Arcidiocesi di Oviedo

arcidiocesi cattolica romana in Spagna

L'arcidiocesi di Oviedo (in latino: Archidioecesis Ovetensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Spagna. Nel 2019 contava 976.832 battezzati su 1.028.244 abitanti. È retta dall'arcivescovo Jesús Sanz Montes, O.F.M.

Arcidiocesi di Oviedo
Archidioecesis Ovetensis
Chiesa latina
Catedral oviedo.jpg
 
Stemma della diocesi
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Diocesi suffraganee
Astorga, León, Santander
 
Arcivescovo metropolitaJesús Sanz Montes, O.F.M.
Presbiteri398, di cui 318 secolari e 80 regolari
2.454 battezzati per presbitero
Religiosi129 uomini, 630 donne
Diaconi6 permanenti
 
Abitanti1.028.244
Battezzati976.832 (95,0% del totale)
Superficie10.604 km² in Spagna
Parrocchie932
 
Erezione811
Ritoromano
CattedraleSan Salvatore
IndirizzoCorrada del Obispo 1, 33003 Oviedo, España
Sito webwww.iglesiadeasturias.org
Dati dall'Annuario pontificio 2020 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Spagna
Chiostro della cattedrale di Oviedo.
Santuario della Vergine di Covadonga.
Chiesa di sant'Isidoro, Oviedo.
La basilica di Santa Maria Maddalena a Cangas del Narcea.

TerritorioModifica

L'arcidiocesi comprende il principato delle Asturie.

Sede arcivescovile è la città di Oviedo, dove si trova la cattedrale del Santo Salvatore. Oltre alla cattedrale, nel territorio sorgono altre cinque basiliche minori: il santuario della Vergine di Covadonga, la basilica di Santa Maria Assunta a Llanes, la basilica del Sacro Cuore a Gijón, la basilica di Santa Maria Maddalena a Cangas del Narcea e la basilica di San Juan el Real a Oviedo.

Il territorio si estende su 10.604 km² ed è suddiviso in 932 parrocchie.

Provincia ecclesiasticaModifica

La provincia ecclesiastica di Oviedo, istituita nel 1954, comprende le seguenti suffraganee:

StoriaModifica

La diocesi di Oviedo fu eretta nell'anno 811.

Nel 1105 la diocesi ottenne l'esenzione dalla sede metropolitana e divenne immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Durante il Medioevo Oviedo ebbe notevole importanza come tappa del Cammino di Santiago, l'importante via di pellegrinaggio che consentì alla diocesi di rimanere in comunicazione con tutta Europa. Oviedo stessa divenne meta dei pellegrini alle reliquie dell'Arca Santa. Grazie ai rapporti con il resto d'Europa si ebbe la fioritura di numerosi monasteri benedettini cluniacensi sulla Cordigliera Cantabrica.

A partire dal 1608 la formazione del clero fu affidata all'Università di Oviedo.

Il seminario diocesano fu inaugurato nel 1851.

Il 17 ottobre 1954, in forza del decreto Quum sollemnibus della Congregazione concistoriale, furono rivisti i confini della diocesi per farli coincidere con quelli della provincia civile, in applicazione del concordato tra la Santa Sede e il governo spagnolo del 1953. La diocesi di Oviedo perse buona parte del suo territorio con la cessione di tutte le parrocchie che si trovavano oltre i confini delle Asturie a favore delle diocesi di Zamora, di León, di Astorga, di Lugo, di Mondoñedo e di Santander.

Il 27 ottobre 1954 fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Cum et Nobis di papa Pio XII.

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

StatisticheModifica

L'arcidiocesi nel 2019 su una popolazione di 1.028.244 persone contava 976.832 battezzati, corrispondenti al 95,0% del totale.

anno popolazione presbiteri diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per presbitero uomini donne
1950 1.300.000 1.300.040 100,0 893 718 175 1.455 175 825 1.150
1969 ? 1.030.000 ? 974 726 248 ? 432 1.780 455
1980 1.152.505 1.170.650 98,5 825 637 188 1.396 299 1.399 944
1990 1.092.856 1.107.010 98,7 757 583 174 1.443 274 1.244 949
1999 1.032.069 1.081.834 95,4 680 526 154 1.517 253 1.076 943
2000 1.032.069 1.081.834 95,4 680 517 163 1.517 261 1.068 943
2001 1.034.435 1.084.314 95,4 658 497 161 1.572 252 1.050 943
2002 1.016.185 1.075.329 94,5 643 486 157 1.580 249 1.030 934
2003 1.003.777 1.062.198 94,5 624 475 149 1.608 239 1.018 934
2004 1.016.235 1.075.381 94,5 605 463 142 1.679 236 976 934
2013 1.077.360 1.092.200 98,6 505 396 109 2.133 166 648 933
2016 998.372 1.050.917 95,0 461 361 100 2.165 2 146 654 933
2019 976.832 1.028.244 95,0 398 318 80 2.454 6 129 630 932

NoteModifica

  1. ^ a b c d (ES) Manuel Carriedo Tejedo, Obispos de Ourense (909-985) y obispos de Oviedo (913-991), «Diversarum rerum», nº 11 (2016), pp. 15-32.
  2. ^ Nel documento di luglio 974, il vescovo Diego di Oviedo è menzionato anche come vescovo di Orense, indizio che in quest'epoca le due sedi erano unite. Manuel Carriedo Tejedo, Obispos de Ourense (909-985) y obispos de Oviedo (913-991), p. 29. Con la nomina di Vermudo, vescovo documentato almeno da marzo 976, le due sedi vennero separate e Diego rimase vescovo di Orense (p. 30).
  3. ^ a b (ES) Manuel Carriedo Tejedo, Obispos de Ourense, obispos de Tui y obispos de Lugo (982-1071), «Diversarum rerum», nº 12 (2017), p. 29.
  4. ^ Nominato vescovo titolare di Nilopoli.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi