pearl Harbor, Roosevelt presentò una petizione al presidente Franklin D. Roosevelt per mettere a frutto le sue capacità di comando affinate sul campo di battaglia. Il presidente approvò la sua richiesta e si riunì all'esercito con una commissione come tenente colonnello. A Roosevelt fu dato il comando all'inizio del 1943 del 2nd Battalion, 162nd Infantry Regiment, chiamato anche 162 Regimental Combat Team, (RCT), 41st Infantry Division in Nuova Guinea, comando che mantenne fino all'inizio del 1944. Lavorando con la Australian 3rd Division, Roosevelt e il suo battaglione sbarcò nella baia di Nassau in Nuova Guinea, l'8 luglio 1943[7][8].

Superando significative ambiguità di comando tra le forze americane e australiane a causa della sovrapposizione di sfere operative, Roosevelt ebbe un ruolo importante nella campagna di Salamaua.

Il 12 agosto 1943, Roosevelt fu ferito da una granata nemica, che frantumò lo stesso ginocchio che era stato ferito durante la prima guerra mondiale e per il quale era stato precedentemente congedato dal punto di vista medico, guadagnandosi la distinzione di essere l'unico americano ad essere mai classificato come disabile al 100% due volte per la stessa ferita subita in due guerre diverse. Al momento della sua ferita, il comando del suo battaglione passò al suo ufficiale esecutivo, il maggiore Taylor. Archie tornò alla sua unità all'inizio del 1944.

Carriera politicaModifica

Dopo la fine della guerra, Roosevelt costituì la società di investimento di Roosevelt e Cross, una società di intermediazione specializzata in obbligazioni comunali. Nel 1953 si unì alla Empire State Society of the Sons of the American Revolution di cui erano stati membri sia suo padre che il fratello maggiore.

Attivismo e controversieModifica

Durante i primi anni '50, Archie divenne affiliato con una varietà di organizzazioni e cause di destra. È entrato a far parte della John Birch Society ed è stato il fondatore della Veritas Foundation, che si dedicava a sradicare le presunte influenze socialiste ad Harvard e in altri importanti college e università. Fu anche lo sponsor principale di "The Alliance", un'organizzazione di breve durata degli anni '50[9].

Nel 1954, quando la Theodore Roosevelt Association prese la decisione di assegnare un riconoscimento per il distinto servizio pubblico al diplomatico di colore Ralph Bunche, Archie protestò a gran voce contro il premio. È persino arrivato a scrivere e pubblicare un opuscolo di 44 pagine che ha tentato di dimostrare che Bunche ha lavorato come agente della "Cospirazione comunista internazionale" per più di due decenni[10].

Ha inoltre ricoperto la carica di Presidente di un'organizzazione denominata The Alliance, Inc., dove Zygmund Dobbs era direttore della ricerca[11].

MatrimonioModifica

Sposò, il 14 aprile 1917 alla Emmanuel Church di Boston, Grace Lockwood, figlia di Thomas Lockwood ed Emmeline Stackpole. Ebbero quattro figli:

MorteModifica

Nel 1971, la moglie di Archie, Grace Lockwood Roosevelt, morì in un incidente automobilistico vicino a casa sua, a Cold Spring Harbor, con il marito al volante.

Il 13 ottobre 1979, Roosevelt morì di un ictus a Stuart, in Florida. È sepolto con sua moglie al Young's Cemetery, Oyster Bay.

OnorificenzeModifica

Onorificenze statunitensiModifica

  Silver Star
  Bronze Star Medal
  Purple Heart
  Medaglia interalleata della vittoria (Stati Uniti d'America)
  American Campaign Medal
  Asiatic-Pacific Campaign Medal
  World War II Victory Medal

Onorificenze straniereModifica

  Croix de guerre 1914-1918

NoteModifica

  1. ^ (EN) Hansen Stephen, InTowner Publishing Corp. » The Force School: Alma Mater to Presidents’ Son, a Count, and a World-Famous Aviator, su intowner.com. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  2. ^ Theodore Roosevelt (1916) A Book-Lover's Holidays in the Open. New York: Charles Scribner's sons.
  3. ^ Scandal?, in TIME, 28 gennaio 1924.
  4. ^ HEROES: Again, Bonuseers, in TIME, 12 settembre 1932.
  5. ^ National Affairs: Economy Lobby, in TIME, 2 gennaio 1933.
  6. ^ https://kurdistan.photoshelter.com/image?_bqG=148&_bqH=eJwzck1xDg3xiHd3N88wDY30NfQMcnYvLHJMMUy2MjM2tDI0MABhIOkZ7xLsHO_o52JbogZm2wakFhXn5.Ul5mSWpGoDxUKDXYPiPV1sQ0HqzULCc8v18ixzfSPV4h2dQ2yLUxOLkjMALvUhsw--
  7. ^ David Dexter (1961) Australia in the War of 1939–1945. Series 1 – Army – Volume Vol6 Chapter 5. The Capture of Mubo Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., The Australian War Memorial (TOC Archiviato il 12 maggio 2009 in Internet Archive.)
  8. ^ HyperWar: US Army in WWII: CARTWHEEL-The Reduction of Rabaul. Ibiblio.org. Retrieved on 2011-06-12.
  9. ^ Daniel Bell, Editor. The Radical Right, Third Edition. (New York: Transaction Publishers, 2001), p. 333.
  10. ^ Edward Renehan. The Lion's Pride. (Oxford University Press, 1998). p. 244.
  11. ^ (EN) Zygmund Dobbs, Red Intrigue and Race Turmoil (PDF), Foreword by Archibald B. Roosevelt, 1st, New York, The Alliance, Inc., 1958, p. i.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN28818219 · ISNI (EN0000 0000 3540 7960 · LCCN (ENn97085872 · WorldCat Identities (ENlccn-n97085872