Arcidiocesi di Salta

arcidiocesi cattolica romana in Argentina
Arcidiocesi di Salta
Archidioecesis Saltensis
Chiesa latina
Catedral de Salta 1.jpg
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Diocesi suffraganee
Cafayate, Catamarca, Humahuaca, Jujuy, Orán
Arcivescovo metropolita Mario Antonio Cargnello
Vicario generale Dante Bernacki
Sacerdoti 129 di cui 91 secolari e 38 regolari
6.873 battezzati per sacerdote
Religiosi 42 uomini, 125 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 986.800
Battezzati 886.700 (89,9% del totale)
Superficie 92.860 km² in Argentina
Parrocchie 68
Erezione 28 marzo 1806
Rito romano
Cattedrale di Nostro Signore e della Vergine del Miracolo
Santi patroni Santi Filippo e Giacomo
Indirizzo España 596, 4400 Salta, Argentina
Sito web www.arquidiocesissalta.org.ar
Dati dall'Annuario pontificio 2018 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Argentina
La basilica minore di San Francesco a Salta.

L'arcidiocesi di Salta (in latino: Archidioecesis Saltensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Argentina. Nel 2017 contava 886.700 battezzati su 986.800 abitanti. È retta dall'arcivescovo Mario Antonio Cargnello.

TerritorioModifica

L'arcidiocesi comprende parte del dipartimento di Susques della provincia di Jujuy e quindici dipartimenti della provincia di Salta: Anta, Metán, Rosario de la Frontera, La Candelaria, Guachipas, La Viña, Chicoana, General Güemes, Capital, La Caldera, Rosario de Lerma, Cachi, La Poma, Los Andes e Cerrillos.

Sede arcivescovile è la città di Salta, dove si trova la cattedrale di Nostro Signore e della Vergine del Miracolo. Nella stessa città sorge anche la basilica minore di San Francesco.

Il territorio si estende su 92.860 km² ed è suddiviso in 68 parrocchie.

Provincia ecclesiasticaModifica

La provincia ecclesiastica di Salta, istituita nel 1934, comprende cinque suffraganee:

StoriaModifica

La diocesi di Salta fu eretta il 28 marzo 1806 con la bolla Regalium Principum di papa Pio VII, ricavandone il territorio dalle diocesi di Santiago del Cile e di Córdoba (oggi entrambe arcidiocesi).

Nel 1812 il primo vescovo Nicolás Videla del Pino, accusato di parteggiare per la Corona spagnola, fu obbligato dal generale Manuel Belgrano ad abbandonare la città. Per quasi cinquant'anni Salta non ebbe più un suo vescovo e fu retta da un vicario apostolico e altri vicari capitolari; José Eusebio Colombres, eletto vescovo nel 1858, morì prima di essere consacrato.

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di La Plata o Charcas (oggi arcidiocesi di Sucre in Bolivia), il 5 marzo 1865 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Buenos Aires.

Il 15 febbraio 1897 e il 21 gennaio 1910 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della diocesi di Tucumán (oggi arcidiocesi) e della diocesi di Catamarca.

Il 22 maggio 1920 acquisì dalla diocesi di Catamarca il territorio del dipartimento di Los Andes;[1] il 2 luglio 1944 cedette alla diocesi di Catamarca il dipartimento di Antofagasta de la Sierra.[2]

Il 20 aprile 1934 per effetto della bolla Nobilis Argentinae nationis di papa Pio XI ha ceduto un'ulteriore porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Jujuy e contestualmente è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana.

Il 10 aprile 1961 e l'8 settembre 1969 ha ceduto ancora porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della diocesi di Orán e della prelatura territoriale di Cafayate.

Il 21 gennaio 1972 si è ampliata, incorporando la parte del dipartimento di Susques a sud del Tropico del Capricorno dalla prelatura territoriale di Humahuaca.[3]

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Nicolás Videla del Pino † (23 marzo 1807 - 17 marzo 1819 deceduto)
    • José Agustín Molina y Villafañe † (11 luglio 1836 - 1º ottobre 1838 deceduto) (vicario apostolico)
    • Sede vacante (1838-1858)
    • José Eusebio Colombres † (23 dicembre 1858 - 11 febbraio 1859 deceduto) (vescovo eletto)
  • Buenaventura Rizo Patrón, O.F.M. † (13 luglio 1860 - 13 novembre 1884 deceduto)
    • Sede vacante (1884-1893)
  • Pablo Padilla y Bárcena † (19 gennaio 1893 - 8 febbraio 1898 nominato vescovo di Tucumán)
  • Matías Linares y Sanzetenea † (8 febbraio 1898 - 2 aprile 1914 deceduto)
  • José Calixto Gregorio Romero y Juárez † (29 ottobre 1914 - 17 agosto 1919 deceduto)
    • Sede vacante (1919-1923)
  • Julio Campero y Aráoz † (11 giugno 1923 - 22 giugno 1934 dimesso)
  • Roberto José Tavella, S.D.B., † (20 settembre 1934 - 21 maggio 1963 deceduto)
  • Carlos Mariano Pérez Eslava, S.D.B. † (26 dicembre 1963 - 7 gennaio 1984 ritirato)
  • Moisés Julio Blanchoud † (7 gennaio 1984 - 6 agosto 1999 ritirato)
  • Mario Antonio Cargnello, succeduto il 6 agosto 1999

StatisticheModifica

L'arcidiocesi nel 2017 su una popolazione di 986.800 persone contava 886.700 battezzati, corrispondenti all'89,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 290.000 300.000 96,7 124 42 82 2.338 96 145 29
1964 ? 350.000 ? 108 45 63 ? 112 30
1970 320.000 376.000 85,1 114 44 70 2.807 81 115 33
1976 307.722 364.680 84,4 100 40 60 3.077 70 80 37
1980 355.000 417.000 85,1 75 35 40 4.733 1 43 91 35
1990 645.200 715.000 90,2 84 52 32 7.680 8 48 105 40
1999 687.000 791.000 86,9 109 81 28 6.302 7 72 84 49
2000 685.513 791.000 86,7 116 83 33 5.909 7 82 87 50
2001 690.428 800.000 86,3 107 73 34 6.452 6 78 85 52
2002 677.678 752.976 90,0 106 72 34 6.393 6 61 74 52
2003 677.678 752.976 90,0 111 77 34 6.105 6 71 78 52
2004 677.678 752.976 90,0 113 79 34 5.997 6 63 78 53
2010 717.000 797.000 90,0 138 90 48 5.195 7 86 166 57
2014 745.000 860.000 86,6 121 87 34 6.157 5 65 128 60
2017 886.700 986.800 89,9 129 91 38 6.873 4 42 125 68

NoteModifica

  1. ^ (LA) Bolla Semper Romani, AAS 12 (1920), pp. 323-324.
  2. ^ (LA) Sacra Congregazione Concistoriale, Decreto Cum nuper, AAS 36 (1944), p. 291.
  3. ^ (LA) Congregazione per i Vescovi, Decreto Maiori Christifidelium, AAS 64 (1972), pp. 316-317.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi